GIACINTO (Gino) ZUCCHINI

 

 

E’ nato a Riccio di Cortona il 26/8/1936 (con il suo anno di nascita è stato definito il valore dell’Euro!). Consegue il diploma di Licenza di Avviamento con indirizzo Agrario nell’Anno Domini 1950 (anno giubilare). Autodidatta, più “auto” che “didatta”, incomincia a scrivere in rima baciata con il Parroco Don Alfredo Caloni; “affina” la penna con l’aiuto della madrina di battesimo Marisa Valeri Chiodini e Carlo Roccanti.

Svolge per hobby il lavoro in ferrovia riuscendo, tuttavia, dalla qualifica iniziale di “Conduttore” a raggiungere quella finale di “Capo Personale Viaggiante Superiore” (superiore alla media) nel corso di soli 32 anni.

Trascorsi 10 lunghi anni a Milano, dal 1959 al ‘69, ottiene l’avvicinamento del posto di lavoro con il trasferimento al Deposito di Chiusi e stabilisce la propria residenza al Bivio del Riccio, nel Comune di Cortona, dove, tra gli altri impegni, svolge quello di “Nonno di Sara”, la nipotina che frequenta, con profitto, la terza classe di questa Scuola.

Scrive poesie in dialetto chianino di carattere satirico in occasione di feste, matrimoni, pensionamenti, con alcune delle quali ha partecipato ai concorsi organizzati annualmente dalla “Sagra della ciaccia fritta” a San Pietro a Cegliolo e pubblicate sul quindicinale “L’Etruria”.

Attualmente in pensione, si occupa del settore “Turismo” per i pensionati della “Confederazione Italiana Agricoltori” (un ritorno alle origini).

  

Un’ugliva a l’antica

Un’ugliva en vena de parlère

stèo lì lì per aguantere.

Ben s’era sistemèta tr’una cima

quande me bisbigliò calcosa en rima:

“Proprio da te m’ho fè stuprère,

non se’ tu contadin, ma ferroviere”.

Gné risposi “Te chjàppo co’ le molle:

so nèto tra l’uglivi, su, del Colle. 

Tra de no’ nun ce pu’ esse guerra:

vengo de ceppo da la federterra”.

Tregua ce fu tr’un sol momento

e l’ugliva me lasciò ‘l su’ testamento.

“Tireme tr’una cistella, e no sul telo

so’ vergine, io, e ancor de primo pelo.

 

Da mècene volgo èsse schiaccèta,

si ancor ne trove giuppe ‘sta vallèta.

Famme stregne forte da’ stuini:

un panocchio farò tra do’ cuscini.

L’annema dilicheta falla nire via

da l’acqua più chépeta che sia.

L’oglio che scapparà sirà d’amico,

bono anco per ugnece ‘l bulico.

Si più non usa lascia de me ‘na traccia:

famme finì,almen, drent’a ‘na ciaccia”.

Doppo quel canto me paréa più bella

chiusi l’occhi e la tirò tu la cistella.

 

San Pietro a Ceglielo, 5 dicembre 1994.

 

 Quanto trìbbelo pé’ ‘n bècio ! 

Stète a sintìre quél ch’arcontèa Bista

de quande se stéa pèggio... a prima vista.

La vita contadina ? Ecchela qua

pé’ spiegàvve comm’è ‘sta civiltà !

Ai tempi mìa, comm’era uso e custume,

a chj vegghjèa dovéon... règgegne ‘l lume:

anco si avéeno strétto ‘l parentèto

e lo stè’ ‘nsiéme ormèi ufficializzèto,

non bastèa: le ragazze e i giovenotti

miréeno a vista... comme i galeotti !

A la sòcera ‘l compito spettèa

e a nissùn altro mèi gljé te ‘l lascèa.

La Doménneca? Tutti a la Funzione,

e ‘n c’era ancó’ ‘l mistjére del guardone !

Per dàsse ‘n bècio o p’alonghè’ la mèna

ce studièeno per qualche sittimèna.

Quante serète, Bista m’ha arcontèto,

ch’arrentrèa ‘n chèsa anco tutto ‘ncordèto !

ch’a le djéci la végghja gné finìa

e “Renzo” abbandonéa la su’ “Lucìa”.

A giorni fissi lù podéa vi lì,

e ‘n facéa ch’arsommiè’ quel giuvidì !

I do’ colombi stéeno lì ‘n cucina...

guèi si Bista a la ganza s’avicìna

che la sòcera stéa lì de piantone

e lù ‘n se podéa smòve dal cantòne !

Arìon vulsùto tutti do’ baciàsse...

ma la sòcera mèi voléa scansàsse !

Gné girèa ‘ntòrno sempre a chèpo ritto

acànto al foquelère a fè’ ‘l sufrìtto.

 

Ma scappò ‘ntù la loggia sto zimbello

quande vénne a mancàgne ‘l pitorzéllo !

Non durmìa... a la poènta del pagljèo:

svelto Bista fuggì ‘nverso l’acquèo.

La bròcquela baltò che trabocchèa

e l’acqua spagliò tutta ‘n vèrso l’èa !

La sòcera arrentrò dóppo ‘n minuto:

“Gisùmmaria -pensò- quant’hàn biùto !

È certo... de ‘sti do’ me fido pòco:

una calùvia e qui va tutto a fòco... !”

Quel puliziòtto non sapéa che fère...

però senz’acqua, ‘n chèsa, ‘n se pù stère !

Cùrse al pozzo con bròcquela e caténa

e argiònse ‘n chèsa ‘n do’ ballétti appena.

Prufittònno de l’attimo fuggènte:

dai bèci... s’alentònno qualche dente !

Encontràsse, péi giòveni, era dura:

a la Funzione..., a ‘na scartocciatura...,

e magari tentère i primi approcci

al lùme de candèla o ‘ntra i cartocci !

I brìvidi saglìon sùppe la schjéna

senza vì’ a cunsumère Ruga Pièna.

E per ballère... ce bastèa ‘n mattòne,

s’era più vispi e béne ‘n carnagiòne !

A quéi tempi la mèchena non c’era:

e tàrdo non facéi ‘l Sàbbeto sera !

Non dite che quéi tempi èron più brutti:

la Doménneca, almén..., ce s’èra tutti !

 

S. Pietro a Ceglielo  5/12/95

 

 Le mucche del nòvo millennio. 

Per cavère la brigia da la peglia,

armetto un poco ‘ndietro la mi’ sveglia.

El passèto vo’ arpigliere co’ le molle

de quande, contadino, aloggèo al Colle.

Doddece de lustri son passèti:

i “t’arcorde” son sempre più anebbièti.

Abbondante me godéo ‘l paesaggio

ma la bistecca era per me un miraggio;

quande che macellèo calche vitella,

Bijtilino m’ardéa ‘na coradella.

Da ringuatto vìo a scola p’esse meno cèco

e ‘l sor padrone m’amirèa de sbièco.

Poro ‘il mi’ Gino! Doppo avé’ studièto

a le mucche serie preparèo ‘l seghèto

con l’erba, e ‘l fièno e ‘n po’ de paglia:

poca la bièda, assente la frattaglia.

 

 

Per afinère el pelo al su vitello

acqua calda e agionta da cruschello.

Apoggèto stéo al forcone, penna ‘n mèno,

me piacéa amirère anco si ligumèéno:

si questo ‘n succedéa per un pèr d’ore

era ‘l momento de chiamè ‘l dottore.

Le mucche eron solo ruminanti:

altro non podéi usè de’ carburanti.

Mo’ le Multinazioneli dei novi ricchi

gne fano ringollè ossi e vintricchi.

Ora che podarìa compramme ‘na bistecca,

lo stommeco ‘mpaurito fa cilecca.

Si ce penso, ve giuro, vo via de chèpo:

me fan finire i giorni a cipolla e rèpo.

En questo mondo “globèle” senza freni

pazzi non siràn mica i cristjèni?

 

San Pietro a Ceglielo   8/12/2000

 

TORNA ALLA PAGINA PRINCIPALE