Federico Giappichelli

L’OMBRA DELLE NUVOLE

Ricordi ed immagini di Valdipierle

 Fine anni ‘20 - anni ‘30 - anni ‘40 

...perché, vedi, questo

è il paese dove sei nato.

Quale che sia il tuo destino

sarebbe vergogna e diminuzione

dimenticare il tuo paese.

 

E. Evtušenko

“Di dove siete voi?”

Seconda  Parte

 

●              IMMAGINI

●●            ATTIVITÀ

●●●          MESTIERI

●●●●        PRESENZE

●●●●●     GARMINA e VALDIVICO

 

INDICE

PRESENTAZIONE 

El cittino

 

immagini

Sera di neve

L’avvistatore della neve

Neve di marzo

Le pergole

La sera della vigilia delle Feste

Immagini del solleone

Estate

Ottobre

L’incendio dei boschi

La quercia del Protine

 

attività

Pace

I bachi da seta (Le brughe)

Il telaio

Il mulino a olio

Le stecche

La Rinascente

 

mestieri

Il seggiolaio

Lombrellaio

L’arrotino

Lo spazzacamino

Il funaio

Il pollaiolo

La cava - Gli scalpellini

Il castrino

L’arferrapignatti

Il maniscalco

I tagliaboschi (I segantini)

Gli smacchiatori

I carbonai

Il calzolaio

Il parrucchiere

I caloriferi

Coiffeur pour dames  (La garzonne)

 

presenze

Il frate cercatore

La fortuna

I pecorai

La servetta... ingenua

 

GARMINA E VAL DI VICO

I Garmanesi

Quadretto bucolico a Garmina

Prima neve

La veglia di Garmina

Le campane di Val di Vico

Desolazione

Si diceva scherzando

 

TORNA ALLA PAGINA INIZIALE


PRESENTAZIONE

  

La sequenza di immagini fotografiche di questa raccolta di poesie mette a fuoco e fa rivivere la vita che per secoli hanno condotto i nostri antenati fino agli anni del dopoguerra e che è profondamente mutata con l’avvento delle grandi invenzioni.

 Tutto è visto e descritto con l’innocenza, la spontaneità e la sensibilità degli occhi del “fanciullino” pascoliano che, per quell’impronta umanistica ricevuta durante gli studi, ma soprattutto insita nell’animo dell’Autore, evidenzia la caratteristica principale della poesia di Giappichelli.

 La musicalità del linguaggio dialettale rende ancora più vivo il sentimento verso la terra natale e verso le tradizioni di una popolazione che vive nelle figure poetiche.

 L’opera è divisa in cinque sezioni e in ognuna sono raccolte poesie unite da un filo conduttore per l’argomento descritto: la vita povera ma serena, le attività che oggi non vengono più svolte, i mestieri scomparsi perché surclassati dalla tecnologia o perché non più redditizi, le figure di persone quantomeno particolari vissute in Val di Pierle e, infine, un quadro della misera vita degli abitanti di Garmina e Val di Vico.

 Claudio Lucheroni

 


 

IMMAGINI

 

 EL CITTINO

 

E’ dentro di noi un fanciullino che non solo ha brividi... ma lagrime e ancora tripudi suoi. ... Egli ci fa perdere il tempo quando noi andiamo per i fatti nostri, ché ora vuol vedere la cinciallegra che canta, ora vuol cogliere il fiore che odora, ora vuol toccare la selce che riluce...

 “Il fanciullino” G. Pascoli

 

Dice Giovanni Pascoli che tutti

c’émo 1) dentro ‘n cittino che ci canta...

e nun importa si sém’ belli o brutti,

tutti ci l’émo sta vucina santa.

 

Io la sento si vèdo lappe ‘n prèto

a cerchè do’ fugline de mintuccia,

me dice: “Mi’, quel fiore ‘n ducche è nèto!”

Me fa ride si tróvo ‘na cannuccia

 

de véna 2) e me bisbiglia: “Nun t’arcordi

quando tant’anni fa tu la cogliévi,

scalzo, pei campi, e ci facéi l’accordi?

Eri ricco, Righino, e ‘n lo sapévi!”

 

Me dice ‘l mi cittino, sempre a l’èrta 3):

“Ascolta a la pineta ‘l picchio verde

che bussa tai pedóni... 4) e fa la berta 5)

mentre col su’ “chiò chiò” fugge e se sperde!”

 

Me da la gioja... ‘l sènso... la paura

quando chède la neve e mugghja ‘l vento

quando pel temporèle se fa scura

la Valdipierle sopra Tiravento. 6)

 

E l’arsènto ‘l cittino si me butto

a l’inghjetro ta ‘n mondo  ch’è sparito:

me s’arpresènta ‘l bóno, ‘l bello, ‘l brutto

che ‘n tant’anni c’è stèto e se n’è gito!

 

Me ‘l cóccolo ‘l cittino che me ‘nvita,

e lu risponde pronto a le richjeste:

le pagine del libro della vita

m’èpre coi su’ dolori e le su’ feste!

___________________________

1) Émo = abbiamo.

2) Véna = avena.

3) Sempre a l’èrta = sempre attento.

4) Pedoni = tronchi (dei pini).

5) Bèrta = canzonatura.

6) Tiravento = cima Tiravento = Gosparini.


 

 

 

SERA DI NEVE

 

Immagini 1930

 

Davanti al fóco arvedo quele sere...

durmìono i campi spòlti sotto il manto

bianco, de neve se rîmpìa ‘l bicchjére

e se frullèa co’ ‘n góccio de vinsanto.

 

Dai ceppi gròssi che brucèvon lenti

salìono ‘nn alto pe’ la cappa scura

allegre le calùje! 1)  Erme contenti

de sintì ‘l vento senza ave’ paura.

 

‘Ntorno al lampione che ci stéa de fronte

ballèvon le pancélle 2) strapazzète

dal vento... ‘n terra se vedéon l’imprónte

de qualcun che per chèso éra passèto.

 

Aprimme la finestra e verso ‘l cielo

s’alzèvon l’occhj: mille farfalline

cadévon giù da quel’immenso velo:

Aldo 3) battéa contento le manine.

 

Scomparse èron le cime a l’emmaria

ghjétro la ragnatela a frange grigie,

bisbigli e voci allegre pe’ la via...

giognéa de tanto ‘n tanto udor de brige. 4)

 

Pu’ ‘n brivido de freddo ci scotéva,

battemme i denti... ‘n fondo, tal cantone

la nostr’ombra scherzosa se movéva

ta la striscia de luce del lampione.

 

___________________________

1) Calùje = faville.

2) Pancelle = fiocchi di neve.

3) Aldo = il fratellino.

4) Brige = castagne arrosto.

 


 

L’AVVISATORE DELLA NEVE

 

Immagini primi anni ‘30

 

Quando scappa Giròlmo 1) ta la loggia

arluccica ‘l chjarore ‘n vèr Liscèno,

Ernesto 2) fa arpartì la su’ tramoggia:

turuttuttù, al mulino... lappe ‘l pièno

 

se sente qualche voce soffochèta,

giuppe le schèle tonfono le sóle...

pu 3) l’urlo pe’ la gènte addormentèta:

“La neve!!! Giù dal letto chjnche póle!”

 

Aldino e Rigo làscion le cuperte,

guàrdon dai vetri al lume del lampione.

Bella la neve! Da le porte aperte

se chjèmono qua e là tante persone.

 

Se scappa co’ la scopa e la paletta,

se pulisce, se chjàcchjara: Alligria!

Se fa quela stradina stretta stretta

che s’’encóntra co’ ‘n’altra ta la via.

 

Da la buca del Prótine 4) è scappèto

el sole scialbo tra la calavèrna.

Girólmo ta la stalla s’è ficchèto:

“Nguanno - bèrcia - me sa che nun se svèrna!”

 ___________________________

1) Girolmo de Boccio che abitava la casa attigua all’attuale palazzo della Cassa di Risparmio di Firenze.

2) Ernesto Brecchia = il mugnaio.

3) Pu = poi.

4) Il valico della strada che da Lisciano Niccone porta verso il Pian di Marte e Perugia.


 

NEVE DI MARZO

 

Mercatale 8/3/1932

 

Dopo la splendida nevicata notturna la neve si scioglie tra mille riflessi d’argento al sole marzolino. Una capinera accenna il suo timido canto festoso, annuncio della primavera vicina.

 

‘Na mattina de marzo a la finestra

stévo a guardè de sotto, ‘nsunnulito,

la neve che sdolchèva... 1) a la mi’ destra

el lavamèno vècchjo, arrugginito,

 

m’envita... svelto piglio ‘l brucquilino:

dentro la catinella l’acqua è ghjaccia,

l’arcòlgo tra le mène pian pianino

e ‘nturmintito ‘n po’ lèvo la faccia.

 

Mò guardo ghjetro i vetri ‘l luccichìo

del sole sopra i tetti e ta le sponde

dei campi e ascolto, bello, ‘l guccilìo

de l’acqua che saltella da le gronde.

 

Casavecchia e le cime ‘n quel chjarore

sémbrono ‘nnavighè ‘n mezzo a l’argento,

giogne tra l’altri ‘l solito rumore

del carretto che stride a passo lento.

 

M’afaccio p’ascoltè ‘na capinera

che canta ghjetro ‘l muro, a la povènta, 2)

sento dentro sboccè la gioia vera:

ormèi l’inverno più nun me spaventa!

 

__________________________

1) Sdolchèva = si scioglieva.

2) Povènta = riparo dal vento.

 


 

LE PERGOLE

 

Struggenti ricordi di un’infanzia serena che evocano persone care e momenti di autentica gioia, fatta di niente.

  

Tante chèse ci avéono lóngo i muri

le pèrguele co’ l’uva moscatella:

quando d’agosto i gràppili maturi,

tra i pàmpini spuntevono, più bella

 

era ogni chèsa e ci piglièa la voglia

alora d’arivè quei saracini. 1)

Picchjeva 2) ‘l babbo, ritto ta la soglia

p’acontentè, pòr còcco, i su’ cittini...

 

“Sta’ attento a ‘n gi de sotto, tò 3) la canna...”

dicéa la mamma... e no’ co’ l’occhj ansiosi,

co’ le manine alzète, quela manna

che nìa da l’alto s’aspettèa tantósi! 4)

 

___________________________

1) Saracini = i primi chicchi maturi di colore vaio (moro).

2) Picchjeva = saliva sul davanzale della finestra.

3) Tò = prendi.

4) Tantósi = impazienti.

 


 

LA SERA DELLA VIGILIA DELLE FESTE

 

Intorno al falò ci si radunava, si scherzava, si rideva fino a quando l’ultimo guizzo di fiamma si spegneva.

Poi tutti a casa per la cena.

  

La sera innanzi, quando l’emmaria

sóna, i falòji s’acendono, braccète

de legne tutti pòrton pe’ la via

per buttàlle tal mucchio: che risète

 

si le calùje o ‘l fume vano adòsso

e acécono qualcuna che saltella!

Bèrcia Cìnchjo de Giulio: “Di’ vél pòsso

che ‘l fume arcérca sempre la più bella!”

 

 


 

IMMAGINI DEL SOLLEONE

 

 El merlo fischja sotto lo stuìno

de tanto ‘n tanto urtèto pel gran caldo,

co’ la carretta traffica Chjausino 1)

‘n fondo a le schèle, batte Gesualdo 2)

 

el su martello a colpi secchi e rèdi,

do’ vècchje a la mirìgge del moróne

co’ la pannuccia che gn’arcópre i piédi

sfirrùzzono a sedè ta ‘n tavolóne.

 

 

Ta l’àngolo più fresco a la poventa

‘n ducche ‘nn arìva ‘l sole de l’agosto

rìdon le donne, ‘l caldo ‘n le spavènta,

per chjacchjarè, tulì, han trovèto ‘l posto!

 

Chèvon da ‘n cesto grosso, co’ la mèna,

i zòrdili, 3) sidute ta le sòglie,

l’èprono lèste… chède giù la lèna

tal linzólo davanti che l’arcòglie.

 

El sole s’è abassèto, s’alza ‘l vento…

Da ‘na finestra ariva ‘na vucina,

giógne ta la piazzetta, lento lento,

quel ritornello: “Ho pèrso la Titina…”4)

 

___________________________

1) Chjausino = l’operaio della fornace di Pierle che abitava nella piazza di sotto.

2) Gesualdo = il fabbro Gesualdo Frati.

3) Zórdili = bioccoli di lana da “aprire”.

4) Canzonetta in voga negli anni ‘30.


 

 

ESTATE

 

El sole brucia, nun s’artìra ‘l fièto;

l’ómi sòn giti al pièno a ‘rfè le forme,

le donne al fresco tàgliono ‘l segèto,

a l’ombra de ‘na cèrqua ‘l chène dorme.

 

Tra i rèmi del ceraso stride ‘l verso

de le cichèle, lappe ‘l ciel turchino

compère minaccioso ‘n falco spèrso

che fa la róta per rubbè ‘n pulcino.

 

Al bujo de la stanza, ta ‘n cantuccio

(mentre fóri pèr d’èsse dentro ‘n forno)

dorme ‘l cittino sotto ‘l balistruccio; 1)

le mosche a scièmi rónzono d’intorno.

 

Sotto la cappa gréve de l’arsura

però la Valdipierle nun è morta!

La vita per chj è bella, per chj è dura

continua anco sotto l’ombra corta. 2)

 

___________________________

1) ‘L balistruccio = utensile a cupola, coperto da un velo, usato per difendere i bambini nella zana dalle mosche.

2) L’ombra corta = verso mezzogiorno, quando il sole è allo zenit.


 

 

OTTOBRE

 

Chjùdon la valle ‘n fondo a l’orizzónte

le cime bianche verso Pietralunga,

arpassa l’acqua chjèra sotto ‘l ponte,

l’ombra dei poggi sempre più s’alunga.

 

Tra le félcie, a Le Vàcchje, i ciclamini

spùntono a mille, rosa, a la povènta,

prepèron la maggése i contadini

ch’è gionto ‘l tempo ormèi de la seménta.

 

Ancora ‘nn è finita la vendégna

a l’alto, ‘n ducche l’uva è trita, dura;

el fume dei camini ‘l vento segna

la sera quando l’èria se fa scura.

 

Scàppon le pastorese 1) dal su’ guscio,

chèdono i ricci vóti a bocca apèrta,

mùgghja la tramontèna e sbatte l’uscio

che dà ta la piazzetta ormèi deserta.

___________________________

1) Le pastorese = varietà di castagne.

 


 

L’INCENDIO DEI BOSCHI

 

Se giva al ponte per vedé de notte

el fóco che salìa suppe ‘l pindìo:

fume, vampète... e voce fitte e rótte...

se sintìa de le fiamme ‘l cripitìo!

 

Bruciò la castagneta de Pallino,

quella del sor Pasquale e dei vicini;

la chèsa se salvò de Bippulino,

la macchja divorò dei Scarpaccini.

 

- - - - -

 

Ogni anno s’arfaccéva lo spavento

quando col solleóne e l’apertura 1)

scoppièva ‘l fóco... pu si c’éra ‘l vento

correva pe’ le cime la paura! 2)

 ___________________________

1) Per l’apertura della caccia che normalmente coincideva con il 15 agosto.

2) Il vento che spingeva il fuoco verso il crinale dei monti.


 

 

LA QUERCIA DEL PRÓTINE

 

Valico sulla strada per Perugia tra la Val di Pierle e il Pian di Marte.

  

Per tanti e tanti anni senza amiche

avéa segnèto ‘n punto a l’orizzonte: 1)

albergo de cichèle e de furmiche

la cerqua grossa te restèa de fronte

 

pe’ la via de Perugia ‘n cima al passo

del Prótine che guarda ‘l Pièn de Marte;

quando aranchèvi sù alentèvi ‘l passo,

pu te fermèvi ‘n po’ da la su parte.

 

La biciglétta ci apoggèi contènto:

Castrigóne vedéi, Col de Campèna...

t’asciughèvi ‘l sudore e controvento

te buttèi pé la scésa a la tu mèna.

 

El ventidò dicembre, la mattina

col cielo chjèro che paréa de vetro

a l’otto ‘n punto se vistìa de trina

lucente e ‘l sole gni spuntèa de ghjétro.

 

Làgrime amère pianse co’ la gente

quando sotto i su rèmi ‘n ómo forte 2)

vedde cadé, senza avé ditto gnènte

mentre segnèa ‘l distino la su’ sorte.

 

Venne la guerra e venne lo spavènto:

el quattro luglio tanti carri armati 3)

gni passàron vicino... e a passo lento

tra ‘l rombo del cannone l’alleati.

 

Pu volta faccia ‘l mondo e nun se cura

nissun dei su ricordi... e ‘l tempo va...

mò tutti voglion fè bella figura:

corrono senza sosta qua e là.

 

E nun s’acòrson manco quando ‘n giorno

la cerqua antica contro ‘l ciel sereno

dal Prótine sparì... senza ritorno!

Mah! De storie strène ‘l mondo è pièno!

 

...Però si d’arvedé la cerqua vecchja,

e col pensiéro ‘nnavighè lontèno,

te salta ‘l tìcchjo, stólza a Casavècchja:

l’altróvi ta lu stemma de Liscièno. 4)

___________________________

1) Per Mercatale la quercia segnava il punto preciso della levata del sole nel giorno del solstizio d’inverno (22 dicembre).

2) Nel dicembre 1936, morì sotto la quercia del Prótine, per un tragico incidente, Giuseppe Flemma di Mercatale.

3) Il 4 luglio 1944, di mattina, gli Alleati, provenienti da Magione, entrarono in Val di Pierle attraverso il passo del Prótine.

4) Nello stemma del Comune di Lisciano Niccone si vede una bella quercia (o castagno) dai cui rami pende un grosso paiolo.

 

TORNA ALL'INDICE

TORNA ALLA PAGINA INIZIALE

 

 

 

ATTIVITÀ

 

 

PACE

 

S’è fatto cupo ‘l cielo... a póco a póco

scendono i fiocchi bianchi, larghi, lenti;

Fulvio ‘ntreccia ‘n canestro ‘ntorno al fóco,

dai vetri i freghi guardono contenti.

 

Davanti al ceppo bróntala ‘l pignatto

coi ceci e ‘l baccalà, la Cesarina

sbatte lèsta qualcósa dentro ‘n piatto,

cerca ‘na tazza dentro la vetrina.

 

Dòrmono i campi sotto ‘l manto puro,

archède ‘l fume sopra l’èja... zitta

‘na pàssara digiuna passa ‘l muro

cerca qualcósa tra la siépe fitta.

 

Rintocca mezzogiorno, la cucina

co’ l’òcchj dei cittini se fa santa;

mentre fùmono i piatti e la tarina

la fiamma guizza tal camino e canta.

 

 


 

I BACHI DA SETA (Le brughe)

 

L’allevamento dei bachi da seta era un’attività molto esercitata nella valle. Chi più, chi meno tutti i “pigionanti” vi si dedicavano.

A Mercatale, tra maggio e luglio, le “brughe” tenevano impegnati i componenti della famiglia ed erano il principale argomento di ogni conversazione.

 

‘N ingiustro 1) che fruttèa pochi bajòcchi

pei pigionanti érono le brughe:

per faggni ‘l posto ‘n chèsa, póri lòcchi 2)

se stregnévono comme le lacciughe.

 

Nivon da Pergo, stévon ta ‘n cartóne

Pu’ ta ‘na staccia, nere e pichjnine,

magnèon la foglia trita, de moróne,

crescéono a occhjète e se facéon billine!

 

Bianche, a striscine nere, vellutète,

voléon magnè, dormì, chjappè più posto,

‘n bastèvon più i stuini, gìon cambiète

do’ volte al giorno per nun fè l’arosto

 

de vedelle ‘ngiallì, ma qualche “vacca” 3)

ci scappèa sempre e se buttèa tal fóco,

gialla che traspariva, fiacca fiacca,

ma ‘l danno per furtuna éra ben póco.

 

Tocchèa piantè ‘l castello co’ ‘n po’ d’arte

per fè ‘l posto a più pièni: che rumore

facéono per magnè tra quele carte!

Tal nèso arsènto ‘ncora quel ofróre!

 

Doppo ‘n magnèvon più, ta quele arelle 4)

‘nn avéon pèce, buttèvono la bèva,

girèvono ‘l musino, lustre e belle:

la scopa, allora, a mazzi s’empostèva.

 

Mo’ bisognèa fè ‘l bosco 5) ta ‘n cantóne:

chjappè i mazzi via via, méttili stretti,

tappèti coi giornèli, le persone

el posto ‘nn avéon più manco pei letti.

 

Ma mo’ ‘n se coglie, ‘n se guèrna, ‘n se cambia:

fermasse ‘n po’ pe’ le strède se póle,

qualche parola co’ l’altri se scambia,

mo’ se rispìra ‘n pèce, s’Iddio vóle!

 

E doppo ‘n mese circa, ‘na mattina

Se sboccèva quei gràppili dorèti:

si c’era qualche flòscio 6) ‘na ruvina

nun éra perché quelli éron filèti

 

e tissuti al telèo pe’ la cupèrta

de la fióla quando se sposèva:

alora nun manchèa ‘na mèna esperta,

quello éra ‘l tempo che Bèrta filèva!

 

Quando se gìa a divide coi padroni 7)

Men che le scope da buttè tal fóco

E qualche soldo per comprè i calzoni

Da portè al Monte 8) ci restèa bèn póco.

  ___________________________

1) Ingiustro = industria.

2) Lòcchi = pazzi, scemi.

3) Vacca = bruco giallo, ammalato.

4) Arelle = piano di stuoie.

5) Bosco = raggruppamento di scope con i filugelli pronti per fare il bozzolo, nascosto con giornali o panni per creare il buio.

6) Floscio = bozzolo bucato per la fuoriuscita della farfalla.

7) Padroni = i proprietari dei gelsi.

8) Monte = alla Banca.


 

IL TELAIO

 

Fino alla prima metà degli anni ‘30 non era difficile trovare in Valdipierle dei telai domestici dove si producevano manufatti di buona qualità che, ancora oggi, in alcune famiglie vengono gelosamente conservati.

Anche la mia mamma e la sua amica Bita lavoravano al telaio con passione e competenza, realizzando, inoltre, un modesto guadagno che contribuiva ad arrotondare il bilancio familiare.

Io e l’amico Pietro (Ori) nell’assenza delle tessitrici entravamo furtivamente nel fondo e con l’incosciente curiosità dei bambini combinavamo qualche guaio.

 

Dentro ‘l mi fondo ta ‘n cantóne brullo 1)

‘n du se girèva a sténto, contro ‘l muro

c’éra ‘l telèo ‘mbastito con quel rullo

de panno che crescéa via via siguro.

 

La Bita e la mi’ mamma arampichète 2)

buttèon la spòla tra ‘l passaggio aperto,

a scatti, col pedèle... inverno, istète,

tra l’urdito e la trèma, l’occhjo esperto

 

guardèva ‘l filo che ‘n facesse ‘l nodo,

pu col pèttine ‘n colpo, e via, ben messe

le mène qua e là facéono ‘n modo

che la spola de sotto nun cadesse.

 

Tessévon per Liscèno e Valderosa 3)

robba forte de cànnapa e de lino,

linzóli pel corredo de la sposa,

coperte dal disegno bello e fino.

 

Tal fresco de quel fondo io e Ori

se gìa a vedé, curiosi, quel’attrezzo:

si se tocchèa qualcosa éron dolori!

Dovéono arfè da chèpo qualche pezzo.

 

La Bita e la mi’ mamma érono artiste

parlèvon póco, ma tessévon fitto!

Facévon tal telèo cóse mèi viste

dal rinvèrcio cusì comme dal dritto!

 

E quando arconsegnèvono la tela

sdipanèvon quel rullo, pu con ‘n metro

de legno, duro, al lume de candela 4)

misurèvono scaltre… Io e Pietro 5)

 

se stéa a guardè co’ l’òcchj spalanghèti

e se pensa al vintino, o al soldo grosso 6)

che ‘l giorno doppo, ormèi c’érme avezzèti,

ci arìbbon 7) dèto doppo avé riscosso.

___________________________

1) Cantone brullo = libero da oggetti ingombranti.

2) Arampichète = sedute nell’alta panchina.

3) Per Liscèno... = per i signori di Lisciano e Valdirosa.

4) Al lume de candela = a sera inoltrata.

5) Pietro = Ori.

6) Soldo gròsso = 1 lira.

7) Ci arìbbon = ci avrebbero.


 

 

IL MULINO A OLIO

  

Sotto ‘sta chèsa bassa (al pièn terreno)

che sprofondèva giù verso ‘l pindìo,

c’era ‘l mulino a olio sempre pièno

de gente ai primi freddi... e c’éro anch’io.

 

Col mi’ babbo passèo tra quele casse

piène d’ulive... arvédo ‘l somarino

bendèto che girèa senza straccasse,

e le specce de l’aglio e ‘l brustichino. 1)

 

El focolère arvedo e le castagne,

la panèja, 2) i trippiedi, la caldèa

tacchèta a la catena... e tante stagne

e ‘n omo al tavolino che scrivéa...

 

da ‘na parte i brocconi tutti ‘n riga,

la stadjéra col marchjo a ciondoloni.

C’è chj parla, discute, chj se sbriga

co’ la pannuccia unta tai cantoni.

 

Arvédo l’olio nóvo ‘n po’ virdino

che colèva dai fiésquili 3) pressèti

dentro i catini... e c’éra ‘n tavolino

coi piatti e coi bicchjéri rinvercèti.

 

Quando se riscappèa, preso per mèna

dal babbo che parlèva basso basso,

pe’ le balze mugghjèa la tramontèna

che furibonda me fermèva ‘l passo.

 ___________________________

1) Brustichino = il pane abbrustolito per la “bruschetta”.

2) Panèja = la padella bucata per cuocere le caldarroste.

3) Fiésquili = i contenitori delle olive macinate da mettere nelle presse.

 


 

LE STECCHE

Mercatale, anni ‘30

 

In autunno molte famiglie del paese si provvedevano delle “stecche”, lasciate nel bosco dai “segantini”, per ravvivare, durante il lungo inverno, il fuoco del camino, unico mezzo di riscaldamento della casa in quei tempi lontani.

Anch’io, con la mamma, mi recavo nel bosco per la raccolta delle “stecche”.

 

S’arcòlgono le stecche col canèstro,

se fa la mucchia ‘nducche ‘l carro aranca:

per qualche notte rèstono al cilèstro

e aspèttono la brina che le ‘mbianca.

 

Coi stròcchi e co’ le frasche la Maria

fa le mannelle ben leghète, strette;

a una a una Rigo ta la via

l’arduna e tutte ‘nn ordine le mette.

 

Pu’ arìva Menco col su’ carro: “Acòsta,

Pallino, sta’ più ‘n là!” Se butta sù;

quando ‘l cassone è piéno, senza sòsta,

ché se fa notte, s’ariscende giù.

 

Tutto quel ben de Ddio che costa póco

s’acatasta tal fondo ‘nsiéme ai ciòcchi:

farà più bello tal camino ‘l fóco

quando dal cielo bigio a larghi fiocchi

 

la neve scendarà senza rumore!

Alora la cucina fredda, nera,

se vistirà de luce e de tepore

comme ‘l mondo se veste a primavera!

 

 


 

LA RINASCENTE

 

Gli anni dell’emigrazione.

 

Andrea Micheli (Scutino), giovane intelligente ed eccentrico, vero pioniere del progresso, aprì a Mercatale, verso la fine degli anni venti, “la rinascente”, un avveniristico emporio che destò tra la popolazione della Val di Pierle meraviglia, entusiasmo e, naturalmente, dati i tempi della grande crisi mondiale, pessimistici commenti sul futuro della coraggiosa iniziativa.

La lettura del “testo” chiarirà al lettore il deludente esito della vicenda. Andrea, tuttavia, non si arrese: emigrato a Bruxelles aprì in quella città un bellissimo salone di “coiffeur” gestito, credo, ancora oggi dai suoi discendenti.

 

‘N po’ prima che partisse per Brusselle,

per gì a tentè la carta, ta ‘n fundino

rîmpìto de cusine brutte e belle

“La Rinascente” messe sù Scutino.

 

Davanti a la vitrina i più curiosi

s’empostèvon la sera a bocca aperta:

nojaltri fréghi se zeppèa smaniosi

a gomitète tra la gente esperta.

 

“Io l’ho viste a Firenze quele sciarpe...

che robba bella!!!” “Mih, quel’umbrillino

da sole colorèto!” “E quele scarpe

per gì a ballè!” Contento ‘l mi’ Scutino

 

se presentèa tutto arpulito a sera

davanti a quela luce, dirimpetto:

camicia bianca e farfallina nera,

bucchino d’oro e fazzoletto al petto.

 

C’éron dó pùppe 1) grosse, naturali:

‘na donna e ‘n giovanotto, seri seri,

portèon tal braccio ninnili e zinèli...

te guardèon fissi comme fùsson veri!

Arcòrdo ‘n fila tante buccittine

bèn mésse ‘n mostra, a schèla, ta quel palco.

“Eau de cologne” e scatiline

de cipria rosa, bianca... e borotalco.

 

Ma la cotta nojaltri l’émme présa

pe’ ‘na grossa otomòbile de latta

e se diceva: “Giuppe la discesa

del ponte vedaristi comme scatta!”

 

Ma dentro ‘sta bottega ‘l girotondo

nun c’éra e Bista gni dicéa: “‘N fè ‘l fesso,

Andrea, ‘n te ruvinè!” “Io vedo il mondo

che avanza co’ la moda e col progresso!”

 

‘Na sera la vitrina armanse chjusa...

pù scomparì Scutino da la vista.

Dicéa la gente: “Sarà gito in USA”

e per sapé qualcosa gìon da Bista.

 

Ma manco ‘l su’ cugino éra al corrente

e ‘l su’ fratello rispondeva picche !

(lascèa la nostra buca tanta gente:

a Casavècchja ‘n c’éra più Pisicche!)

 

Pù ‘n giorno ariva Alfredo 2) co’ ‘n “papié” 3)

“Icì va bien - diceva - chose belle

da una città qui marche su due pié...

Saluti e baci a tutti da Brusselle”

Firmato Andrea.

___________________________

1) Pùppe = bambole.

2) Alfredo Giappichelli = il portalettere

3) Papié = lettera.

 

TORNA ALL'INDICE

TORNA ALLA PAGINA INIZIALE

 

 

MESTIERI


 

IL SEGGIOLAIO

 

Le seggiole rustiche, artigianali, e il seggiolone per le persone inferme, costruite in legno stagionato di castagno o di ciliegio e impagliate con la “raffia” si tramandavano di generazione in generazione.

  

“Oddio, puarina ‘mmé, so disperèta!

Me s’è rotta ‘na gamba del siedóne; 1)

s’è lamentèto tutta la nottèta

quel pòro vecchjo, e mo’, comme ‘n coglióne

 

se vól levè e ‘n sa che fa la gobba!”

Ma ‘sti chèsi èron rèri perché ogn’anno

arnìva ‘l seggiolèo co’ la su robba

e giva pe’ le chèse ‘nducche ‘l danno

 

rimedièa de le siède: ‘na spalletta

armettéva, ‘n gambuccio… ‘n po’ de pialla,

e, doppo ‘n puchinino, la Marietta

giva a sedè, contenta, per provàlla.

 

Arvédo ‘l seggiolèo dentro ‘l mi fondo

co’ la pannuccia e co’ la raffia ‘n bocca

pronto a girè la corda tutta ‘n tondo

per arfè ‘l pièno… e quando ‘l tócco scòcca

 

arsènto la mi mamma: “‘Nite, Giusto!”

E lu’ lascèa ‘l lavoro zitto zitto

e ‘niva ‘n chèsa per magnè de gusto

un piatto de fagióli e péscio fritto.

 ___________________________

1) Siedone = seggiolone.


 

L’OMBRELLAIO

  

Tra ‘n temporèle e l’altro de l’istète

ogn’anno arcómparìa col su’ fardello

p’acumidè l’ombrelli e l’incerète

‘n ómo che forse ‘niva da Castello.

 

Se metteva a sedé sopra ‘n banchetto:

armetteva ‘na toppa, ‘na puntina,

un mànnico, ‘na stecca… pu ‘n colpétto

secco per fallo aprì! La Cattarina

 

paghèva suddisfatta: “Mo’ pei Morti

si piove posso gì ai mi camposanti!”

Cusì le gran piuvute, i giorni corti,

l’aspettèvon tranquilli tutti quanti.

 


 

L’ARROTINO

 

L’arrotino, per lo più veneto o friulano, si trasferiva nei mesi invernali per il suo lavoro al centro-sud e risaliva con il ritorno della buona stagione ai suoi monti, dei quali parlava volentieri con struggente nostalgia.

 

Co’ la su’ bicigletta organizzèta

girèva tra le piazze l’arrotino

bercèva ‘n po’… ma quand’éra ‘rivèta

la robba se ficchèa ta ‘n cantuccino

 

per pedalè tra le faville rosse.

Canticchjèva: “Sul ponte di Bassano

-de tanto ‘n tanto ‘n culpittin de tosse,

pu’ con ‘n sospiro- ci darem la mano”.

 

Quel canto éra ‘n po’ triste! Gn’arcordèva

el su’ paese e ‘l monte de la guerra, 1)

la famiglia, lassù che l’aspettèva:

avéa davanti a l’occhj la su’ terra!

 

Portèva ‘na pannuccia tutta sporca,

vecchia, de còjo, con do’ sacocjóni, 2)

(sotto la róta sgoccjolèa la mòrca)

éron de còjo, ghjétro, anco i calzoni.

 

Quando la piazza se faceva trista

senza nessuno più, manco ‘n fiólo,

spariva l’arrotino da la vista

co’ la su’ bicigletta solo solo.

 ___________________________

1) Monte Grappa.

2) Sacocjóni = tasconi.


 

LO SPAZZACAMINO

 

Tra ottobre e novembre arrivava lo spazzacamino, portando spesso con sé il figlio ancora fanciullo.

Noi ragazzi del paese, con gli occhi puntati sul tetto, aspettavamo l’apparire della scopa che lo spazzacamino, con grande spavento dei passeri,

brandiva festoso attraverso le fessure del comignolo.

Al grido: “Spazzacamino!!!” lanciato dai tetti come un patetico autospot pubblicitario, noi ragazzi battevamo allegri le mani.

  

Quando pei monti se vedéon le chjazze

gialle, rosse, marrone e ‘l sole fiacco

facéa brillè la brina… ta le piazze

‘nia lo spazzacamino col su’ sacco.

 

Nero ‘l cappello, nera la su’ faccia

(ma nun l’ha tinta de l’istète ‘l sole)

guarda la cappa buja e pu’ s’alaccia

‘ntorno a la vita quel che gni ci vóle.

 

E no’ da fóri s’aspettèa i fucélli

de la scopa tra i buchi del camino…

Ecco tra i còppi ‘l volo de l’ucèlli

spaventèti e pu’: “spazzacamino!!!”

 

 

 


 

IL FUNAIO 

 

La coltivazione della canapa era abbastanza praticata in Val di Pierle fino agli anni ‘30. Ricordo quelle belle piante rigogliose nei campi del piano e i mazzi della canapa messi a marcire nei corsi d’acqua per poi essere passati attraverso quell’attrezzo che, battendo i fusti, liberava l’accia (la fibra che serviva a fare funi e tessuti) dalla parte legnosa, i “canapugli”, che servivano a ravvivare il fuoco del camino.

 

 

Da la parte davanti appena ‘n cima

‘n ducche la chèsa bassa del Cinaglia 1)

s’alza sopra ‘l mulino 2) c’era prima

‘l funèo, si la mi mente nun me sbaglia.

 

Arcordo béne quela bella piazza

che dal murello basso s’afaccèva

verso i Luncini comme ‘na terrazza,

al Palazzo, tulà, ‘l funèjo stèva.

 

La storia del funèo l’ho ‘n po’ contorta

per via del tempo ch’è fuggito via,

ma voglio rammentalla anco si stòrta

prima che ‘l bujo se la porti via.

 

Arvedo tra la nebbia fitta fitta

quei “cànnipi” 3) tirèti e quei cordóni

abiricchjèti a mèno 4) da la “ditta

a l’ombra fresca dei moroni.

 ___________________________

1) Cinaglia = famiglia di possidenti al Palazzo (Lisciano Niccone).

2) Mulino = frantoio delle ulive.

3) Cànnipi = lunghe funi.

4) Abiricchjèti a mèno = contorti a mano.

 


 

IL POLLAIOLO

 

La vita del pollaiolo era dura: nel corso della settimana egli percorreva in lungo e in largo monti e colline per procurarsi la “roba” da commerciare nelle piazze di Umbertide e Cortona.

Poi nei giorni stabiliti, in ogni stagione e con qualsiasi tempo, seduto sul suo traballante barroccio, tirato dal mulo paziente, amico e interlocutore, affrontava la lunga ed insidiosa strada per raggiungere i mercati.

Non rifiutava mai di prestarsi a piccoli sevigi e per questo la sua figura risultava simpatica e familiare agli abitanti della Valle.

 

Girèono i pollajóli co’ la cesta

de chèsa ‘n chèsa d’ogni contadino…

quando arivèvon gni facévon festa

per dè la “robba” e avé qualche suldino.

 

Le donne l’aspettèvon tal balcone 1)

e doppo avé discusso e ‘l prezzo fatto

archjamèvono i polli col pastone… 2)

e pu, póri animèli co’ ‘nu scatto

 

li chjappèvon pel collo… e loro, strilli!!!

bercèvon d’ansurdì… Chiuse le porte, 3)

amici pe’ la pelle, polli e billi

se facéono p’affrontè la loro sorte.

 

E doppo avé scambièto pel fiólo

pichjno ‘l borotalco e qualcos’altro 4)

le donne argìono ‘n chèsa e ‘l pollajólo

co’ le su ceste se ne gìa da ‘n altro.

 

El sàbboto 5) mattina, inverno, istète,

passèono i pollajóli avanti giorno:

tru tru, tru tru… le róte sconquassète

tonfèvon ta la strèda tutto ‘ntorno.

 

Chj avéa ‘n fiolo ‘n Siminèrio, ‘n pacco

mandèva da Puldino dei Luncìni;

chi avéa da vende de castagne ‘n sacco

de Cécco se sirvìa o de Silvistrini.

 

Quando arpassèono stracchi verso sera

se fermèvono tutti da Bistino: 6)

inverno, istète, autunno e primavera…

sempre cusì, per béve quel guccino

 

che li tirèva su, per dè risposta

ta quelli ch’aspettèvon pe’ la via:

“Sor’Anna, Nino 7) ve dirà per posta

quel che vóle…”. “Va bene!” La Maria:8)

 

“L’éte arportati, Ugègno quei do’ còcci?

La posta dal Pallotti 9) l’éte presa?”

“Si, mo’ li scarco…” Pu tutti i barocci

arpiglièvon la strèda verso chèsa.

 

Cusì per pollajóli éra la vita!

El mercoldì a La Fratta 10) e pu Cortona

fin che la sittimèna éra finita:

una da falla patta 11) e ‘n’antra bóna.

  ___________________________

  1) Balcone = loggia, scala esterna della casa colonica.

  2) Pastone = intriso di semola.

  3) Le porte = gli sportelli delle stie.

  4) Borotalco = i pollaioli scambiavano con le massaie borotalco,

 saponette, pettini, ecc…

  5) El sàbboto = il mercato di Cortona.

  6) Da Bistino = all’osteria, in Mercatale.

  7) Nino = il seminarista che studiava a Cortona.

  8) La Maria = la bottegaia.

  9) Pallotti = pastificio in Cortona.

10) La Fratta = Umbertide (Fracta Filiorum Uberti).

11) Falla patta = farla pari, senza guadagno.


 

 

LA CAVA - GLI SCALPELLINI

 

A Mercatale esercitavano il mestiere di scalpellini le famiglie Frati (Colombo, Dino e Agostino), e Mencarini (Nicola, Ettore e Mario).

Dalle loro mani e dalle loro botteghe uscivano opere rifinite, geniali e non prive di valore artistico.

 

Sparìa tra ‘l fitto dei cerquatti lónghi

la chèva dei Pelèri, a solatìo,

ci gìa la gente, tardi a cerchè i fónghi:

co’ l’altri fréghi ci ci so’ gìto anch’io.

 

Per tutto l’anno, presto la mattina

col sole ch’arpiglièva la su’ via

de tanto ‘n tanto ‘l rombo de la mina

rintronèva co’ l’eco a la Badia.

 

Èttere Mencarini e ‘l su’ fratello

partìono ‘nnanzi giorno pe’ la chèva:

d’istète quando ‘l tempo è sempre bello,

d’inverno se éra freddo e si bufèva.

 

Mettévono la spòrtala 1) a tracòlla,

(quante primure avéa la Margherita!)

pe’ lo stradéllo, su, tra l’erba mòlla

facévono quel pezzo de salita.

 

Per tutto ‘l giorno se smorzèa tal fosso

el ticchittìo dei colpi del mazzólo;

d’inverno co’ la brina ‘l pettirosso

cantèa per loro, a giugno ‘l rusignólo.

 

Dai massi grossi, belli, cilistini

scappèvon fóri soglie e davanzèli,

architrèvi, frontoni pei camini,

acquèi, fornelli e brégni pei majèli,

 

scalini scornicèti e barbachèni

per règge le terrazze de le chèse,

pile pe’ l’acqua santa, oggetti strèni,

banchetti pe’ le piazze del paese.

 

 - - -

 

El tempo passa, pàsson le famiglie,

quello che déa la chèva ‘n serve più;

tra i sassi abbandonèti, le scuviglie

e i spini striscia ‘l serpe su e giù.

 

I scarpillini col mazzólo ‘n mèno

son giti a lavorè ta ‘n altro pòsto,

bello, piéno de luce, più lontèno!

La chèva brucia sotto ‘l sol d’agosto.

____________________

1) Spòrtala = la borsa con il cibo per la giornata


 

IL CASTRINO

 

Giovanni Mencarini, “castrino” era stimato in tutta la Valdipierle per la sua professione che svolgeva con serietà e competenza. Amava la natura con la quale ogni giorno, grazie al suo lavoro all’aperto in compagnia dell’amico cavallino, entrava in diretto contatto. Giovanni era un uomo buono, onesto e profondamente religioso.

 

Partiva presto presto la mattina

Giovanni col legnétto, la bisaccia

e la sporta coi “ferri”, co’ la brina

col vento, co’ la neve o la bonaccia.

 

Portèva la corona sempre adòsso

e ‘n librittino che tenéa con cura;

coi su’ pensieri gìa, passèva ‘l fosso

co’ l’acqua che scorreva fresca e pura.

 

Era esperto de l’erbe d’ogni sòrta

che spuntèvono ‘n ogni cantuncino

longo la strèda polvarosa e stòrta

le chiamèva col nome anco latino.

 

Parlèva co’ le lòdele e i fringuelli

col pettirosso che saltèa tra i spini

quando col su’ legnétto pei stradelli

scassèti se ne gìa pei su’ cunfini.

 

E la sera Beppino 1) da la porta

s’afaccèva tal vigolo ventoso,

masticando la bièda a bocca storta...

- Bòna notte, Giovanni, bòn riposo.

 ___________________________

1) Beppino = il cavallo, amico paziente e fedele.


 

L’ARFERRAPIGNATTI

 

 Niva de tanto ‘n tanto pe’ le chèse

‘n umino secco ch’arferrèa i pignatti:

portèa tal tascapène qualche arnese...

Doppo d’avé discusso e fatti i patti,

 

mentre parlèa la Rosa dei su’ mèli,

lu, ta ‘na sièda rotta s’empostèva,

per vedé meglio s’enforchèa l’occhjèli,

e ardunèta la robba cumincièva.

 

Col fil de ferro cotto, tenarino,

facéa i richèmi ‘n torno a ‘na tarina,

a ‘na pignatta grossa, a ‘n pignattino...

Cusì passèa la sera e la mattina.

 

Si se facéva notte ‘n qualche posto

se fermèva a cenè: senza pretése

pel su’ lavoro dimezzèva ‘l costo,

cavando dal su’ avé tutte le spese.

 

Nun rifiutèva mèi ‘l liquor de Bacco,

senza fiatè magnèa la torta gialla,

fumèva ta la pipa ‘l su’ tabacco,

durmìa sempre da Giulio 1) ta la stalla.

 

 ___________________________

1) Giulio = Bistoni, contadino generoso che dava ricovero per la notte nella stalla alla povera gente di passaggio.


 

 

IL MANISCALCO

 

Io pe’ la prima volta ‘n vita mia

vedde ‘l travaglio 1) con quei tavoloni

da Fabio, 2) ta la curva de la via,

a la mancina, sotto do’ moroni.

 

Fabio ferrèa le beschje a Casavècchia

leghète co’ ‘na cigna pé la trippa:

ci gìvono da Reschio e Canalécchia...

(Angiolo 3) ‘n po’ più ‘llà fumèa la pippa.)

 

C’éra sempre qualcuno ch’ajutèva

o che guardèa senz’èsse interessèto;

qualche frégo de passo se fermèva...

doppo ‘n puchino se ne gìa anojèto.

 

Fabio co’ la pannuccia, tutto rosso

scaldèa l’arnési, se mettéa ‘l bavaglio,

pulìa, rachjèva e preparèva l’osso

del cavallo ‘ncastrèto tal travaglio.

 

Rialzèa la zampa, l’apoggèa al ginòcchjo,

posèva ‘l ferro sopra l’osso duro,

batteva i chjódi, svelto co’ lu schjòcco

del mazzólo ch’armettéa tal muro.

 

Testeggèva ‘l cavallo pei tafèni

che gni ronzèono ‘ntorno comme matti;

acovaccèti a la miriggia i chèni 4)

sgrollèon le pulce e brontolèon tai gatti.

 

Eh, sì, ghiétro ‘l palazzo Giappichelli,

a Casavècchia c’éra ‘l maniscalco

Fabio del pòr Guerrino... brutti e belli

quanti cavalli entrèvon ta quel palco!

 

C’éra ‘na bella lapide tal muro, 5)

davanti a la faccèta de la chèsa

‘nducche éra scritto, sì, ne so’ siguro,

che Fabio la medaglia l’éva presa.

 

- - - -

 

Son passèti tant’anni e quel travaglio

mò nun c’è più ché Fabio è gito via! 6)

Le carrozze de ‘nn’oggi, si ‘n me sbaglio

vano a benzina e alora, cusì sia!

 

Mò c’è ‘n cancello grosso, vernigèto:

se legge ta ‘na targa: attenti al cane;

el marciapiedi è largo e lastrichèto,

ta le finestre han messo le persiane.

 ___________________________

1) Travaglio = ordigno in cui si fa entrare il cavallo indocile per ferrarlo.

2) Fabio = il maniscalco Fabio Giappichelli, mio lontanto parente.

3) Angiolo = il vecchio zio di Fabio.

4) Chèni = Fabio, appassionato cinofilo e cacciatore, aveva sempre accanto i suoi cani.

5) Lapide tal muro = Fabio aveva vinto un prestigioso premio in un concorso per maniscalchi e a ricordo aveva posto una lapide sul muro della sua casa.

6) Gito via = ora Fabio è morto!.


 

I TAGLIABOSCHI (I segantini)

 

Da ottobre a marzo era viva nei boschi della Val di Pierle l’attività dei tagliaboschi. Dal tronco delle querce si ricavavano le “traverse” per i binari delle ferrovie, che poi gli smacchiatori (i mulai) provvedevano, con i pazienti muli, a trasportare nei luoghi di raccolta, Mercatale, Pierle, Lisciano..., dove venivano accatastate, pronte per il definitivo trasporto a mezzo di autocarri alle stazioni ferroviarie di Terontola, Camucia e Umbertide.

 

Co’ ‘n tonfo sordo che te fa paura

e rimbomba pei fossi e pei burroni

chède la cèrqua ‘n mezzo a la radura,

bella, senza magagne a rimboccóni.

 

Corrono, alora, ‘ntorno i segantini

e sfróndon co’ la cétta e col seghétto

le frasche verde e i rèmi più pichjni...

è pigro ‘l sole prima de gì a letto.

 

E la mattina doppo ‘l tronco forte

sdrajèto, lóngo, senzza più la scorza,

tra l’altre cèrque vive, la su morte

mòllo de guazza piàgne, senza forza!

 

Se fano avanti col curdino ‘n mèno

tinto de rosso e la fittuccia stesa

i segantini... ségnono pièn pièno:

scàtton la corda tra do’ mène tesa.

 

Uno de fronte a l’altro, ‘nginocchjèti

col segone che va se fan l’inchino...

a mezzogiorno màgnono sudèti,

da la buraccia sùcchjono ‘n guccino.

 

Cóntono le traverse, stracchi morti,

i segantini quando scende ‘l sole;

co’ la giubba a tracolla, a passi corti,

s’avìono verso chèsa, si Ddio vóle!

 

El cielo se fa scuro, s’alza ‘l vento,

sopra i tetti fùmono i camini...

Affróntono la vita a cor contento,

dura, giorno per giorno, i segantini.

 


 

GLI SMACCHIATORI

 

Immagini di sofferenza e di struggente tenerezza!

  

Se vedévon passè lappe le vie

file de muli carchi de travèrse

de cerqua o cerro pe’ le ferrovie.

Nojaltri freghi se mettévon pèrse

 

ore sopr’óre per vedé i mulèi

che scarchèvon le sóme dal groppóne

de quéle bèschje che ‘n perdévon mèi

la pacenza col freddo e ‘l solleone.

 

Pòri animèli e pòri giovanotti,

mulèi de Gubbio, che facéi la spòla

supper quei monti coi calzoni rotti

giornète ‘ntere senza dì parola.

 

 


 

I CARBONAI

 

Che vita penosa quella dei carbonai dentro quelle fredde baracche improvvisate, mentre tra gli alberi spogli del bosco urlava il vento e cadeva la pioggia!

  

Nìvono i carbonèi dal Casintino

co’ la moglie, i fióli e le galìne,

ta la macchja pulivono ‘n puchino

per fè ‘n capanno fatto de fascìne

 

e zùppele 1) de terra compressète.

Ci lascèvono ‘n buco da ‘na parte

pel fume e dentro tutte accomodète

coi letti, co’ le tàvele... con arte

 

érono sistemète per campacci

‘ste chèse sotto l’acqua e sotto ‘l gèlo.

Dal pièno se vedévono quei stracci

de fume che salìvon verso ‘l cielo.

 

Da quei segni capìon grandi e pichjni

si tirèa ‘l vento oppur la tramontèna:

éron le carbonèe pei contadini

le privisioni de la sittimèna!

 ___________________________

1) Zùppele = zolle di terra compatta.


 

 

IL CALZOLAIO

 

La bottega del babbo Bista, 1930.

 

 

Dèva ta la piazzetta senza sole

la buttighina del mi’ babbo Bista:

éra larga quel tanto che ci vóle

per passè tra la robba... ‘n éra trista

 

però, perché coi colpi del martello,

cadenzèti, per fasse compagnìa

cantèva ‘l babbo spesso ‘n ritornello

che lo sintìvon tutti da la via.

 

Sopra ‘l banchetto lesine e trincétti

e semenze e tenaglie e raspe e cere;

col puntarólo c’érono i tronchétti,

de fianco la bicòrgnala e ‘l bragére.

 

Arcòrdo ‘n tavolóne da ‘na parte

con tante scarpe ‘n mostra chjère e scure

forme grande e pichjne... e fogli e carte

fissète al muro e stringhe lónghe e dure.

 

C’éra sempre l’udore ‘n po’ sommésso

de péce, colla, cojo e néro fume;

éra ‘n po’ buja la bottéga e spesso

anco de giorno s’acendéva ‘l lume

 

Tirèa lo spègo ‘l babbo, ‘mbullettèva

le scarpe grosse, quelle de vacchétta;

le scarpe lustre, ‘nvece, le tirèva

a lucido co’ ‘l legno e la ceretta.

 

Spesso d’inverno, p’aspettè la cena

 e passè ‘n po’ diversa la serèta,

la buttighina se facéva piéna

d’amici sempre pronti a la risèta.

 

Pu’ co’ la “bonanotte” ‘n tutta fretta

se chjudéva la porta e la vetrina:

restèva zitta, al bujo, la piazzetta

sotto le stelle fino a la mattina.


 

 

 

IL PARRUCCHIERE

 

Verso ‘l trenta ‘l fiólo de Bistóne,

Beppe de Giulio, arvenne al su’ paese

vistito béne... e tutte le persone

sintìron che parlèva ‘l piemontese.

 

Prese ‘nn affitto da la Delia ‘n fondo

pichjno co’ ‘na volta pitturèta:

poltrone che girèvon tutto ‘n tondo

ci sistemò. La porta ‘nvernigèta

 

coi vetri e coi sportelli da levasse

ci messe, e ‘l lavandino e le canelle

co’ l’acqua che scorreva per lavasse

la testa... e siede e minsilìne belle!

 

Davanti a tutto ‘l muro ‘n grosso specchjo

coi fiori (p’arcuprì qualche crustina)

facéa sembrè stu fondo tanto vecchjo

un bel “salon”, ‘na grande buttighina.

 

E luce e lampadari de cristallo,

e, ghjetro ‘n vetro, tante buccittine,

“eau de cologne”... e co’ ‘n piumino giallo

‘na pompetta: bastèon do’ spruzzatine

 

de quel che c’éra dentro p’odoratte

la testa e ‘l viso. Lu portèa la moda!

Beppe te tratta béne, pu’ fidatte:

si vu’ ringiovanì, mèttete ‘n coda!

 

Dicéa la gente: “Lu’ fa ‘l parrucchjére:

ta l’ómi e ta le donne fa i capelli

che nun se sente, miga ‘nn è ‘n barbière!

Lu’ viéne da Torino, còcchi belli!”

 

Da lu’ ci gìa contento ogni cittino

senza strillè da matto spiritèto

perché ‘l metteva, nèh! ta ‘n cavallino

e riscappèva bello e profumèto.

Nel trentacinque volse arfè più bella

la targa e sotto ci fissò ‘n tendóne

che s’archjudéva co’ ‘na manovèlla:

ci stévon sotto doddici persóne.

 

El calendèrio co’ la Rita Uorte

regalèa per Natèle ai su’ clienti,

tal sacucino 1) te profuma forte

che si ‘nn el vedi, sta’ siguro, el senti!

 

Pu mésse sù i giornèli e le riviste:

(promosse a mercatale la cultura!)

“Il Tempo”, “La Nazione”... chj risiste?

Se spende ‘n po’, però chj se ne cura?

 

“Dèteme, Beppe, quel giornèle, quello

tulì, sotto quel foglio, el “Corrierino”

“La Tribuna Illustrata”, “El Settebello”,

“La Domenica”... sì, pu “Topolino””.

 

E c’éra “Il Marcantonio” con Gastone,

Genoveffa la ràcchja ‘nnammorèta:

stu giornèle scherzoso le persone

faceva divirtì co’ ‘na risèta!

 

Era ‘n ómo simpatico, tranquillo,

Beppe Bistoni! Stéa ta ‘na casina

de la piazza de mèzzo, sempre arzillo,

éra amico de tutti e la mattina

 

quando apriva ‘l negozio, doppo messe

le riviste e i giornèli del mattino

ta le curdine, te pareva d’èsse

ta ‘na piazza del centro de Torino!

___________________________

1) Sacucino = taschino.

 

 


 

I CALORIFERI

 

Nelle mie “briciole” di storia della Val di Pierle desidero ricordare il primo impianto di riscaldamento di tipo artigianale, perfettamente efficiente, realizzato dai fratelli Giuseppe e Secondo Nardini verso il 1930-31 nella loro abitazione di Mercatale.

Questo fatto, innegabile passo del progresso che avanzava, suscitò in paese ammirazione e curiosità e servì ad incrementare la stima di tutti verso gli intelligenti e laboriosi concittadini.

 

Beppe e Secondo dóppo armésse dentro

le trébbie, 1) archjusi giù ta l’officina

arméggiono con Angiolo e con Trento 2)

prima del freddo 3) fin da la mattina.

 

Dicéa la gente: “Loro, póri còcchi,

nun se férmono mèi durante l’anno,

ta le pulce i Nardini san fè l’occhj!

Loro són bóni a rimediè ogni danno!”

 

La neve quel’annèta alzò ‘na scarpa

e tutti pe’ scaldasse tai camini

coi cappotti zeppèono e co’ la sciarpa...

ma a Mercatèle ‘n chèsa dei Nardini

 

podéon girè le stanze a uno a uno:

le donne, i freghi e tutte le persone

ché i primi ta la buca 4) nel trentuno

c’évono i calorìfiri ‘n funzione.

 

I candelozzi 5) e l’acqua che gelèva

anco tai brocquilini e ta l’acquèi,

ta loro s’Iddio vóle ‘n li freghèva

perché la chèsa ‘n se freddèva mèi!

 

Quando bussèono ‘n chèsa o giuppe ‘l fondo

e zazzichèon coi tubi e ‘l saldatore

sapéon quel ch’éon da fè Beppe e Secondo!

...e se capì ‘n ducche passèvon l’ore!

 

Mésson ‘na stufa béne colleghèta

‘n cucina, che sirvìa per fè l’arosto,

coi tubi qua e là, tutta scaldèta

era la chèsa comme fusse agosto!

___________________________

1) Armésse dentro le trébbie = terminato il lavoro della trebbiatura.

2) Angiolo e Trento = i nepoti apprendisti meccanici.

3) Prima del freddo = in autunno.

4) Buca = in Val di Pierle.

5) Candelozzi = ghiaccioli.

 

 


 

COIFFEUR POUR DAMES  (La garzonne)

 

Nell’ottobre 1928 la Piera, giovanissima, portò da Firenze la moda dei capelli alla garçonne. La novità suscitò scalpore in famiglia e viva curiosità nel paese. Il barbiere “Scutino” (Andrea Micheli) colse l’occasione per improvvisarsi parrucchiere per signore, e, sembra, con ottimi risultati.

 

Arivò da Firenze ‘l su’ ritratto: 1)

piazza del Dòmo co’ le palumbine,

2) e la su’ zì Marietta... ma stu fatto

fece parlè pe’ ‘n pezzo le bighine.

 

La Piera era tulì vistita bène

col nóvo spulvirino e la garzonne,

e questa portò ‘n chèsa ‘n po’ de péne

per via de Bista che dicéa: “Le donne

 

han da portè la crocchja, ve l’ dich’ìo!

ma quando arviéne li 2) o la mi’ sorella

gliel fò vedé chj so, si è vero Ddio!”

Diceva la Maria: “Sembra più bella!”

 

“Sta’ zitta, tu, che sempre fra le róte

metti ‘l bastone! Con do’ sforbiciète

te ‘l fò vedé quel che so fè!” ‘Sté note

lappe ‘l paese furon propaghète.

 

Quando giónse ‘l postèle de le sèi

éra tutta la gente radunèta.

Scese la Piera: chj arìa ditto mèi

che quela ragazzina pittinèta,

 

riccia, éra li... pu’ ‘n chèsa s’enfilòe:

treméa da la paura la su’ mamma!

Bista, ‘l su’ babbo, appena la guardòe

e continuò a scaldasse ta la fiamma 3)

 

Pu’ fece: “Che sè arnùta, scemarèlla?!”

La Maria rispirò: “Te l’évo ditto

che la Piera cusì sembra più bella!”

Bista nun se voltò e armanse zitto.

 

Scutino, alora, messe su ‘na scritta:

“coiffeur pour dames” ta la barberìa

e cuminciò a tagliè... ci gì la Citta,

la Linda, la Ginetta, la Maria...

 

___________________________

1) Ritratto = la fotografia.

2) Li = lei.

3) Fiamma = del focolare.

TORNA ALL'INDICE

TORNA ALLA PAGINA INIZIALE


 

PRESENZE

 


 

IL FRATE CERCATORE

 

Mercatale, anni ‘30

 

Ricordo con simpatia Fra Fedele delle Celle, estroverso, arguto, notissimo in Val di Pierle.

  

Quando passèva ‘l frète pe’ la catta 1)

se fissèva co’ l’occhj stralunèti

nel vedé ta le spalle quela latta

unta, bisunta e i piedi ‘mpolvarèti.

 

E lu’, secondo ‘l vento che tirèva,

féa 2) finta qualche volta d’adirasse

e ‘l cordone annodèto c’impalmèva...

pu’ ci facéva mótto d’acostasse.

 

Ridéa sorgnjóne sotto quela barba,

frughèa ta la bisaccia ‘n puchinino,

diceva: “Vieni e prendi se ti garba

questa bella medaglia e l’abitino”.3)

 

Continuèva ‘l su’ giro pe’ ‘l paese,

bussèva col batacchjo tai portoni,

s’aprìvon le finestre de le chèse,

spariva ‘l frète lesto ta l’androni. 4)

 ___________________________

1) Catta = cerca.

2) Féa = faceva.

3) L’abitino = lo scapolare.

4) Androni = ingressi delle case.

 

 


 

LA FORTUNA

 

Ai tempi della mia infanzia passavano, di tanto in tanto, i venditori della “fortuna”. Al richiamo del lamentoso organino accorrevano donne e ragazze per richiedere “la pianeta”.

Il pappagallino, opportunamente ammaestrato, interprete fedele dell’oroscopo, estraeva attraverso le sbarre della gabbia, dal reparto giusto, il foglietto che veniva consegnato e subito letto dall’interessata.

Ma anche gli indovini qualche volta sbagliano...

 

Co’ ‘n organetto (ch’artirèva ‘l fièto

coi denti) ‘n ómo nìa co’ ‘na dunnina

ch’avéa tal collo ‘n tràmpolo atacchèto

co’ ‘na gabbia attrezzèta a cassittina.

 

Dentro la gabbia c’éra ‘n ucillino

verde, russiccio col su’ collo corto;

doppo avécci pensèto ‘n puchinino

movéa la testa e con quel becco storto

 

chjappèva dal reparto, quello adatto,

‘na carta gialla e la donnina alora,

doppo avé preso i soldi tal su’ piatto

la dèva e continuèa: “Bella signora,

 

venga che il pappagallo gl’indovina

chi sposerà sua figlia e... suo marito...

lasciamo pèrder, venga signorina!”

E mentre priddichèva alzèva ‘l dito.

 

C’èrono certe donne ‘n po’ fissète

co’ la pianeta che lascèvon tutto

per chjappè la furtuna: “Che me dète,

signora, ‘l fuglittino? E che ‘n sia brutto!”

 

“Non dubiti, mia cara, l’uccellino

non sbaglia mai, gliel’assicuro io!”

Alóra giù tra i ferri quel bicchino

scegliéa scegliéa e pu’ faceva... pìo!

 

‘Na volta capitò ta ‘na zitella

‘l foglietto che dicéa: “Vi sposerete

ad anni ventiquattro e sarà… bella

la vostra vita perché incontrerete

 

‘n òmo ben messo e ricco...” ma stu foglio

‘n sapéa che da parecchio avéa passèto

quella tulì i quaranta e ch’éra tróglio 1)

el su’ ragazzo... e pu ch’éra spiantèto.

 ___________________________

1) Tróglio = balbuziente.


 

 

 

I PECORAI

 

Anche attraverso la Val di Pierle passavano le greggi dei pastori per la transumanza stagionale verso la Maremma.

 

I pecorèi quando l’autunno ‘nìa

arivèvon coi chèni da lontèno:

che rumore facevon ta la via

le péquere! Belèva pièno pièno

 

co’ la vucina fióca ‘n agnillino

stracco pel caminè, bianco, pulito

tra l’altri zampettèa… comme ‘n cittino

chjedeva ajuto, tutto spaurito.

 

Alóra ‘l pecorèo la su’ bisaccia

scansèva e l’agnillino ta la spalla

se metteva… Nojaltri quela faccia

nun se finiva più de riguardalla!

 

‘N du l’émme vista? Ah, sì, ta ‘n bel santino

‘n du c’éra ‘n prèto verde tutto ‘n fiore

Gesù portèa tal collo ‘n agnillino

e sotto c’éra scritto: il buon pastore.

 

Se fermèvono ‘n po’ verso la Crèzia,

a lu spaccio, a comprè quel che ci vóle

da magnè pe’ la strèda… e via! De grèzia

che ‘l tempo è bello e che c’è ‘n po’ de sole!

 

E doppo ‘n póco arpìgliono ‘l viaggio:

i chèni ardùnon péquere e agnillini.

Arpassaràn de qui tra aprile e maggio

co’ l’occhj fissi verso l’Appennini.

 

 


 

LA SERVETTA... INGENUA

 

Nota storiella scherzosa. Naturalmente il luogo e le persone sono immaginari.

 

 Quando è arnùta da Roma a ferragosto

la Rosa ‘nn è più li, 1) basta ascoltalla...

L’ho sintuta parlè col su’ zi Gosto

ch’armeggèa col forcone ta la stalla.

 

“A che serve quel coso, zio Gostino?”

“Serve a ‘nfilzè ‘l litème... e qualcos’altro!”

“Quell’attrezzo appoggiato al murellino?”

“Mettici ‘n piéde sopra, dice scaltro,

 

e ‘l sapparè.” La Rosa, pronta al chèso,

ubbidisce... ma crac! gni s’avènta

l’attrezzo, urtèto, e ‘l mànnoco tal nèso

gni sbatte. “Oddio!!!” La Rosa se lamenta,

 

“Non vedo l’ora di tornare via!”

Ride ‘l bifolco: “Còcca, t’ha risposto”,

dice, e tratànto ariva la su’ zia

co’ le bròcquele ‘n mèno: “’L tu’ zi Gosto

 

voléa scherzè!” Ma quella ‘ndispittita:

“Mi ha preso in giro, quello scemarello,

tra le lagrime dice sbigottita,

faceva tanto prima a di’ rastrello!”

 ___________________________

1) Li: lei.

 

TORNA ALL'INDICE

TORNA ALLA PAGINA INIZIALE


 

 

GARMINA e VAL DI VICO

 

... perché la piccola Comunità di Garmina e Val di Vico, oggi pressoché scomparsa, rimanga viva nel ricordo e nell’affetto di tutti coloro che hanno conosciuto i luoghi e le persone che vi abitavano.

 

13 Agosto 1993


 

I GARMANESI

 

Quando scendéon col mulo o la somèra

carchi de legne da portè a le pòste,

vedéono i Garmanèsi meno nera

la vita d’affrontè ta quele còste.

 

Givono a fronte alta a le botteghe

pe’ spènde quei suldini, gente stramba

i Garmanesi nun cerchèon le beghe, 1)

se regolèon pel salto co’ la gamba.

 

Ta ‘n pezzo de giornèle ‘n tutta fretta

mettévon la betònnaca 2) e col dito

arbiricchjèon la loro sigaretta

che chjudévon col labbro ‘nnummidito.

 

Piglièon lu scherzo senza avénne a mèle,

se dèvon le pintàcquele: 3) “Mignina,

Beppe, ta la tu’ moglie métte ‘l sèle 4)

quando gni porti a letto la tazzina!”

 

Gni piaceva bé ‘n goccio e fè buriana 5)

pe’ le fiere, i merchèti e pe’ le feste...

pù co’ l’amici e i muli ‘n fila indiana

archjappèvon la strèda quando leste

 

scendéon l’ombre da le cime grige.

Lassù trovèono ‘n chèsa la fiarèta: 6)

coi fréghi ‘ntorno al fóco e co’ le brige 7)

chjudéon cusì, contenti, la giornèta.

 

___________________________

1) Le béghe: i Garmanesi, gente onesta, non impiantavano debiti da pagare alle botteghe: si regolavano, per le spese, con i pochi soldi che avevano.

2) Betònnaca: foglia secca di tabacco, stritolata tra le mani.

3) Pintàcquele: battute spiritose, innocenti.

4) Métte ‘l sèle: metti l’amaro (scherzoso).

5) Fè buriana: fare baldoria.

6) La fiarèta: la fiamma del camino, simbolo della famiglia riunita.

7) Le brige: le castagne arrosto.

 

 


 

QUADRETTO BUCOLICO A GARMINA

Primi anni ‘40

 


 

Quando s’afaccia ‘l sole tra le cime

de quei monti lontèni ghjétro Preggio

le péquere se svégliono per prime,

cuminciono a belè drénto ‘l maneggio.

 

Col fuso e co’ la rócca già ‘mbastita

de lèna la Concetta èpre la porta...

làpper quei toppi... “Bèèè...” pe’ la salita

chjàppa prensù, pe’ ‘na stradina storta.

 

Antabarreta drénto ‘na giubbaccia

del “Sesto Fanteria” (senza stellette)

coi zocquili pisticchja tra l’erbaccia,

tra i sassi e le spinèje maledette.

 

Ma la Concetta ride perché ‘l vento,

che mugghjèva stanotte, adesso ha smesso;

gn’è ‘rivèta la posta: “So’ contento,

arvèngo con tre giorni de permesso”.

 

La Cónne 1) tòrce ‘l filo e l’arbiricchja

mentre ‘l chène gn’arvòlta ‘n agnillino;

fila la Cónne e tra de sé ridicchja

perché domèni arviéne ‘l su’ Giustino.

 

E ‘ntanto fa ‘l su conto: “Dal postèle

domattina ‘l mi’ Gósto scende giùe,

pù, lèsto lèsto, lù da Mercatèle

ci mettarà mezz’ora per ni sùe...”

 

El tempo passa, e passa lappe ‘l cielo

qualche nùvala... canta ‘n turcicòllo; 2)

el chène se barùlla e aruffa ‘l pélo,

d’abajè, d’arvoltè bèlche satollo!

 

La rócca s’è svotèta, ‘l fuso è piéno...

la miriggia dei cerri s’è ristrétta

‘ntorno al pedóne 3) viéne da lontèno

un sóno de campène... la Concetta

 

vede fumè ‘l camino... “Dai, Parigi, 4)

è tardi, argimo a chèsa ché la torta,

gialla comme la luna, è cotta e Gigi

ch’arviéne da la scòla è ta la porta!”

 

E archjàppa ‘n giù col chène e co’ l’agnelli

ch’anùsono per èria: ‘nn han più frétta

mò de magnè e zompono a saltèlli

tra l’erba, i sassi e la stradina stretta

 

verso ‘l ricinto ‘n ducche acovaccèti

ligumaràno 5) l’erba tenarina.

Pensa la Cónne: “Do’ ne són passèti,

‘n véggo l’ora ch’arivi domattina!”

 

El mulo ta la stalla, ‘n du l’ha méso

Chécco, sudèto, sbatte l’orecchjoni

e magna allegro mò, senza più peso

ta la groppa succhjèta dai mosconi.

 

Arréntra ‘n chèsa Chécco: è stèto al pièno: 6)

“El tempo, dice brusco, s’è cambièto,

ci ha ‘zzecchèto Minchino de Sièno!

Ma ‘l baccalà da Bista l’ho comprèto!

 

Pióve quante te père, ‘l mi’ cucchino,

i stròcchi 7) ta la Crèzia l’ho vinduti...

el sèle ‘n chèsa c’è... anco ‘l canfino 8)

 

e do’ soldi ‘n sacòccia me son nuti!”

La torta de grinturco se divide;

ta la tàvala spòlta, la tarina

fuma... ‘l cancèllo del polèjo stride...

“Alò, tutti a magnè!” dice la Gina.

 

Màgnono zitti... ariva ‘na ventèta,

la porta sbatte... ‘ntorno al focorèle

Parigi aspetta ‘n tozzo o ‘na zampèta...

rimbomba ‘n tóno sopra Mercatèle.

 

___________________________

1) La Cónne: Diminutivo-vezzeggiativo di Concetta.

2) Turcicollo: Uccelletto dal caratteristico movimento del capo.

3) Pedóne: tronco.

4) Parigi: nome proprio del cane.

5) Ligumaràno: rumineranno.

6) E’ stèto al pièno: è stato al piano, a Mercatale.

7) I stròcchi: legna di quercia cedua.

8) Canfino: petrolio da illuminazione.


 

 

 

 

PRIMA NEVE

 

Ricordi-immagini lontani nel tempo.

 

 

 

Doppo i Santi piovéa da ròmpe i fossi,

volèon le foglie al vento tutto ‘ntorno,

rimbombèvon de notte i tóni grossi,

che te sveglièon de stolzo... Fatto giorno

 

nun c’éron più le nùvele tal cielo.

Le cime da ‘na trina bianca, liéve,

éron cuperte; grigi ‘n mezzo al velo

del fume dei camini e de la neve

 

sotto ‘l Curvìno, a fianco del Frontone 1)

i tuguri de Gàrmana éron vivi!

Da l’altra parte, bello ‘l Castiglione 2)

mostrèa la neve giù fino a l’ulivi.

 

 ___________________________

1) Curvìno... Frontone: le due cime del monte Corvino (circa m. 850 s.l.m) a nord di Mercatale, una a destra e l’altra a sinistra della Croce di Garmina, valico per Montemaggio.

2) Castiglione: monte a sud di Mercatale, verso la Badia, sopra S. Maria delle Corti.

 

 


 

LA VEGLIA DI GARMINA

Fine anni ‘30

 

A Gàrmana se sóna e se balla:

s’arentra pe’ la porta

e se scappa pe’ la stalla.

 

Il fatto è realmente accaduto verso la fine degli anni trenta. Il vecchio pavimento della cucina della casa di Trovato cedette al peso eccessivo della gente radunata, e... con uno schianto pauroso crollò, travolgendo i ballerini nella sottostante stalla tra le bestie che muggivano spaventate. La paura fu grande ma, fortunatamente, tutto si risolse senza gravi conseguenze.

 

 

A Gàrmana ballèon per Carnovèle

ta la cucina grande de Trovèto:

Ci gìon da Muntimaggio e Mercatèle,

suddisfatto restèa chj c’era stèto!

 

Picchjèva 1) ‘l sonatore e la su’ ditta

sopra la vecchja mattara... ta ‘n canto

ridéon le donne, nissuna stéa zitta:

qualche strillo caccèon de tanto ‘n tanto.

 

Piglièva ‘l sonatore, per dè ‘l tono

‘n pèttine rèdo mésso tra ‘na foglia... 2)

... e da la bocca nìva fóri ‘n sóno

che te mettéva de ballè la voglia.

 

I giovanotti co’ la brillantina

amicchèvon qua e là co’ l’occhj ardenti:

póco era ‘l lume drénto la cucina,

ma ta loro bastèa p’èsse contenti!

 

Ballèvono ‘l trescóne e la mazzùrca,

la pòllaca e ‘l tango dei suspiri...

La Sunta miagolèa comme ‘na turca:

“Beppe, che vu’ da me? Perché m’amiri?”

 

Fóri bufèva 3) fitto e ‘l vento urlèa

giùppe la cappa nera del camino;

lu spìfforo rentrèa pe’ la gattèa, 4)

le donne se spostèvono ‘n puchino.

 

Ma ‘na volta gì mèle: tal più bello

se sente gracelè... 5) de primo acchito 6)

el piancito se sfonda e... ta ‘n vitello

s’saltrova Triddicino ‘mpaurito!

 

Mùgghjon le vacche ‘n mezzo a quei ditrìti;

ùrlon le mamme e archjèmon le fióle...

tra ‘l bujo i giovanotti ‘n po’ ‘ntuntiti

s’acòrgon d’esse vivi, s’Iddio vóle!

 

Pianin pianino scàppon fóri tutti

pe’ la porta de sotto, de la stalla:

graffièti, neri, spittinèti, brutti,

chj s’atasta ‘na gamba, chj ‘na spalla!

 

Tréscono 7) tra la neve... “Beppe, ‘l lume!”

bercia qualcuno. Acèndon ‘na fascina...

A le do’ de la notte ‘n mezzo al fume

la Menca piagne... arcérca ‘na scarpina!

 

Ne venne fóri, alora, ‘stu dittèto:

“A Gàrmana se sóna e se balla,

s’arréntra pe’ la pòrta (de Trovèto)

e se riscappa fóri pe’ la stalla”.

___________________________

1) Picchjèva: saliva sopra.

2) Tra ‘na foglia: semplicissimo strumento musicale.

3) Bufèva: nevicava.

4) Gattèa: piccola apertura nell’anta fissa della porta per far passare il gatto.

5) Gracelè: cigolare.

6) De primo acchito: improvvisamente, subito.

7) Tréscono: camminano a stento tra la neve.


 

 

 

LE CAMPANE DI VAL DI VICO

 

Fine di una chiesa ricca di storia...

Fine di una comunità povera, buona, semplice ed onesta. (Primi anni ’70)

 

La chiesetta di Val di Vico ha origini remote: dedicata a S. Donato, appar-tenne a Città di Castello fino al 1325, quando entrò a far parte della nuova Diocesi di Cortona. Nel 1620 divenne Santuario della Madonna del Carmine.

Il Priore di Perle, Cristoforo Trabucchi, fece fondere le due graziose campane con impresse le immagini della Madonna e dei Santi patroni, insieme a foglie di vite e di salvia. L’abbondanza di argento nella lega conferiva il caratteristico suono “argentino” subito riconoscibile tra quello delle altre campane della Valle. Recentemente, dopo il crollo di gran parte della Chiesa, un gesto inconsulto di cacciatori di cinghiali le ha fatte tacere per sempre.

Don Alvaro Bardelli.

 


 

Da le mène de ‘n angiolo, vel dico,

éron tocchète quando nìa col vento

el sóno pe’ le feste... A Val di Vico

le do’ campène érono d’argento!

 

D’argento vivo comme la vucina

dei cittini che giócon ta la piazza!

Giognéva a ondète fin da la mattina

quel sóno co’ la neve o co’ la guazza.

 

Quando sonèono loro, ta le chèse,

se rispirèa, de Gàrmana ‘n antr’èria:

anco lassù, per quattro volte al mese, 1)

mettéa ‘l vistito bello la miseria! 2)

 

Partìon le donne, l’omini, i fióli

per gì a la Messa e per cantè col prete

el “Santumergo”, per nun èsse soli,

p’affrontè con coraggio le giornète,

 

che portèon la fatiga e ‘l bujo ‘ntorno

anco si c’era ‘l sole... ch’éron troppe

le bocche da sfamè! Freddo èra ‘l forno...

‘N c’era più ‘l posto manco pe’ le toppe!

 

Qualche volta sonèvono de sera,

ma se capìa che ‘nn era pe’ la festa!

Scendéva giù la gente nera nera

co’ ‘na cassina... pu’ ‘na buca lesta

 

facéon tal camposanto, da la parte

de l’àngili, 3) ‘ndu fitte éron fiurite

tutto l’anno... sembrèva anco con arte,

tra le crocette, tante margherite.

 

Pu’ s’azzittàron quéle campanine

perché lassù nun c’era più la gente 4)

da richjamè... ormèi tra le ruvine

de la ghjésa nun c’era armasto gnente!

 

Restèvon loro co’ le corde rotte

sopra quel tetto mezzo ruvinèto:

zitte, ‘mbroncète de giorno e de notte

arpensèvono a quant’avéon sonèto!

 

Pu’ venne ‘n giorno gente senza fede,

senza crianza, né timor de Ddio...

véddon le campène... e, chj ci crede?

préson la mira, e bum! “Oddio, Oddio!”

 

piànson le campanine! Ma nissuno

sintì quel pianto... e quando ci s’acòrse

che ‘nn éron più lassù... ci fu qualcuno 5)

che tra quei calcinacci i pezzi arcòlse.

 

___________________________

1) Quattro volte al mese: ogni domenica.

2) Mettéa ‘l vistito bello la miseria: i Garmanesi poveri, ma devoti, si vestivano a festa per andare alla Messa.

3) Da la parte de l’àngili: nel reparto destinato ai bambini (la mortalità infantile era altissima ).

4) Nun c’era più la gente: per lo spopolamento delle zone montane.

5) Ci fu qualcuno: il priore di Pierle, don Alvaro Bardelli, Economo Spirituale di Val di Vico.

 

 


 

DESOLAZIONE

 

In seguito allo spopolamento, molte case coloniche di collina e di montagna della Val di Pierle sono in rovina.

Tra i ruderi e gli spini scorrazzano volpi e cinghiali e imperversano cupi uccelli notturni.

Ma a primavera basta il melodioso canto dell’usignolo a rendere piacevole il soggiorno agli stranieri che hanno scelto di abitare nelle case riadattate.

 

 

Tante chèse de Chjàntina e Luncìni,

de Gàrmana, de Pierle e Bacialupo

spariscon tra la léllara e tra i spini...

De notte mugghja ‘l vento freddo... e cupo

 

el suspiro del lòcco tra quei sassi

ch’érono stèti stalla e focolère

fa senso!!! S’avicina a lenti passi

la volpe scaltra, anusa e pù scompère.

 

Se sente grufelè lappe ‘l serpème

de quello ch’era l’orto de Bisdossi;

bùbbala ‘l gufo, la civetta geme...

se smorza l’eco... tuttumio... tra i fossi.

 

Però de maggio nun se sente solo

el furistièro ch’ha lascèto tanto

per campè tra ‘ste macchje, l’usignólo

el consola, de notte, col su’ canto!

 

 

 


 

 SI DICEVA SCHERZANDO

 

  

 

...i Garmanési per gì a Cortona

‘l sabbato vano a pernottè a Cà del Cécca.

 

Controsenso perché Cà del Cécca è sulla via di Umbertide, presso S. Andrea di Sorbello.

 

 

 

...i Garmanési mietévon co’ la lézzana (lesina)

 

Chi ha inventato questo “modo di dire” non conosceva i Garmanesi, gente pratica e intelligente.

 

 

 

...’nguanno ‘l grèno m’ha fruttèto béne, m’ha fatto de le quattro.

 

L’altitudine e la scarsa fertilità dei campicelli sassosi male ricompensava il duro lavoro dei Garmanési.

 

TORNA ALL'INDICE

TORNA ALLA PAGINA INIZIALE