FEDERICO GIAPPICHELLI 

 

   

 

 

Maestro elementare, è nato a Mercatale di Cortona il 19 settembre 1919.

Dopo l’adolescenza travagliata, studiando per corrispondenza, ha conseguito la licenza di abilitazione magistrale, come privatista, a Castiglion Fiorentino (Arezzo) nel 1945.

Ha insegnato in varie scuole del Comune di Cortona: S. Andrea di Sorbello, Pietraia, Ossaia, Riccio e Terontola.

Dal 1985 è in pensione e vive a Terontola con la moglie Iva Sgaragli.

Per lui la poesia ha rappresentato costantemente il principale linguaggio espressivo verso se stesso e verso gli altri.

La prima pubblicazione di poesie risale al 1995: "I giorni lontani".

E’ del 1998, a cura del Comune di Lisciano Niccone, la pubblicazione della raccolta di poesie in vernacolo “L’ombra delle nuvole”.

Le due successive raccolte di poesie in lingua sono: “Il Concerto” (giugno 1999) e “Primule e Stellette” (dicembre 1999).

 

 

 

IL VERDONE

 

Il bellissimo verdone, preso vivo con la mia tagliola suscitò l’ammirazione degli amici, ma “Nicche”, il più esperto, profferì la crudele sentenza: “Anco si l’ guerni, lu more lostesso!”

Nella camera della nonna Anna, morta poche settimane prima, il verdone, nella sua gabbia, pareva aver riportato la vita... purtroppo la sentenza di Nicche si avverò: la mattina seguente il grazioso uccellino era morto!

 

Sopra ‘n mucchjo de stabbio (1) ‘na mattina

prese co’ le caltròppele (2) ‘n verdone...

tutto ‘ntorno éra bianco pe’ la brina;

era deserta l’èja e lu stradone.

 

Verde pisello - vivo - col su’ bécco

me pizzichèva i déti mentre lieto

tra le mène l’ tenevo... quando ecco

spùnton l’amici e me se metton ghjétro.

 

“Rigo, famme vedé... quant’è billino!

... Méttolo ta la gabbia ché te campa...

Guèrnolo coi lumbrichi e col simino!”

Chj gni tocchéa le aline, chj ‘na zampa.

_______________________________

1) Concime stallatico.

2) Tagliole.

 

“Compagni a tésto n’ho chjappèti due”

me disse Nicche (3) pe’ ‘n passé da fesso;

senza manco guardallo disse pùe:

“Anco si l’guerni, lu, móre lostesso!”

 

Mentre zampetta tra le stecche l’guardo

el mi verdone dentro la su gabbia

e armùgino tra me: “Nicche è bugiardo,

ma gniel farò vedé per fagni rabbia!”

 

Ma la mattina doppo era finita!!!

‘N groppo de pianto me salì a la gola:

quela stanza deserta, senza vita,

pe’ la seconda volta armanse sola!

_______________________________

3) Soprannome dell’amico Antonio Pignattini.

Mercatale, marzo 1930

 

 

 


LA ZUCCA PELATA

 

Negli anni della mia infanzia, per combattere i fastidiosi e nocivi “inquilini” che imperversavano sul capo dei ragazzi, al sopraggiungere della primavera, possibilmente il primo venerdì di marzo, si provvedeva alla tosatura dei capelli. Molti miei coetanei accettavano senza traumi l’operazione e a scuola e per le vie del paese ostentavano con serenità quelle “rape” bianche e bitorzolute.  Io, invece, avevo un sacro terrore della zucca pelata e non sopportavo la scanzonata ironia dei compagni e del “Pipi” (Angelo), mio fratello maggiore.

 

Giannino me mettéa tal seggiolone

e me facéa i capelli con ‘n bel ciuffo:

io ci givo contento, co’ le bóne,

perché ‘n quel modo ‘n me sintivo buffo.

 

Davanti a quelo spècchjo m’empostèva

con quel bavaglio bianco de buchèto,

siguro co’ le forbice taglièva...

scappèvo bello, fresco e pittinèto. 

 

“Coi capelli a l’umberta sembra ‘n altro...”

diceva la mi mamma da sé sola,

me regalèa do’ soldi che io, scaltro,

facéo sonè ta la mi denajóla.

 

Ma ‘na volta successe ‘n fatto brutto:

era de marzo, ‘l primo venerdì,

quel giorno de la vita perse tutto

e mò v’arconto comme gì a fini.

 

Me dice la mi mamma: “Va’, ‘l mi còcco,

ché Giannino t’aspetta”.  Vò siguro;

m’altrovo tal siedóne, comme ‘n locco,

la faccia voltèta contro ‘l muro.

 

Nun védo quel che fa, sento ‘n frischino

tal collo e ta la testa tutta ‘ntera...

Lu dice: “Ho fatto bello ‘l mi Righino! 

T’ho sistemato per la primavera”.

 

Co’ ‘na mèna me tasto: “Oddìo sò fritto!”

Dovento rosso, butto via ‘l bavaglio. 

Giannino è armasto mèle, ma sta zitto,

mentre scappo de corsa e caccio ‘n raglio.

 

Quel’altri stéon tuli, ta la piazzetta,

guardinghi a fè scattè la coglionèlla:

ZUCCA PELATA DAI CENTO CAPELLI

TUTTA LA NOTTE TE CANTONO I GRELLI...

 

Li scalcia co’ la scopa l’Antognétta

cuntinua ‘n po’ più ‘n là la ciucciumèlla:

ZUCCA PELATA DAI CENTO CAPELLI

TUTTA LA NOTTE TE CANTONO I GRELLI.

 

Argiónto ‘n chèsa ‘l Pipi col vocióne

cumincia a sghignazzè: “Zucca pelèta...”

La mamma gni straventa ‘n rinvercióne,

ma per risposta scatta ‘na risèta.

 

La nonna piagne... “To’ piglia, Righino,

quello che ci ho”.  Me chjudo tal mi guscio,

nun me fa gola manco quel vintino,

m’enfilo giuppe ‘l fondo pel batuscio. (1)

 

E la mattina doppo manco a scòla

volevo gi, ché me sapeva òrdo. (2)

La mamma disse alora ‘na parola

col la maestra che trovò d’acordo.

 

Co’ la beretta stette più de ‘n mese:

m’arniva ‘n mente sempre quela rima! 

Pu, pièno pièno, la mi vita arprese

co’ l’altri, pe’ le piazze, comme prima.

 

_______________________________

1) Botola.

2) Orrido, brutto.

 

 

CON L’OMBRE DELLA SERA

 

Con l’ombre della sera i miei pensieri

salgono al cuore che pensoso ascolta:

giorni sereni ho visto e giorni neri

alternarsi così, volta per volta.

 

E torna al ricordare un dolce canto

che come ninna nanna mi delizia,

misto di gioia pura e amaro pianto,

mare di luce e buio di mestizia.

 

Non ho piegato mai la fronte altera 1)

al vile compromesso, alla bugia,

ho incontrato silenzi e spesso a sera

mi son trovato solo sulla via.

 

Di tanto in tanto una persona amica

la sua mano mi ha teso, allora il sole

ha squarciato le nubi e sull’aprica

verde distesa 2) ho colto le viole.

 

Tutte le creature del Buon Dio

m’hanno riempito gli occhi di stupore;

lungo la strada della vita anch’io

le dolcezze ho incontrato dell’amore.

 

Ora la barca mia va verso il molo

con le vele ammainate, alla bonaccia,

scende la sera, ma non sono solo:

l’onda dei canti miei dolce m’abbraccia.

 

Mi piace risentire l’armonia

della mia lingua rustica, 3) ma casta,

ripercorro a ritroso la mia via:

traguardi non ho più, tutto mi basta. 4)

_______________________________

1) Dignitosa.

2) La speranza.

3) Del mio dialetto.

4) “Parva seges satis est” (poca messe mi basta...), Tibullo, Elegie, I.

 

VISITA IL SITO GIAPPICHELLI

 

TORNA ALLA PAGINA PRINCIPALE