I luoghi della memoria nel Comune di Castiglione del Lago.

 

 

Cippi, lapidi e monumenti: sono questi i simboli che aiutano a ricordare ai presenti, e a tramandare ai posteri, particolari momenti della nostra storia. Eventi positivi o eventi negativi da cui trarre, comunque, un insegnamento.  

Lo scopo di questo volume è raccogliere una documentazione fotografica della simbologia che racconta i tragici eventi delle due Guerre Mondiali, al di là del “chi”, “come” e “perché” ha voluto esporre tali memorie. Il solo intento è di conservare il ricordo di chi ha dato la vita per il proprio ideale oppure è rimasto tragicamente vittima innocente di un evento imperscrutabile. 

Le fotografie dei “luoghi della memoria”, momenti della nostra storia, sono inserite nel contesto della storia dell’Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi di Guerra, custode delle memorie di tanti soldati reduci dagli avvenimenti bellici nel “tempio” della Casa del Mutilato e dell’Associazione Volontari Italiani del Sangue Sezione Comunale di Castiglione del Lago, attuale proprietaria dello storico fabbricato. 

L’aforisma di Ungaretti “…Sopravvivere alla morte è vivere…” trascritto nel “Monumento alla vita” e l’immagine finale del monumento stesso, formano una simbolica cornice, piena di speranza e di fiducia nel futuro.

Arti Tipografiche Toscane, Cortona, 2007.

Torna alla pagina iniziale