FEDERICO GIAPPICHELLI

 

 

LA VALLE DEI MIEI CANTI

 

 

 

 

LA GUERRA
LA FAMIGLIA
LE PERSONE
LE STAGIONI
 
12 giugno 2005
 
 
 
 
 

Affido a questi versi, volutamente pensati e scritti in dialetto, un pezzetto di storia “autentica” della mia vita e della Val di Pierle, dove sono nato e vissuto fino a trenta anni.

Federico Giappichelli



 

INDICE

 

1.      Risposta…

2.      Undici anni di storia 1935-1946

3.      I soldati

4.      Il premilitare

5.      Passa il fronte

6.      I giorni della paura

7.      La guerra è finita

8.      La gita (mancata) a S. Margherita

9.      Le piene del fiume    1

10.   Le piene del fiume    2

 

 

11.   Campane a morto

12.   I consigli di Mencone

13.   Il cicigliano

14.   I brìnguili

15.   La coccinella

16.   Il cucùlo

17.   Anniversario

18.   Ritratto di famiglia

19.   Povertà dignitosa e onesta

20.   Una bella lezione della mamma

21.   A veglia

22.   La banda

23.   La rota

 

 

24.   Personaggi strani e patetici

25.   Il Brigadiere

26.   Il Lampino

27.   La Cucca

28.   La Catra

29.   La sora Margherita

30.   Lisèo  –  La Dorotèa

31.   L’ómo col tabarro

32.   Fazio – campione di footing

33.   Andavano a Volterra

34.   Vanno a mietere

35.   La mietitura

36.   La trebbiatura (la battitura)

37.   La vendemmia

38.   La raccolta delle ghiande

39.   Il granturco

40.   La scartocciatura

 

 

41.   Equinozio di primavera - 21 marzo.

42.   Solstizio d’estate - 21 giugno.

43.   Equinozio d’autunno - 23 settembre.

44.   Solstizio d’inverno  - 22 dicembre.

45.   Canto di primavera

46.   Estate

47.   La partenza delle rondini

48.   Ottobre

49.   Mattina rigida d’inverno

 

TORNA ALLA PAGINA PRINCIPALE

 

RISPOSTA…

“Il fanciullino italico non ruzza che ben vestito e ben pettinato: le noci, con le quali gioca a filetto, devono essere coperte di carta d’oro e d’argento. …Noi studiamo troppo per poetare…”

da “Il fanciullino” di G. Pascoli

 

Mentre legge i mi versi c’è ‘n dottore

che stòrce ‘l muso comme i majalini…

pù scatta: “M’hanno rotto… è un disonore

trattare lingua e storia da burini!

 

Che importa registrar nella memoria

un campo di zucche, un orto di poponi?

Ci vuol bel altro a costruir la storia!

belle pietre, non cocci di mattoni!

 

E quando l’edificio è ben costrutto:

uomini grandi dal parlar forbito!”

“Ta la mi’ storia io ci metto tutto!

-rispondo al mio “Solone” alzando il dito-

 

Ci metto l’operèj e i contadini,

che lavorono al sole che li cóce,

le donne avanti al forno coi cittini,

i fréghi, ‘l carro, i bóvi… la mi’ vóce

 

‘nn intènde tirè su ‘na gran muraglia,

ma tramandè ‘n ritratto che fa onóre

ta chj c’è déntro… alora qualche scaglia

de mattone ci vóle, sor dottore!”

 

                       TORNA ALL'INDICE
 

 

UNDICI ANNI DI STORIA 1935-1946

 

La nuova parrocchia di Mercatale – 1935.

 

Nel 1935 Mercatale si staccò dalla parrocchia di S. Maria delle Corti (Lisciano Niccone) e dalla Diocesi di Perugia per formare una parrocchia autonoma (Madonna del Carmine) sotto la giurisdizione del Vescovo di Cortona (il Regio Decreto di Costituzione della Parrocchia avvenne nel 1939).

 


 

Quando  nel trentacinque, béne o mèle,

dal Vesco de Perugia venne via

s’altrovò senza préte Mercatèle;

senza più gnènte ché a Santa Maria

 

armànson le campène e ‘l lanternone,

la ròbba pe’ la Messa e San Vincènzo

che se portèa pei campi ‘n prucissione,

el Cristo morto… E’ meglio che ‘n ci arpènso.

 

La nostra Madunnina Addolorèta,

‘n s’arvédde più passè, bella cumm’éra!

L’Ersilia e pù l’Erminda, l’éon portèta

e la Giulia, l’Elvira… e pù la Piera.

 

Tocchèa ‘rfè tutto! Venne zitto zitto

el Vesco de Cortona ‘n vèr Natèle

senza dì gnènte e si ficcò diritto

(tutti corréon tulì) al confessionèle.

 

Pù disse la sù Messa: “Miei diletti,

benvenuti voi siete nel cuor mio,

non è facile dir tutti gli affetti

che sento come padre… lo sa Iddio!

 

Poc’anzi, su nei monti, per la via,

guardavo giù la valle e gli Appenini:

qui sono, e qui mi sento, a casa mia”.

(Oh caro nostro Vesco Franciolini!)

 

“Ho visto Monte Cucco 1) con la neve

all’orizzonte e s’è commosso il cuore,

avrete il vostro parroco, tra breve,

ve lo prometto, figli nel Signore!”

 

A dì la Messa nì da San Donnino

qualche mese ‘l pievèno Marchesini…

Niva la Pasqua e pù San Vincinzino,

ma mèle se mettéa pei contadini.

 

ché la stètua nun c’éra… e che se fae?

Che se làssono i campi abandonèti?

“Cattando se girà de qua e de làe

p’acozzè i soldi… e, fin che ‘n l’én trovèti

 

s’ansistarà!” “Ma, Menco è tardi ormai

non si fa ‘n tempo a far venire il santo,

e poi il Signore è buono e, tu lo sai,

tutto conosce e non pretende tanto!”

 

“Nòe, la prucissione ‘n tutti i módi

bisogna fàlla e vo’ ascoltat’ ta mé:

si la stètua nun c’è, sciogliémo i nódi,

co’ la ridiquala 2) alora s’ha da fè!”

 

Pù ci mandò Don Silvio 3) e tutti quanti

se fu contenti: adesso ‘l préte c’éra…

ma ‘l bello venne quando verso i Santi

do’ campanine giónsono de séra.

 

L’avéa mandète ‘l Vesco da Salcotto,

sotto Cortona, tutte ricamète

érono e alora ci se mésse sotto

per fàgni i céppi… e furono montète.

 

Facévon co’ la vècchja, scrocciolèta,

loro arzille e billine, guèsi ‘n coro

che sumiglièa, però, ta ‘na scroccèta

perché le nóve gìon per conto loro.

 

(M’arcòrdo che ‘na volta pe’ ‘n merchèto

‘n ómo de Camucia che le sintì:

“Un véddovo, me sa, s’è arcompagnèto!”

disse e ridéa de gusto da ‘n se dì.

 

Pù se fece la ròbba nóva, bella: 4)

fece ‘l Cristo la Checca de Pipicchjo,

quello Risorto ‘l féce la sorella

d’Ostia Mare… cusì avicchjo, avicchjo, 5)

 

a forza de teatri e lotterie,

d’acattè pe’ le chèse e de gì ajóni 6)

arvénne San Vincenzo e pe’ le vie

s’arféciono le nostre prucissioni.

 

‘L sor Checco Rossi 7) chéva sempre “dato”

pe’ la ghjésa dicéa: “Sarei contento

vedere il campanile rinnovato,

sentire un bel rinterzo che col vento

 

mi giungesse ai Pelari per le Feste!

Dopo potrei morire, o mio Signore!”

Ma i tempi ‘nn éron bóni… e leste leste

giognéon brutte notizie… e ‘l batticóre

 

ci chjappò quando a l’aradio se sintì

ch’éra scoppièta la seconda guerra

e tutti i nostri ómi éon da partì

per la difesa della nostra terra.

 

Vénne la fème e pù ‘l bombardamento 8)

la sera de San Piétro: a Mercatale

‘n ghjésa éra ‘sposto ‘l Santo Sagraménto.

“Signore Iddio, ci libera dal male!

 

Il popol tuo prostrato al Santo Altare

guarda Signore!”… Se sintì do’ schjanti

e tutti alora smétton de cantare,

fùggon pei campi con suspiri e pianti.

 

‘Nn éra morto nissun, ma che spavento!

Buche de qua e de là, rotta la via

(io che scrivo ‘sti versi ancora arsènto

qualcosa dentro che me porta via!)

 

E doppo cinque giorni l’alleèti

dal Pròtine arivàron ta la valle.

‘N ducche i Tedeschi éron passèti,

i ponti rótti, vóte éron le stalle!

 

E pù la mina… ‘n mezzo a quel calore

al ponte Pignattajo… Piero, che strazio!

E Angiolo! 9) Perché, perché Signore,

al pianto nostro lasci tanto spazio?

 

* * * * *

 

Lascèmo pèrde e arnìmo ta la via:

ormèi ‘n c’è più la guerra, s’Iddio vóle!

S’arpènsa a le campène e chjnchesìa

è contento de falle e, comme póle,

 

ajùta: ‘l campanile s’è ‘nnalzèto.

‘L sor Checco co’ la vóce ‘n po’ commosssa:

“Silvio, 10) mi sembra quello di Loreto,

ora ci metto la campana grossa!”

 

Ce le féce la Ditta Barigòzzi,

pe’ la binidizione vénne ‘l Vésco, 11)

pe’ la festa 12) la gente déva i còzzi

per passè, per gì ‘n ghjésa, pe ‘l rinfrésco.

 

Vénnon da Prèggio p’ensegnè ‘l rinterzo:

Francesco e Mario 13) l’amparàron… pùe

dicéa qualcuno: “L’han trovèto ‘l vèrso,

quei do’, di divirtisse, tulassùe!”

 

Sónono a festa e sónon si c’è ‘l danno;

sónono a mezzogiorno e a l’emmarìa,

col caldo e co’ la néve tutto l’anno,

e pórton ta la valle l’alligrìa.


 

 

___________________________

1) Il Monte Cucco ricordava al Vescovo i suoi monti dell’Appennino Umbro-Marchigiano.

2) La reliquia.

3) Il 1° agosto 1937.

4) Pian pianino si fecero gli arredi per la Chiesa. (Da ricordare, in particolare, le belle statue del Cristo Morto e del Cristo Risorto, pregevoli opere degli artisti artigiani del legno di Ortisei, donate dalle sorelle Francesca ed Ersilia Micheli.)

5) A poco a poco.

6) Qua e là.

7) Il signor Francesco Rossi, sempre attento alle necessità della parrocchia, contribuì sensibilmente alla realizzazione delle nuove campane.

8) Il 29 giugno 1944.

9) Piero Matracchi e Angelo Giappichelli trovarono al ponte Pignattaio una tragica morte il 5 luglio 1944 per lo scoppio di una mina lasciata dai Tedeschi in ritirata: Piero, mi sembra, morì sul colpo; Angelo la sera del 9 luglio al Policlinico di Perugia.

10) Silvio Minucci, il costruttore del campanile.

11) Lo stesso Vescovo Franciolini Mons. Giuseppe, nativo di Nocera Umbra.

12) La festa per l’inaugurazione delle nuove campane avvenne la domenica 20 ottobre 1946.

13) Francesco Polchettini e Mario Alunni campanari del “rinterzo” si divertivano a variare il rinterzo stesso.

 

 

                       TORNA ALL'INDICE
 


 

I SOLDATI

Le grandi manovre. Val di Pierle 1933

 

Vénnon nel trentatré la prima volta

i soldèti ‘n po’ qua, ‘n po’ là... al Casèle

ci n’éron tanti! Chj parla, chj ascolta:

amici éron de tutti a Mercatèle.

 

Angiolo, ‘l mi fratello col Berutti,

el colonnello, venne da Velletri

co’ ‘na bella automobile, gìon tutti

a vedé ‘l Pipi che lustrèva i vetri.

 

Nojaltri ragazzotti coi soldèti

‘na certa cunfidenza l’émme presa,

quando tal campo stévon consegnèti

gni s’empostèa ‘na lèttara per chèsa.

 

Pe’ le grandi manovre ai Gosparini

ci venne ‘l Re! Lassù al palazzo Mazzi

c’éra ‘l Comando... i loro contadini

se strìnson ta le chèse... ma ragazzi

 

faceva ‘n certo ché, sintì quei schjanti,

vedé quel’arioplèni e quei palloni!

Per furtuna éron finti e ‘n c’éron pianti.

Mettevono alligria tutti quei sóni

 

de le fanfare ch’archjamèon la truppa

pe’ l’adunata, per marcè e gì a letto,

p’alzasse e preparasse pe’ la zuppa:

‘nsomba éron cose che facéono effetto!

 

Un certo Cardinèle del Vallone

védde passè ‘l Comando lappe l’èja...

da la loggia berciò: “Nite pardóne,

Sór Re, ni’ zzù da me! Se beve: eia

 

lalà! ‘N goccino bóno de vinsanto!”

El Re gn’arféce cénno! Senza bòria

scriveva ‘l nostro Cardinèle ‘ntanto,

senza sapé, ‘na pagina de storia!

 

 

                       TORNA ALL'INDICE
 

 


 

IL PREMILITARE

Ricordi da una vecchia fotografia del 1939.

 


 

Ci s’altrovèva ‘l sàbboto de sera,

ragazzi de diciotto e de vent’anni,

co’ la fuciacca e la camicia nera,

senza ‘n soldo ‘n sacoccia e senz’affanni.

 

Dentro ‘l doppolavoro se zeppèva

p’armasse de giberne e de moschetto,

ta ‘na schètala grossa se frughèva

el fezze ch’èra largo e ch’èra strétto.

 

L’appello sotto i tigli, l’istruttori:

el Cavaliére e ‘l sor Pasquale arvédo,

i mi’ compagni del paese e fóri...

Son passèti tant’anni e nun ci crédo.

 

Ho davanti Cristòfeno de Brizio,

Beppe, Gino, Giovanni... ma ‘n sò come

perché tra tanti, io, de qualche Tizio

vedo la faccia e nun m’arcordo ‘l nome.

 

Le marce lónghe, le risète, i lazzi...

la luna piéna che scappèa... Estasiato

el Cavaliere che dicéa: “Ragazzi,

guardate quello che il Buon Dio ha creato!”

 

“Roma divina, a Te sul Campidoglio...”

La gente se voltèva! A passo lento

nojaltri se cantèva, con orgoglio,

pel paese... ‘l sor Menco éra contento. 1)

 

‘Na volta ‘l Cavaliere, misterioso,

ci disse: “Ho una sorpresa questa sera...”

“Che c’è, sor Menco?” fece ‘l più curioso.

(Già stéva per finì la primavera.) 2)

 

“Questa sera, ragazzi, con baldanza,

faremo un’escursione a tutta prova,

andremo a San Lorenzo, 3) guai chi scanza

la fatica: l’Italia si rinnova

 

con giovani gagliardi come voi!

Pasquale, 4) metti in ordine scalato...”

Me guarda ‘l Cavaliere... “Tu non puoi,

Rigo, 5) lo so, tu sei giustificato!”

 

Ma io ci armanse mèle ché quel posto

voléo vedé, gni disse a bocca stretta:

“Grazie!” Me bisbigliò: “’L dieci d’agosto

tu ci verrai con me ‘n motocicletta.”


 

 

 

___________________________

1) Era contento: ‘l sor Menco, il Cavaliere Domenico Rossi, buono e sensibile, era orgoglioso dei suoi ragazzi che passavano marciando disciplinati, cantando a tutta voce, per le vie del paese.

2) Primavera: era giugno quando le serate sono lunghissime.

3) S. Lorenzo: S. Lorenzo in Bibbiana, presso Chiantina, a circa 6 Km da Mercatale, nell’alta collina che divide la Valdipierle dalla Valle di Seano-S. Leo Bastia.

4) Pasquale: il carissimo Pasquale Mercati di Pierle, recentemente scomparso.

5) Rigo: sono io. Negli anni precedenti ero stato sofferente di ascesso renale. Il Cavaliere ritenne opportuno esonerarmi dalla lunga marcia. Mantenne poi la promessa, e con la sua grossa moto (La Lupa) anziché a S. Lorenzo, raggiungibile attraverso una strada disagevole e sconnessa, mi condusse a Canoscio, il 15 agosto, per la festa solenne dell’Assunta.

 

 

                       TORNA ALL'INDICE
 


 

PASSA IL FRONTE

24 giugno – 4 luglio 1944

 

Mentre passèva ‘l fronte la paura

cuminciò a circolè sempre più forte:

la gente ‘n se sintiva più sigura

con tutti quei tedeschi ta le porte.

 

Rubbèvon ta le chèse e ta le stalle

tutto quello che c’éra… alora tanti

rimpìrono le schètele e le balle

de ròbba da salvè da quei furfanti.

 

Muràrono tai fondi o ta ‘n buchicchjo

vistìti, catinine e qualche anello;

ta qualcuno saltò lu schiribicchjo

de ringuattè ta l’orto ‘l su fardello.

 

Pe’ la su ròbba féce ‘n tutta fretta

‘na buca… e, doppo avélla sistemèta

arcuprì tutto e féce la pracétta

co’ la spadóna bella e trapiantèta.

 

La Cìmbala se mésse tutto adòsso:

tre pèj de mutande, sei sottène,

‘n cappotto sbrindellèto e giuppe ‘n fòsso

ringuattò le su scarpe, le più sène.

 

Piovéa, piovéa quei giorni: meno mèle

per chj portèva adòsso i su cirugli,

ma pianti per chj avéa ‘l su capitèle

sotto la terra, fóri o tra i cispugli.

 

Pù ‘mbarràron le porte e vètton vìa,

a costo de durmì sopra ‘na banca,

al Cuccagna, a le Corchje… ‘n ducche sìa,

per salvasse la pelle e falla franca.

 

Se sintìva ‘l cannone da lontèno,

passèvon l’arioplàni a tutte l’ore:

“Sono arivèti al Lègo Trasimèno!”

dicéa la gente e gni s’apriva ‘l core.

 

Dai nostri nascundigli se sintìva

laggiù i soldèti che passèvon lenti;

la notte stretti stretti se durmiva

tai letti de l’amici e dei parenti.

 

La sera de San Piétro l’arioplèni

fécion cadé le bombe… e doppo bumme!

saltaron tutti i ponti. Quei marrèni

fuggiron de notte, al bujo comme

 

banditi… pù silenzio!!! S’argì alóra

a chèsa. ‘L quattro luglio l’alleèti

dal Pròtine, guardinghi, vénnon fóra.

Gni se gì ‘ncontro tutti emozionèti!

 

A Mercatale fiori, vino, canti…

Welcome” qua e là strette de mène…

Ma per qualcuno ci saranno i pianti

e sòno sconsolèto de campène!

 

                       TORNA ALL'INDICE
 


 

I GIORNI DELLA PAURA

23 o 24  giugno 1944

 

La sera del 23 (o 24 giugno 1944) le S.S. comparvero minacciose in Valdipierle. Una ventina di persone furono rastrellate, ammassate davanti alla casa di Gio Batta Giappichelli e perquisite. Alcune, e tra queste il sottoscritto, latitante al servizio militare, riuscirono a rifugiarsi in casa e, attraverso una botola che immetteva nel fondo sottostante, raggiunsero i campi e si nascosero tra il grano maturo…

 


 

De tanto ‘n tanto ‘l rombo del cannone

rintróna ghjétro i monti, cupo, triste:

archjùse ta le chèse le persone

tèngon d’òcchjo la via senz’èsse viste.

 

La sera è calda e ‘l sole è già al diclìno,

tutto ‘l paese ‘nsunnulìto, néro

aspetta sbiguttito ‘l su distino

e mira con sospètto lo stragnèro.

 

Davanti a chèsa mia ta la piazzetta

Checco, lu sdaziatòre, 1) contro ‘l muro

fuma tranquillo la su sigaretta

parlando con do’ amici: “V’assicuro

 

che a Mercatèle ormai possiam dormire

nel nostro letto ed aspettar giulivi

gli alleati che stanno per venire.

Ringraziamo il Signore d’esser vivi!

 

I Tedeschi -diceva- non són tónti:

per salvarsi la pelle quelle orde

fanno via via saltare tutti i pónti

lungo le strade dritte, verso il norde.

 

La nostra valle, chiusa, non si presta

con le sue stradicciole tortuose

ad una ritirata in massa, lesta.

Cerchiamo di capirle queste cose!”

 

Erminio, 2) suddisfatto, fa la mossa

co’ la testa per dì che questo è vero,

quel’altri do’ col gómito la scossa

se dàno: “Tu ci credi per davero?”

 

Se sente a ‘n tratto córre: “Sòno giónte

-dice Pasquino 3) tutto trafelèto-

l’han viste l’Esseesse, sòno al pónte!”

“Che c’è, che c’è?” fa Checco senza fièto.

 

S’atacca tremolante a la curdina

la tira, zeppa ‘n chèsa e sbatte l’uscio:

“Maria, Maria dov’è? Verso la scina?”

S’enfila a rompicollo pel batuscio.

 

Con lu sparisce Rigo e chj è a ridosso

del sottoschèla: fóri c’è ‘l terrore

raus, raus! ‘l cielo se fa rosso:

a venticinque gradi gela ‘l cuore!

 

Dal fondo Checco scappa ta la via,

chjàppa prengiù, ariva a la Burrona, 4)

tal campo ‘n mèzzo al grèno de Badìa 5)

chjòtto chjòtto s’enguàtta. Quando sóna

 

col su lamento la campèna, ‘l giorno

è ormèi finito, mo’ tutto se sbianca,

Checco s’artira su, se guarda ‘ntorno

col fièto grosso verso chèsa aranca.

 

Quei Tedeschi ringhiósi trinchesvàini

la notte l’ha ‘nghjuttìti col su velo:

sfiniti, stralunèti, sotto i zaini

cércono nel fuggì ‘n segno tal cielo. 6)

 

Tra ‘l grèno da le spighe gònfie, pése

spùnton le lucciapalle a ghjéci a cento,

rizzéppono i fugastri ta le chèse

sotto le stelle mute, a passo lento.

 

Bùjo è ‘l paése, morto! Senza i strilli

dei fréghi che chjudévon la giornèta

adesso fa paura! Solo i grilli

verso ‘l castello fan la serenèta.


 

 

 

___________________________

1) Francesco Minucci, impiegato del Dazio.

2) Erminio Migliosi, camionista.

3) Pasquino Neri, detto il Fallani, meccanico.

4) Casa dell’Annunziata Fredducci, vedova di guerra, sulla costruzione del vecchio mulino ad acqua (burrone) sotto casa Nardini e Giappichelli, sulla via del “Castello”.

5) Pasquale Lolli, colono della signora Margherita Mazzi.

6) La stella polare, il nord.

 

 

                       TORNA ALL'INDICE
 


 

LA GUERRA È FINITA

Aria di libertà, di rinnovamento; tensione politica, spopolamento.

 


 

Passèto ‘l frónte arfécion, pièno pièno,

i ponti rotti e arcuminciò ‘l postèle

arfatto nóvo, mo’ tutti lontèno

cuminciono a guardè: sàn dal giornèle

 

ch’èsse libiri è bello! l’urrà viéne

e s’arveste ‘n po’ la gente coi cappotti

“for usa”, ‘l latte ‘n polvere se tiene

ta le chèse, e ‘l formaggio, e i giandujòtti

 

(anco pel mèl de corpo), dai parenti

arìvon da tulà. Mo’ tra le mène

qualcosa c’è da métte sotto i denti;

s’arfàno le camicie e le sottène.

 

Mo’ se pensa a campè cómme crischjèni,

se quischjóna pel vóto e pel partito,

se vól cambiè da l’òggi pel domèni,

se cérca de scordè quel ch’én patìto.

 

Dóppo che han dèto ‘l diditì scomparse

són le mosche, pulce, cimmice… la gente

adè vól divirtisse co’ le farse

ta la sèla del préte; mo’ per gnènte

 

se ride e ta la pista de ciménto

giù, al merchèto, se balla, o da Lisèo

el bugi-bugi, oppure el tango lento

che fa arpensè a la sèla del mugnèo.

 

Le chèse càmbion faccia: ‘l mettitutto

se cumincia a vedè… pù ‘na mattina

co ‘n po’ de smalto s’envernigia tutto:

tàvola, siéde e anco la vitrina.

 

Co’ la cassa se fa ‘na cunigliéra;

la piattèa fa la brègia pe’ la torta;

nun pièce più quel che da sempre c’éra;

la robba vècchja, mo’, te père storta

 

e la butti (nun se’, tu, Cattarina,

che tra qualch’anno gènte ‘n po’ bellòccia

te chjédarà ‘n caldèjo, ‘na tarina,

la cassittina ‘n dù cóva la chjòccia!)

 

Mo’ s’arcamìna béne, alora via!

Coi pulmi al mère (e chj l’éa visto mèi?)

a le ghjése dei Santi e de Maria:

de ‘na famiglia se partiva ‘n sei!

 

Pù vénnon da Castello e d’altre vie

per vedé si le terre de ‘sti pòsti

pel tabacco éron bóne e disson: “sie!”

Piantèmo, alóra, còsti quel che còsti!

 

Ma quelli ch’éono i campi tra le schjòppe

s’altrovàron d’un tratto disgrazièti:

s’acòrsono d’avé adosso tante tòppe,

nun vòlsono stè più ‘n ducche éron nèti.

 

Alora ‘n po’ per vòlta Valdivico,

Gàrmana, ‘l Colle, Corgna, la Badìa,

e l’altri pòsti è ‘nnutile che ‘l dico,

armànson senza gente e senza via.

 

Quel che ‘n mill’anni e più ‘n s’éra mèi visto

s’averò ‘n poco più de ‘na dîcìna

nel novecentocinquanta dóppo Cristo

se svéglia finalmente ‘na mattina

 

la gente e dice: “Guarda ‘n po’ che lòcchi

per tanto tempo i nostri sòno stèti

a lavorè ‘ste terre, póri còcchi,

comme muli e somèri bastonèti.

 

E scéson giù, qualcuno restò al pièno,

o gì de là dei monti ‘n Valdichjèna;

parecchj scunfinarono a Milèno

o su di lì, ‘n ducche la bótte è pièna.

 

De gì a San Remo corse la parola…

e vètton via… (me sa che fécion béne!)

Tra ‘l campo e ‘l seccatójo fa la spola

chj cuntinua a sintì le su campène.

 

* * * * * *

Arriva il progresso, il benessere, il consumismo: bene!

Vanno, tuttavia, attenuandosi molti valori fondamentali della vita: male!

 

* * * * * *

 

Ma la mi’ storia ancora ‘n vól fermasse

s’è chjùso ‘n mondo e ‘n antro se n’è aperto.

Verràn le chèse belle, verrà ‘l gasse

per cucinè, le scóle p’èsse espèrto.

 

Saràn le chèse còmmede, coi fiori,

coi lampadèri, el frigo e, sotto, ‘l fondo

pe’ le machine nóve e pei motori

dei ragazzi che ci han da gì pel mondo.

 

Oggi tutto è più bello ‘nn apparenza:

tutte calde le chèse… e le persone

che cóntono tal mondo e ta la scènza

tu le vedi tulì, ‘n televisione.

 

Te vesti béne e magni e te divèrti,

discuti de pulitica e de Santi,

porti i soldi a la Banca e l’occhj aperti

tiéni tal mondo che te sta davanti.

 

Però quando la notte se fa scura

e sbatte ‘na finestra senza vento

te corre pe’ la schjéna la paura:

dal letto salti giù pe’ lo spavento. 1)


 

 

___________________________

1) Oggi la delinquenza, ovunque dilagante, ci rende diffidenti e timorosi, insicuri in casa e fuori. E questo è male!

Il consumismo (o meglio l’edonismo) ha portato, specialmente i giovani, alla perdita dei valori fondamentali della vita: si vuole tutto e subito, costi quel che costi!

Naturalmente in questo giudizio non si deve generalizzare, poiché persone oneste e giovani sani ci sono anche oggi, come al contrario, i disonesti c’erano anche una volta.

 

 

                       TORNA ALL'INDICE
 


 

LA GITA (MANCATA) A S. MARGHERITA

22 febbraio 1946

 

 


 

Cavàrono i Micheli ‘n so de ducche

un postalino tutto sconquassèto.

Ci si zeppèa da ghjétro, ma le zucche

pel bùjo e pe’ le strède ‘n mèlo stèto

 

se battévono ‘nsiéme ché st’affère

‘nn avéa finestre e nunn avéa sidili

ma banche rimedjète, ‘n dù gni père,

altrovète tai fondi e tai fînili.

 

Pel ventidò febbrèo se ride e canta,

se parte ‘n tanti col vistito nóvo

per gì a Cortona a ringraziè la Santa:

se stéva fitti fitti comme l’óvo!

 

Fino da Castagnólo béne, pùe

el postalino cuminciò a fè ‘l matto,

buttèva ‘l fume bianco: “Tutti giùe!

-Pippo urdinò- spignémo su, nu scatto

 

diciso, tutti ‘nsiéme, fòrza gènte

ch’arpàrte, s’è ‘ngolfèto ‘n puchinino,

ma ‘l sò per esperienza che ‘nn è gnènte!”

E ‘nfatti doppo ‘n rombo, ‘n culpittino

 

arpàrte, alora su! “Noi vogliam Dio!…”

s’arcanta spensierèti… a la girèta,

strétta de Pierle, tràmbala, oddìo!

S’ariscénde, la gente sconsolèta

 

cumincia a domandè: “Quando s’ariva,

Pippo, a Cortona? Santa Margherita

ajutètici vo’!” Dice l’Uliva:

“Io arvòlto, Lola, tanto l’ho capita

 

che nun s’arìva manco a mezzogiorno!”

“Anch’io ‘n m’azzardo, nò! -dice Pietróne-

Alora è mèglio a chèsa fè ritorno!”

E fan la fila ‘n giù verso Brancone.

 

‘N mezzo a la strèda armanse ‘l postalino;

Pippo col su fratello giù e sùe

cércon de fallo argì; dice Minchino:

“E’ meglio che s’arvòlta e s’arvà giùe!”

 

Qualcuno stabilì, tra questi anch’io,

de gicci a piédi… e se partì ridènti

e via! Cafaggio, ‘l Busco e pù Trarìo,

Scanizza… dal Bellucci érme contenti.

 

E se magnò, se bévve… e pù Giovacco

guardò l’orlòggio e disse: “Ma ‘n dù vite?

Ormèi le dó sòn pàsse!” Alora ‘l tacco

s’arvoltò ‘n su… s’arpréson le salite

 

per quei stradelli ritti, tra le balze.

Pù cuminciò a bufè, le scarpe rotte

tra quei sassi magnèvono le calze!

S’argiónse a Mercatèle ch’éra notte.

 

 

                       TORNA ALL'INDICE
 


 

 


 

LE PIENE DEL FIUME    1

Novembre 1934

 

A più riprese ‘l fiùme féce ‘l matto,

sempre de notte! Fu la prima volta

nel trentaquattro: doppo d’avé fatto

tanto caldo d’istète e l’uva còlta

 

e ‘l grèno seminèto lappe i campi

se mésse a pióve e ‘nne smettéva mèi...

Pioveva a stròscio: vento e tóni e lampi

per tutto ‘l giorno, pù, verso le sei

 

se sintì ‘n rómbo cupo, senz’arresto,

lassù a La Troga... ‘n mezzo al temporèle,

tra ‘n lampo e l’altro, se capì ben prèsto

che nìa la piéna verso Mercatèle.

 

Scappò ‘l dottore svelto da la villa

co’ la moglie, la serva e le cittine;

Salvò Giròlmo i bòvi... e la su billa

la Cattara, i cunigli e le galine.

 

Giónse la piéna fino a la Burrona

e ‘l castello sparì tra lo sciacquìo.

Dicéa qualcuno: “Còcchi, nun perdóna!”

Tra tutta quela gente c’éro anch’io.

 

L’acqua continua a nì tutta la notte,

dal fiume rotto... pù pianin pianino

la gente se ne va: le ciucie a frotte

sguàzzono contente verso ‘l punticino.

 

Quando se fece giorno, figliulini,

éra cambièto tutto ‘l nostro pièno!

Nun c’éron più le forme e i stradillini

tra ‘n campo e l’altro, éra sparito ‘l grèno

 

ch’éra già nèto e jéri verdeggièva:

sassi de qua e de là, l’acqua fangosa

tai pozzi éra zeppèta e rispaglièva.

Anco si c’éra ‘l sole vergognósa

 

éra la nostra valle... maledetta

se sintìa pe’ la furia de la piéna!

Da La Troga, al Perèllo, a la Goletta

fino al Patollo: tutta sassi e réna!!!

 

E doppo, per un pezzo, andando avanti,

lappe i campi giocarono a la guerra

i fréghi fino a che la ditta “adanti

solazzi” de le Marche, co’ la terra

 

presa de qua e de là, arfece belli

l’argini rotti, coi stradelli ‘n cima...

S’argì a cerché le cóve dei fringuélli;

arfécion le fórme comme prima.

 

 

                       TORNA ALL'INDICE
 


 

LE PIENE DEL FIUME    2

28 aprile 1945

 

Queste briciole di storia locale permeate di drammaticità, di slanci generosi d’altruismo, colorite da un pizzico di scanzonata ilarità, vogliono essere un’istantanea di Mercatale e della sua gente, nell’immediato dopoguerra.

 


 

Fu nel quarantacinque, doppo ‘l frónte:

le strède rotte e l’àrgini sbranèti...

per gì de là nun se passèa pe ‘l ponte,

ma pe’ La Tròga, tutti ‘mpantanèti!

 

El ventisette aprile, quanto pésa

col pensiéro arcordè! mòrse pe’ ‘n tóno

Giammarioli mentre stèva ‘n chèsa.

Certo quel giorno nun fu proprio bóno!

 

De notte, doppo ore de spavento

s’arvédde l’acqua traversè la via,

corréa la gente frastornèta, ‘l vènto

strappèa le foglie e le portèva via!

 

Stévono tutti sotto l’incerèta,

le balle, al secco, a chjacchjarè, coi lumi,

a gruppetti guardèvono l’ondèta

de l’acqua sporca che passèva a fiùmi!

 

I Dindi, póra gente, spaesèti

‘nn avéon pensèto a scioglie ta la stalla

i bóvi che mugghjèono spaventèti

e l’acqua gn’arivèa guèsi a la spalla.

 

Se védde, alora, ‘n ragazzotto bèllo

buttasse tra quel’acqua... e, doppo ‘n lampo

èccolo! co’ le bèschje e co’ ‘n vitello,

siguìto dai maièli messi a scampo.

 

“Evviva! Bravo!!!” Scalzo, tutto mollo

Mèdio s’altrova ‘n mèzzo a tanta gente...

gni bùttono qualcósa ‘ntorno al collo.

Lu se ne va, senza pretènde gnènte.

 

Quelli de là girèvono a l’asciutto,

chiamèvono a gran vóce: “A Chesavècchja

-dicéa qualcuno- han salvèto tutto!”

De qua chj avéa pinsiéri érono i Brecchja.

 

Lu sposalizio c’éono del fiólo,

la spósa stéa de là... de qua i mugnèi

s’altrovàron, poracci, ‘n mèzzo al dólo:

si domèni ‘n se passa, saran guèi!

 

E ‘nfatti la mattina ta la via

p’arivè al ponte c’éra l’acqua alta.

Don Fernando, tulà, a Santa Maria

sonèa, sonèa pei spósi... ma chj salta?

 

Alora la Concetta de Trabalza

mette lu sposo sopra la su spalla...

e via!... Giógne de là, senza ‘na calza!

Ride la gente mentre sta a guardalla!

 

E doppo la Concetta fa la spòla

per gì de qua e de là: ne varca sette,

forte, sigura, senza dì paròla...

Pù fatto questo comme vénne, vètte!

 

Cusì Bippino co’ le scarpe nóve,

co’ la su’ Livia e coi parenti ‘n testa

partiron pe’ la ghjésa e, ‘n vèr le nòve,

se sposarono e féciono gran festa! 1)


 

 

___________________________

1) In questo giorno, 28 aprile 1945 venne impiccato il Duce e l’Onorevole Mezzasoma a Piazzale Loreto a Milano.

 

 

                       TORNA ALL'INDICE
 


 

CAMPANE A MORTO

 

Una brutta, assurda, consuetudine era quella di suonare le campane a morto in due modi ben distinti:

1° - Per i ricchi e benestanti a tocchi lenti, come singhiozzi;

2° - Per i poveri “a santo” cioè con un doppio lento e ritmato, quasi a festa.

Correva la voce: “Si móre ‘n ricco se scaténa ‘l traversóne e ‘l piàngono anco i chèni; si móre ‘n póvoro ‘n se n’acòrge nissuno.

 

“Ascolta! Per chj sónon le campène:

prima la gròssa sóla, sconsolèta,

pù a tocchi rèdi?” Se lamenta ‘n chène,

ariva furibonda ‘na ventèta!

 

“E’ morto ‘n guadrinèo - dice la Rosa-

e gn’arincrésce de lassè ‘gni cosa!”

 

“Ascolta! Per chj sónono Maria

a santo, le campène de Liscèno?”

“Un póvoro s’è mésso pe’ la via...

è gito sù, senza ‘n suldino ‘n mèno.”

 

Manco ‘l chène de chèsa se n’è acòrto:

men che pei sua, con lu, nissuno è morto!

 

 

                       TORNA ALL'INDICE
 


 

 I CONSIGLI DI MENCONE

 

 

 

Per invecchjè ‘l formaggio la tu’ moglie

s’arcòrdi del broccóne 1) non usèto!

Céndara e mòrca, messo tra le foglie

de nócio ‘l pequarino è sistemèto.

 

E quando pe’ le feste la tu Rosa

vóle ‘ncacè la pasta col cuniglio,

quéla polpa croccante e granellosa,

quel udore, la manda ‘n visibiglio!

 

* * * * *

 

Si le mósche ‘n cucina fàno ‘l fume,

e sopra la marmitta fan la ronda,

métte ‘n mazzo de nibbji 2) ‘ntorno al lume!

Vedarè ‘n verso sera quela fronda

 

diventè nera e sintirè ‘l bivacco; 3)

piglia ‘na balla, alora, e chjappa al vólo

quel grappolo che ronza... e sbatte ‘l sacco

dentro l’acqua bullita del bugljólo.

 

___________________________

1) Lo ziro vuoto dell’olio.

2) Fronde verdi, fresche, di sambuco.

3) Termine un po’ ricercato (per esigenza di rima) = ronzìo.

 

 

                       TORNA ALL'INDICE
 


 

IL CICIGLIANO

Ricetta estiva della Valdipierle

 

Il cicigliano era un tipico piatto dell’estate, sano e gustoso. Oggi, con la scomparsa del granturco nostrano, a chicchi rotondi e lattiginosi, e con i nuovi gusti sofisticati imposti da un tenote di vita prettamente consumistico, la preparazione di questa minestra è pressoché dimenticata. Desidero, tuttavia, ricordare tra le cose buone, semplici e povere del passato, anche il cicigliano, piccolo tassello nel mosaico della civiltà contadina della Valdipierle, fino agli anni cinquanta.

 

Piglia tre spighe de grinturco, sèno,

che faccia ‘l latte e chèvigni ‘l cartòccio,

sdècina ta ‘n teghème, pù pièn pièno

taglia a pezzétti la ventrésca o ‘l bòccio.

 

Prepèra ‘na cipolla grossa, Bita,

sopra la battilarda, co’ gli udòri,

con quel ch’ho ditto prima tutto trita

per fè mischjè de già tutti i sapori.

 

Sdècina de fagióli ‘n bel fagòtto,

de quelli da la rèma, picchjolèti;

prepèra la marmitta e métte sotto

tal fornello ‘l carbone; bén lavèti

 

bùttili giù co’ l’acqua che ci vóle

e col grinturco ténoro, sta atènti

al fóco; co’ la svèntala si póle

tiéne allegra la brègia che ‘n s’alènti.

 

Pù fà ‘l sufritto co’ ‘n po’ d’olio, a parte,

de quello ch’è battuto, e... zitta zitta,

si è giónta l’óra de scozzè le carte,

butta ogni cosa déntro la marmitta.

 

Sèla quel tanto che ci vóle, Bita,

svèntala con pacènza ‘l tu’ fuchino!

Tra póco se vedrà la benfinita,

quando l’asaggiarè col misquilino.

 

Stu bródo denso, sapurito, sèno,

ch’ha l’udor de la terra! ‘Nn avé furia

de magnè si te brùcia! ‘L ciciglièno

de la póvara gente è la gudùria!

 

‘Na fetta o do’ de pène brustulìto

tal piatto cupo méttici de sotto

e ‘n antro góccio d’ólio, scunsurtìto,

te sembrarà de vince ‘n terno al lotto.

 

 

                       TORNA ALL'INDICE
 


 

I BRÌNGUILI

Ricetta tipica della Valdipierle

Per ricordare questa tipica e buona ricetta del passato, ogni anno a Lisciano Niccone si fa la “Sagra dei brìnguili”.

 

Sopra la spianatoja co’ ‘n po’ d’arte

do giumelle prepèra, per binìno,

de farina de grèno... da ‘na parte

d’acqua calda, già pronta, ‘n tegamino.

 

Entrìde co’ le mène, sempre ‘nn ópra,

quela grazia de Ddio che se fa pasta;

si c’è bisógno la rasiéra adópra

mette de sèle e pepe quel che basta!

 

Stàcchene ‘n pizzittin de tanto ‘n tanto

e co’ le mène mòlle gira e taglia:

saràn, Teresa, i brìnguili ‘l tu vanto

tutti stesi, tulì, ta la tovaglia.

 

Col lardo e ‘na cipolla fà ‘l battuto,

(ma arcòrda: si ‘l condì te sembra póco,

‘na códdaca o do’ fónghi sòn d’ajùto!)

Pù métte tutto ta ‘n teghème al fóco!

 

Bùttici la conserva fatta ‘n chèsa,

rùzzica ‘l sugo rosso e sapurìto...

Mò pénsa a cóce i brìnguili, Teresa,

e a parecchjè ch’è argiónto ‘l tu marito.

 

Sèrvigni ‘sta piétanza bén cundita

col sugo e col formaggio pequarìno:

sarà dal tu’ Pasquèle più gradita

si l’accompagni co’ ‘n bicchjér de vino!

 

 

                       TORNA ALL'INDICE
 


 

 

LA COCCINELLA

 

La ragazzina affida alla coccinella il desiderio di ricevere un modesto monile che appaghi la sua innocente vanità.

 

Margheritina da Cortona

pòrteme ‘n vézzo e ‘na coróna...”

Cusì dicéa la ragazzina, ardita!

quando sidùta a l’ombra de ‘n ulivo

da la mèna lascèa la “margherita”

dal guscio picchjolèto rosso vivo.

 

Sotto la coccia dura quéle alìne

s’aprìvon per volè ‘n qualche cantóne;

ridévono fra de sé le ragazzine

senza manco sapénne la ragióne!

 

E ‘ntanto al sól de maggio gnènte manca:

sòn fiùrite le ròse e le scuvìglie.

La ragazzina co’ l’agnèlli arànca

contenta de vedé ‘ste meraviglie!

 

 

                       TORNA ALL'INDICE
 


 

IL CUCULO

(‘l cicùlo)

 

La contadinella ascolta il monotono verso del cuculo... e interroga lo strano uccellino per trarre, dalla risposta, azzardate previsioni sul suo futuro... Ma attenzione!

 

Ciculìn dal bel cantè,

quanti anni ho da parè?

 

oppure

 

Ciculìn dal bel cantè

quanti anni ci ho a sposè?

 

Vicino a la turèta, ghjétro al pozzo,

pèra i su’ majalini la Mariuccia...

e ascolta, mentre loro ‘n bacaròzzo

cércono tra l’erbacétra e la mintuccia.

 

cucù, cucù, cucù, cucù, cucù, cucù...

 

Sei volte ha fatto ‘l vèrso e pù è fuggito

el cucco tra le cèrque del casèle:

fa ‘l grùgno la ragazza ch’ha sintìto...

la Mariuccia, sì, c’è armasta mèle!

 

Gni sémbron troppi! Ma se guarda béne

dal coglionè ‘l ciculo ‘mpermalito!

Le schjèfene gni vèngono e le péne...

e la paura de ‘n trovè marito!

 

 

                       TORNA ALL'INDICE
 


 

ANNIVERSARIO

La nascita del fratellino

1 novembre 1927

 

Era ‘l giorno dei Santi, ‘nnavighèvo

co’ l’altri fréghi al camposanto ‘n festa:

tra i lumi e tra la gente m’anojèvo,

qualcosa me frullèva pe’ la testa.

 

Decido d’argì a chèsa e senza sosta

chjappo prengiù, ma ‘l core me battéva…

qualcuno pe’ la strèda me s’acòsta

e sotto i baffi tra de sé ridéva.

 

Me piglia sottobraccio stretto stretto,

pù me bisbiglia mentre che va via:

“Righino, s’è caduto dal banchetto,

puarìno!” Armango solo ta la via.

 

El sole è sceso giù ghjétro Matuccio,

la sera grigia a l’impruvviso avanza…

Védo tal mi’ littino ‘l balistruccio…

M’altrovo rintuntito ta la stanza.

 

M’acòsto al letto per vedé ‘l cittino…

una mèna me sfiora con dolcezza,

me metto da ‘na parte ‘n puchinino,

ma continuo a sintì quéla carezza.

 

Se móve tra le fasce e tra ‘l sobàggio

el fratillino… el viso me se ‘nfiamma.

Sento ‘na voce che m’ardà coraggio:

“Rigo, s’è sempre ‘l cocco de la mamma!”

 

 

                       TORNA ALL'INDICE
 


 

RITRATTO DI FAMIGLIA

 

Con viva commozione ho cercato di ricostruire il ritratto della mia famiglia agli inizi degli anni trenta: una famiglia, come tante in quel tempo, di modeste condizioni economiche, ma ricca di affetti, di valori e di onestà.

 

Trésca ‘l ceppo la neve co’ la fiamma

‘na sera de dicembre, fredda, bigia…

davanti al focolère la mi’ mamma

riempie la pretìna de cinigia. 1)

 

Pei trèvi neri arlùccica ‘l chjaróre

che salta a tratti comme ‘n gióco bello

suppe i muri scrostèti… co’ l’udore

de brillantina scende 2) ‘l mi’ fratello.

 

Angiolo, diciott’anni, ha ‘na gran fretta 3)

d’afacciasse a la festa de la vita!

col ciuffo ardito e la gravatta stretta

doppo cena va via… mentre la Rita

 

davanti al fóco sfirruzza ‘na trina,

el babbo va al caffè co’ la su flemma,

la Piera spazza svelta la cucina,

armétte a pòsto i piatti… e va da l’Emma.

 

Se cadeva dal sonno io e Aldo:

tal seggiolóne lù, col bavaglino,

pendéa la testa, io murìo dal caldo

siduto tal banchetto del camino.

 

El letto “brucia”, 4) la gattina è sopra;

la mamma fa le schèle col cittino,

riscénde, tutto ‘l giorno è stèta ‘n ópra 5)

soltanto mo’ se ferma ‘n puchinino.

 

Io nun ne posso più… 6) “Mamma, la santa

benedizione” e parto barcolloni 7)

“ ‘L Signor te benedica – ‘l fóco canta,-

cocco, non te scordà de l’orazioni!” 8)

 

___________________________

1) Ciniglia: brace minuta, adatta per la pretina.

2) Scende: scende da “su alto” (dalle camere) dove era andato a “farsi bello” dopo una giornata di lavoro nell’officina meccanica dei parenti Nardini.

3) Fretta: Angiolo si affacciava con entusiasmo alla vita che, purtroppo, sarebbe stata tanto crudele con lui. Morirà per lo scoppio di una mina, residuato bellico, il 9 luglio 1944.

4) Brucia: il letto è pronto, caldo e accogliente.

5) Ópra: la mamma durante tutta la giornata non si è fermata un minuto.

6) Più: non resisto al sonno.

7) Barcolloni: mi avvio, barcollando dal sonno, verso le scale.

8) ‘L Signore…: La benedizione della mamma chiudeva la giornata.

 

 

                       TORNA ALL'INDICE
 


 

POVERTÀ DIGNITOSA E ONESTA

La gente di Valdipierle, soprattutto quella della montagna, viveva in condizioni di estrema miseria: lavoro duro, ingiustizie, umiliazioni. Gente onesta, però, ricchissima di valori.

 

“Del pène ‘n chèsa mia nun ci n’è cica 1)

che ‘l sacco è armasto vóto ta ‘l granèo:

comme se camparà? Embè, a l’antica,

co’ ‘n pizzittin de torta del panèo. 2)

 

Le scope portarò ta la Suntina,

do’ franchi me niràn ta la sacoccia:

ci comprarò ‘na bella pitturina… 3)

la pagarò, ché ‘l débboto me scoccia!”

 

Cusì dicéa ‘na sera ‘n vegghjatura,

d’inverno ‘ntorno al fóco coi vicini

Menco de la Badìa… Quant’éra dura,

la vita a scalampè, 4) pei contadini!

 

 

___________________________

1) Cica: affatto, niente.

2) Del panèjo: torta di granturco cotta sul testo.

3) Pitturina: baccalà, il cibo dei poveri.

4) Scalampè: a tirare avanti.

 

                       TORNA ALL'INDICE
 


 

UNA BELLA LEZIONE DELLA MAMMA

Mercatale, verso il 1928.

 

L’episodio che racconto ha lasciato in me una traccia indelebile.

Ho sempre viva nella memoria la bella, efficace, lezione della mamma.

 

Comparve pel paese ‘n vecchjo basso

portèa ‘na mantillina da soldèto,

co’ ‘n bastone nodoso movéa ‘l passo,

paréa, coi denti, ch’artirasse ‘l fièto.

 

Era guèrcio de ‘n occhjo, bianco ‘n faccia,

girèva qua e là guardando assente,

gni pendéa da la spalla ‘na bisaccia

per mette quello che gni déa la gente.

 

Si doppo avé bussèto ta ‘na porta,

s’apriva ‘na finestra a l’impruvviso,

guardèva ‘n sù co’ la su testa storta

e tra la barba gni spuntèa ‘n sorriso.

 

Qualcuno de la cricca 1) ci se ‘mbatte,

passa parola alora, senza sèle, 2)

ci s’arduna per fè risète matte,

senza manco sapé de fagni mèle. 3)

 

E lu, puarino, ci fissèa co’ l’occhjo

che godéa de la luce... e pù che fae?

Continua la su strèda e col ginocchjo

che treméva se sposta ‘n po’ più ‘nn làe.

 

Erme proprio davanti a chèsa mia

quando s’èpre la porta: “Rigo, è pronta

la cena, vieni a casa!” Scappo via

co’ la faccia che brilla, ma ‘n po’ tonta. 4)

 

La mamma me s’acosta co’ ‘n vinchino,

me fa le gambe rosse... pù me dice:

“Questa è la prima cena, stupidino,

vergogna portà ‘ngiro un infelice!”

 

Continua a traffichè ‘ntorno al fornello

la mamma, calma, mò sembra che canta,

co’ l’occhj mòlli ascolto ‘l ritornello:

“non farti gioco mai della mia bua,

oggi è la mia, domani la tua!”

Quella per me fu ‘na lezione santa!

 

___________________________

1) Cricca: il gruppo dei ragazzi del paese che, sfaticati, gironzolavano qua e là.

2) Senza sèle: immaturi, senza riflessione.

3) Senza... mèle: incoscenti, ma in buona fede (come spesso lo sono i ragazzi).

4) Faccia... tonta: contento per la cena, ma meravigliato per l’ora insolita.

 

                       TORNA ALL'INDICE
 


 

A VEGLIA

 

Doppo svinèto: bótte e caratello

tappèti béne, armésso a pósto tutto

se fa, co’ la venaccia, l’acquarello

per cavasse la séte col prociùtto.

 

Se bevéa vulintjéri, frizzantino

rinfreschèva lu stòmboco e la gola...

La Beppa ne bevéva ‘n bel quartino,

senza fiatè, co’ ‘na tirèta sóla.

 

Podéva capitè, gnènte de mèle,

tal bón del chjacchjarè davanti al fóco:

“Scusète tanto èh!” Salìa le schèle

e arnìva tutta allegra doppo ‘n póco.

 

* * * * *

 

Chj i denti ci éva sèni e le ganasse

ferrète comme quelle del segóne

da la tasca cavèa, senza lagnasse,

garaòccele bianche a profusione.

 

E cric, crac... mentre sfirruzzèva

a végghja, tra le mène ‘n calzinòtto,

quéle castagne secche divorèva

e le bagnèa de gusto co’ ‘n bel gòtto.

 

* * * * *

 

D’inverno, doppo cena, ta le chèse

se végghja pe’ stè ‘nsiéme qualche orétta:

ci se scambia le vizzite, ‘l paése

è ‘na famiglia sóla, unita e strétta!

 

Tutto se sa de Tizio e de Simprògno:

“Da Nizza arviéne Quinto... la Luisóna

parte mercoledì... è morto Tògno...

éva, puarino, ‘n mèle che ‘n perdóna...”

 

Semi, cialdoni, brìge e fichi secchi,

tanto per métte ‘n bocca qualcusina,

se dano... ‘ntorno al fóco stano i vecchj

p’arcontè, sèri, qualche nuvillina

 

tai nipoti ch’ascóltono ‘ncantèti!

Sopra la fiamma gira ‘l brustilino,

e scoppion dentro l’ècini sgranèti...

pù, quando s’èpre, i fiori del giardino

 

nun són cusì! Che festa!... ‘Na mancèta

per te, per me... son mòrbidi, croccanti...

‘n goccio de vino nóvo... e la serèta

passa bella, cusì, per tutti quanti.

 

                       TORNA ALL'INDICE
 


 

LA BANDA

Mercatale primi anni ‘30

La banda musicale era il vanto della Valdipierle. Ricordo con particolare nostalgia i concerti estivi in piazza e l’atmosfera gioiosa che li caratterizzava.

Al sopraggiungere del crepuscolo, la festa cessava e il paese si chiudeva nella mesta serenità del suo isolamento, mentre il venticello fresco della sera portava il profumo dei boschi circostanti

 

Ecco la banda coi su’ musicanti!

Belli loro e bello chj li guida!

Quando sonèono ‘n piazza tutti quanti

se givono a sintì: facéon la Ida,

 

la Traviata e la Cavalleria,

la Tosca, ‘l Rigoletto, la Boème...

Mentre sonèvon loro ta la via

se scordèva ogni cosa, anco la feme.

 

Si muriva qualcuno dei signori

o ghjétro la Madonna ‘n prucissione:

ecco la banda che scappèva fori

e te facéa strimì pe’l’emozione!

 

Parlèva al còre ‘l sono del clarino,

la tromba gni facéva compagnia,

paréva ‘n usignolo l’ottavino,

‘l trombone te métteva l’alligria!

 

Quando scattèva ‘l rullo del tamburo

lu strèpito dei piatti: che sconquasso!

Te scoti! Pu...pièn pièno ve’ siguro

ghjétro la banda, senza perde ‘l passo.

 

Sonèvon ta la piazza fréghi e vecchj,

séri guardèvon tutti ta ‘l liggìo;

c’érono bassi, grassi, alti e secchi

ma tutti brèvi, pe’ l’amor de Ddio!

 

Me sembra d’arvedé ta quela lista

Cirillo ch’arpulisce l’ottavino

co’ ‘n fazzoletto bianco, Arsegno, Bista,

Giovanni, Menco, Ugo... e Zefferino!

 

Bastèa che lu facésse ‘n cénno, ‘l coro

de quei soni cesséva tra le chèse.

Ghjétro la Cima coi su raggi d’oro

spariva ‘l sole...e alora ‘l mi paése

 

s’archjudéa tra quei monti pian pianino.

La gente se ne giva...anco i rondoni

smettévon de strillè...doppo ‘n puchino

ècchete ‘l tonfo secco dei portoni!

 

Canticchjon le ragazze a le finestre:

“Amami Alfredo...” L’éria se fa scura;

porta ‘1 vento l’ùdor de le ginestre

mentre la notte scende fresca e pura.

 

                       TORNA ALL'INDICE
 


 

LA ROTA

La grossa ruota di pietra, che fino agli anni quaranta si trovava dinanzi alla casa Fracassini, era nei mesi estivi il luogo di convegno serale delle donne, delle ragazze e dei bambini della “piazza di mezzo.

La rota (personificata) ascoltava i coloriti discorsi delle donne, le allegre risate, i pungenti e bonari commenti del mio zio Pietro Nardini (Piroletta). Quando, durante la notte restava sola, rimpiangeva i tempi lontani nei quali l’acqua del “botaccio”, cadendo sulle pale del mulino, la faceva girare.

 

Quando per San Giovanni 1) la calura

scoppia ‘mpruvvisa e stagna tra le chèse

arpènso a quela rota grossa e dura

che tutti conoscéono al mi paese.

 

La mi’ mente da sempre la pensèva

na macina da grèno del mulino;

ta la piazza de mezzo se trovèva

vicino al Monte 2) e al fondo de Marino.

 

‘Ntorno a la rota s’ardunèon le donne

d’istète a pigliè ‘l fresco doppo cena:

parlèon del più, del meno, mentre Ronne 3)

acuccèto durmia... la Filomèna,

 

‘l sor Angiolo e Gigi che zompèva

se mettévn più ‘n là, verso l’entrèta, 4)

a sedé tai banchetti... chj arcontèva

i fatti più importanti de l’annèta;

 

chj dicéa che a le vasche éon litighèto

per via del posto... L’Elide e la Tita

ridéon fra sé de quello ch’éon sognèto.

Artirèon fori i chèsi de la vita

 

l’Annina, la Vittoria e qualcun’altra...

la Giulia s’appartèva co’ la Néna

per chjacchjarè... la Gianna ‘n po’ più scaltra

giva de qua e de là... La luna piéna

 

rideva sopra i tetti, fra le stelle...

dal vigolo arivèa l’udore forte

dei tigli ‘n fiore... che serète belle

érono e fresche! Che nottète corte! 5)

 

Cécco fumèa la pippa da ‘na parte

Piroletta ascoltèa co’ la Geltrude

quel che dicéon le donne... e, pù con arte

buttèa du paruline..ma ‘n po’ crude! 6)

 

Qualche frego passèa de corsa... “Alòe!!!

Guarda ‘n dù metti piedi, rimbambito!”

“Che c’éte da bercè, che mèle fòe?”

E scomparìa tra l’altri, ‘mpermalito.

 

Passèon le lucciapalle col lumino

che faceva: pim, pam... dicéa la Lina:

“E’ tardi, bonanotte, ecco Marino

che torna verso casa...” L’Andreina

 

salutéva co’ l’Elda (érono cotte

dal sònno) e la Delia e la su zia

s’arizzèvon per dè la “bonanotte”

...e tutte pei su’ vènti gìvon via!

 

La rota tanto grèno per cent’anni

e forse più, contènta éa macinèto...

e mò dovéa sintì giòje e malanni

de la gente de tutto ‘l vicinèto!

 

Ma quando restèa sola ta la piazza

coi grilli che cantèon (qualche gattaccio

bercèa coi chèni) e la mollèa 7) la guazza

arsintiva lu stròscio del botàccio. 8)

 

___________________________

1) San Giovann: il 24 giugno.

2) Al Monte: al “Monte dei Paschi”.

3) Ronne: il cane dei Fracassini.

4) L’entrèta: il portone.

5) Nottète corte: le notti prossime al solstizio d’estate.

6) Crude: pungenti.

7) Mollèa: bagnava.

8) Botaccio: invaso del mulino ad acqua.

 

                       TORNA ALL'INDICE
 


 

PERSONAGGI STRANI E PATETICI

 

Immagini da ricordare con simpatia e tenerezza.

 


 

Co’ la scopa, la pèla e ‘l carrittino

Argario, Cintjo, Cèncio sèri sèri

giron de qua e de là verso ‘l mulino

p’arcòglie ‘l cóncio bóno dei somèri.

 

Arpuliscon la strèda… e ta ‘n cantóne

amùcchjono la robba dentro l’orto

per fè stolzè ‘l radicchjo, ‘n peveróne

‘na zucca e ‘l pitorzello armasto córto.

 

Bofónchjono qualcósa mentre stride

la róta del carretto d’un de loro,

Argario se rischjèra, Cintjo ride

(chj sa de che?) le donne fano ‘l coro

 

ta la loggia de Gnigniri… se zompa

co’ ‘na corda… più ‘n là, ta la piazzetta.

La Teresina arviéne da la pompa

co’ le bròcquele ‘n sieme a la Marietta.

 

* * *

 

‘Niva da Col de Morro, o Teverina

‘n umino allegro, basso, ‘n po’ sdentèto,

portèva ‘ntorno al collo ‘na curdina

co’ ‘na sveglia atacchèta, sbrindellèto,

 

‘na specie de mantello ‘l riparèva

da l’acqua e da la neve controvènto:

tutto portèa con sé… si gni sonèva

la sveglia, lipperlì, ridéa contento!

 

* * *

 

Arvénne al su’ paése, senza fretta

Brunone, ma nissuno più ‘l voléva:

l’Emma de Giulio, alora, o la Marietta,

‘n piatto de più, tra l’altri, gni mettéva.

 

Stette ‘n chèsa de Giulio apolajèto

pe’ ‘n po’ de tempo ‘ntorno a quel camino,

pu’ se ne gì, senza avé salutèto

e scomparve dal mondo pian pianino.

 

* * *

 

Capitèa qualche volta si bufèva

‘n vicchjno bianco col bastone alzèto:

si vedéa ‘n frégo gni s’avvicinèva…

ma lu fuggiva via senza più fièto.

 

Filippuselli éra ‘l nome de ‘st’ométto

che mugueléa tra sé, ma ‘n se capiva

quel che voleva dì, perché, porétto,

lu nun podéa parlè, manco sintiva.

 

Co’ la su’ mantillina ta le spalle

sembrèva ‘n gni pesasse d’èsse sólo.

Giva a dormì la notte ta le stalle

per sognè la carezza de ‘n fiólo!

 

                       TORNA ALL'INDICE
 


 


 

IL BRIGADIERE

 

Mercatale 21/08/1927

Il fatto sconcertante e drammatico gettò Mercatale e la Valdipierle nel più profondo sgomento. Fu uno dei primi “ospiti” del nuovo camposanto. Ancora oggi c’è sempre una mano pietosa che depone un fiore sulla tomba del “povero brigadiere”.

 


 

Prima de giorno se sintì ‘nu spèro

e gnente più… “Che sarà stèto mèi?

-disse qualcuno- Arà paghèto chèro

la volpe che cerchèva i su’ polèi!”

 

Ma doppo póco urli a perdifièto!

Dal letto svelta salta giù la gente.

Córron tutti laggiùe, verso ‘l merchèto

‘nducche piagne, chjamè, gridè se sente.

 

De fronte a la gabina, sotto ‘l tiglio,

s’afóllono i curiosi, pù, qualcuna

porta ‘n linzólo bianco, lu scumpiglio

aumenta co’ la gente che s’arduna.

 

Nun s’arconosce più la giubba nera

ché solo ‘l rosso c’è ta quela banda!

S’è macchjèta de rosso la bandièra:

qualche ragazza pensa a la grillanda…

 

Tal pedóne del tiglio c’è ‘na gabbia

co’ ‘n mèrlo che se sbatte spaventèto

pei bèrci de la gente e pe’ la rabbia

d’èsse, tulì, da tutti abandonèto!

 

El sole s’è levèto da Sorbello,

un rusignólo canta da più ore

tra i rèmi fitti fitti: è tanto bello

campè quando d’istète è tutto ‘n fiore!

 

Anco per te, póro Francesco Ghèno,

brigadjére de l’Arma fino a jéri,

quando tra no’ arivasti da lontèno,

tutto éra bello e nun avéi pensiéri!

 

Pù qualcósa cambiò: dentro ‘na fiamma

cuminciò a divoratte… Te se’ acòrto

d’èsse solo tra l’altri! Si la mamma

t’éra vicino, forse ‘nn éri mòrto!

 

Adesso se’ lassù tra tanta luce!

L’erba te cresce sopra e qualche giglio…

Chj te passa vicino la tu croce

tocca e te vóle béne cómme a ‘n figlio!


 

 

___________________________

Oggi, 15/11/1995 ho fatto una visita ai defunti del cimitero di Mercatale ed ho notato sulla tomba del “póro brigadjére” molti crisantemi e lumi. Dopo quasi settanta anni non è ancora dimenticato.

 

                       TORNA ALL'INDICE
 


 

IL LAMPINO

 

La tragica morte del Lampino (Esteri Benedetto) suscitò nel paese unanime compianto e commozione.

 


 

Era ‘n tipo scherzoso, ma ‘n po’ strano:

sotto l’Arme, ‘n Finanza, ‘n dù era stato,

a parlà éa ‘mparato l’italiano

e a scrive béne comme ‘n avvocato.

 

Pù se ficcò de chèsa tra ‘sti tòppi,

me père al Colle, e, ‘nfine a Muntimaggio

de l’amici n’avéa sinanta tròppi,

ma quando doppo ‘n giorno de viaggio,

 

qua e là, zeppèva dentro la topèa

de notte solo solo tal su letto

coi sorci e co’ le pulce s’altrovèa…

la neve gni rentrèva anco dal tetto!

 

Póro Lampino! Era disceso al pièno

per fè rifornimento, e gì da Bista;

(bufèva da do’ giorni pièno pièno…)

comprò quel ch’éa segnèto ta la lista.

 

Pù verso sera, doppo avé paghèto,

partì col su mantello e ‘l tascapène,

co’ la berétta ‘n testa, raffreddèto,

tosse, brunchite e crètti ta le mène.

 

Nissuno l’aspettèva a Muntimaggio…

A la Croce de Gàrmana ‘n tantino

volle fermasse p’archjappè ‘l viaggio

dóppo d’èssese arpréso ‘n puchinino.

 

(Fischja la tormenta pei dirupi,

tèsse la calaverna al su’ passaggio; 1)

el sole freddo tra bagliori cupi

manda, senza pietà, l’ultimo raggio.)

 

E venne ‘l bujo, e lu, rintrignolèto

co’ la su robba stèva chjòtto chjòtto

‘n mezzo a la neve… e pù s’è addormentèto

senza freddo tra ‘l ghjaccio ch’avéa sotto.

 

Nun era stèto mèi cusì contento!

Do’ giorni doppo arféciono la via

p’altrovallo… Tulì, ‘n mezzo a quel vento

paréa ridesse! La su’ mercanzia

 

nun c’éra più… sfondèto ‘l tascapène

la robba era sparita… lappe ‘n campo

volèon le carte… sarà stèto ‘n chène?

Ma lu durmiva ‘n pèce, pòro Lampo!


 

 

___________________________

1) Ho usato il presente storico per dare maggiore drammaticità all’immagine.

 

 

                       TORNA ALL'INDICE
 

 

 


 

LA CUCCA

 

‘N tempo de guerra arcomparì la Cucca

co’ la su mamma, arnìvon da la Francia,

porétte, senza gnènte ché la “mucca”

nun déva latte… alora ta la pancia

 

évono póco da ‘nfilè! Pù mòrse

la vecchia e la “Luisonne” ta ‘n fundino

s’ardusse per campè, ché ljì le corse

nun le sapéva fè manco ‘n puchino.

 

E ‘n volle gnènte, meno che ‘na sédia

per durmì rinvoltèta ta ‘n coltrone;

bazzichèa ‘l forno pe’ ‘n murì d’inédia,

sognèva giorno e notte ‘l buttiglione!

 

Pe’ ‘n chjéde gnènte ta nissuno, giva

co’ ‘n còso péso a scardassè la lèna.

Parlèva ‘l “pattuà”, spesso tussiva

pe’ ‘n’ora da strozzè… faceva péna!

 

‘Na sera se ne gìa vèrso la Macchja

per fè ‘n’improvvisèta… la campèna

sonèa… ‘nu schjanto sordo… ‘na fostàcchja!

Strignéa ‘l su’ rigalino ta ‘na mèna! 1)

 

___________________________

1) Si recava alla Macchia presso i signori Scarpaccini recando un regalino alla bambina della signora Andreina, quando venne investita mortalmente da una macchina.

 

 

                       TORNA ALL'INDICE
 

 


 

LA CATRA

 

La Catra pe’ la festa de le nóce 1)

voléa fè i maccaroni col galletto,

ma ‘na mattina nun sintì la voce

che gni diceva: “Scende giù dal letto!!!”

 

Vètte de corsa tal polèo… sticchito

sotto i legni te ‘l vedde e disse: “Mòe

pe’ la Maria 2) ch’arvién col su’ marito

a chèsa pe’ la festa, oddio, che fòe?”

 

La sera ‘nnanze 3) mentre Beppe e Rigo 4)

se dèon da fè tal tetto pe’ ‘l rinterzo

pensò la Catra: “Ógna che me sbrigo!”

E i stròcchi messe ‘nsieme pel su’ vèrso.

 

Da la Maria 5) se presentò: “Me dète

quattro sarde per facci i maccaroni…

‘na voglia ‘n fu mèi chèra… ma che fète?

Maria, l’acciughe nò! Son pei padroni!”

 

Ma la Catra se prese anco qualcósa

de resto; la mi’ mamma éra ‘n po’ brusca,

però de tanto ‘n tanto, senza pósa,

cavèa ‘l fiór de farina da la crusca.

 

___________________________

1) Per la festa della Madonna del Rosario (1a domenica di ottobre).

2) Per la figlia che sarebbe tornata in famiglia per la festa.

3) La sera della vigilia.

4) I campanari di Lisciano (castello-pieve).

5) La bottegaia, mia madre, alla quale la Catra (Caterina) portava gli “stròcchi” per avere in cambio generi alimentari.

 

 

                       TORNA ALL'INDICE
 

 


 

LA SORA MARGHERITA

La signora Margherita Servoli Fracassini era stata dama di compagnia della Principessa Zunica di Cassano.

 

La sora Margherita éra ‘n incanto

quando scendéva ‘n piazza pe’ le feste,

secondo ‘l tempo la cupriva ‘n manto,

cambièa secondo ‘l chèso 1) la su veste.

 

De seta o de villuto avéa ‘l corsétto

coi frònzili de trina e madreperla,

‘na spilla d’oro gni chjudéva ‘l pètto

che sbalurdiva chj riuscìa a vederla.

 

Dal collo gni scendéa ‘na gran caténa

co’ l’orloggio d’argento... a ogni mossa

la gunella col chjércio la campèna

sembrèa de Castrigóne, quella grossa!

 

‘Na borsa qualche volta gni pendéva

da le créspe del braccio ‘n po’ rialzèto;

spesso la sora Bita se vedéva

co’ ‘n bel ventaglio tutto colorèto!

 

Gni luccichèono ‘n testa tra i capelli

le pittinine e le forcèlle d’osso;

per qualche festa se vedéon l’ucelli,

o le cerase, tal capèllo gròsso.

 

Spuntèono appena le scarpette d’oro

da sotto quela stoffa pésa o trita, 2)

secondo ‘l chèso... c’éra sempre ‘l coro

de le donne: “Bón giorno, sora Bita!”

 

“Buongiorno a tutte voi, buongiorno Annina!”

Sempre cusì, quando scappèa bén méssa.

col libro e la corona la mattina

d’agosto, o de gennèo, per gì a la Méssa.

 

I guanti de merletto, co’ ‘n po’ d’arte, 3)

teneva ‘n mèno ‘nsiéme a l’umbrillino

pe’ ‘l solleóne... se facéa da parte

chj se trovèa tulì... qualche cittino

 

se fermèva ‘ncantèto! Tutti quanti

spalanghèvono l’occhj per vedella:

“Con quel’anelli d’oro coi brillanti

sembra ‘na principessa! Quant’è bella!”

 

Entra solenne, a passi lenti, ‘n ghjésa

la sora Margherita col su vélo...

gloria in excelsis deo...” La gente è tésa,

s’alza quel canto bello verso ‘l ciélo. 4)

 

 

___________________________

1) Secondo ‘l chèso: secondo la ricorrenza.

2) Pésa o trita: pesante o leggera, secondo la stagione.

3) Co’ ‘n po’ d’arte: con un po’ di civetteria, con grazia.

4) La gente è tésa: la gente è commossa, per la solennità della Messa cantata... e per la presenza della bella signora.

 

 

                       TORNA ALL'INDICE
 


 

LISÈO  –  LA DOROTÈA

 

Mercatale, verso il 1930

Questa storiella la raccontava, divertito, Pietro Micheli (Pipicchjo) fratello della Dorotèa. Conoscendo, tuttavia, il carattere scanzonato di Pipicchjo, sempre pronto a suscitare la risata con le sue simpatiche “trovate” è doveroso porre qualche riserva sulla veridicità del fatto.

 

Quando la Dorotèa lasciò ‘sti monti

per gì dal su fratello a Baltimora

éva Lisèo tre anni e tutti quanti

piànson da fè acorè per più de ‘n’ora.

 

S’éra fissèta con quel bel cittino,

sempre ‘l voleva ‘n collo e lo bacèva:

tal punto de partì: “’N altro puchìno

facemmolo tené, ta me…” diceva.

 

Pù se ne gì… mandéa de tanto ‘n tanto

‘na cartolina “al piccolo lisèo”.

Per anni trenta fu cusì, fintanto

ch’arvenne al su’ paese de gennèo.

 

Appena argiònta ‘n chèsa, da ‘na cassa

tirò fóri ‘na schètala con ‘n fiòcco:

“Questa è ‘na sorpresina -disse bassa-

c’è ‘na palla e ‘n trenino pel mi còcco!”

 

“Per chj?” fece Pipicchjo tetro tetro…

“Comme per chi? Pel mi Lisèo che ora

sarà ‘n bel ragazzino…” “Ma per Pietro,

pel su fiólo, vorrè dì…” La Dora

 

armanse zitta e, doppo avé pensèto

arvenne ‘n sé… capì che a Mercatale

comme laggiù ‘n du stéva éra passèto

el tempo… el tempo… el tempo ‘n béne e ‘n male.

 

Quando se fece giorno, la mattina,

gì fóri per vedelli a uno, a uno:

“Quella è la Tèle? Quella è la Rusìna?”

‘nn arconoscéva più proprio nissuno!

 

Gni sembrèvono tutti storti, vècchj,

mègri, sdentèti, zoppi, ‘n mèle arnése…

le chèse brutte… e alora chjùse l’occhj,

partì… pe’ ‘nn arnì più al su paese.

 

 

                       TORNA ALL'INDICE
 

 

 


 

L’ÓMO COL TABARRO

 

Primi anni ‘30

 

L’abito non fa il monaco.

 

Se vedeva d’inverno a Mercatèle

co’ ‘n tabarro bisunto, sbrindellèto

‘n ómo che nìa, me père, da Casèle.

Passèva la mattina giù al merchèto

 

‘n ducche smadònnon tutti senza resa

e lu tra i majalèi de Camucìa,

de Magione, Castello… éra de chèsa.

Per ore stéa tulì, pu niva via

 

e gìa dal sor Andrea con tutta fretta

per magnè ‘n po’ de torta, comm’è usanza

e bévici, maghèri, ‘na foglietta

de vino bianco o nero, ‘nn ha ‘mportanza.

 

La Filomèna, sempre ‘n po’ testarda,

s’era vigiglia e lu chjedéa ‘l prociutto,

facéa ‘l segno de Croce… e pù ‘na sarda

gni déva e, zitto, lu magnèva tutto.

 

Portèva ‘n cappellaccio senza nastro,

zòcquili ch’arlaccièva co’ ‘n curdino,

‘n ombrello d’encerèta ‘n po’ verdastro,

‘n tascapène de panno marruncino.

 

E sempre ‘n fazzoletto ‘ntorno al collo

portèva, ‘n sò perché, facéa la spesa:

baccalà, ringhe, pasta… pù satollo

arpiglièva la strèda verso chèsa.

 

Ancora ‘n me so rende pròprio conto

de quello che dicéono: ‘l credaréte?

Doppo tant’anni ci ardivento tonto

si fusse stèto vero ch’éra ‘n préte.

 

Ma ‘n fondo quel por’ómo, a parte i panni,

la barba longa… ta chj déva nòja?

Tanti, vistìti béne fan più danni!

e tu li rivirisci pién de bòria.

 

 

                       TORNA ALL'INDICE
 

 


 

FAZIO – campione di footing

 

Modali Bonifazio avéa i garétti

temprèti comme quelli de ‘n somèro:

da Chjantina arivèa con do’ balletti

senza straccasse fino al Calzolèro.

 

Pù ‘n serèta stolzèa da la Zelinda 1)

per fè rifornimento de canfino; 2)

portèva l’óvi freschi ta la Dinda,

do’ fonghi o do’ castagne ta Bistino.

 

Bazzichèva i merchèti d’ogni sòrta:

Cortona, Col de Morro, Mercatèle;

avéa sempre qualcósa ta la spòrta

da barattè col baccalà o col sèle.

 

Pe’ le fiére a Castello, a bujo fondo,

partìa co’ la bisaccia sempre piéna;

quando s’alzèva ‘l sole a San Secondo

sintìa sonè a Canocia la campèna.

 

“Ve ringrèzio, Signore e Madunnina,

San Fròlloto 3) -diceva- so’ contento

che me pòrton le gambe, stamattina

la strèda m’è volèta comme ‘l vènto!”

 

Bevéa ‘n guccino da la su buraccia,

magnèa ‘n pizzin de pène de tritello;

senza fermasse gìa col sole ‘n faccia…

Quando battéon le sette era a Castello.

 

___________________________

1) La Zelinda Pasqui, bottegaia a Mencaccini.

2) Canfino: petrolio per illuminazione.

3) San Fròlloto: San Florido, patrono di Città di Castello.

 

 

                       TORNA ALL'INDICE
 

 


 

ANDAVANO A VOLTERRA

 

Dopo il passaggio del fronte, nel 1944, molte persone della Valdipierle si recavano in bicicletta per rifornirsi di sale presso le saline di Volterra. Era un’impresa veramente avventurosa, dati i tempi.

 

 

A pigliè ‘l sèle givono a Volterra,

per guadagnè do’ scudi, ‘n bicicletta

co’ le gomme ‘mpurrite, sempre a terra:

fème arretrèta e la cintura strétta.

 

Sparìon dal mondo pe’ ‘na sittimèna,

(si giva béne) arnìono stracanèti!

Passèvon la nottèta al Colle, a Siena

si pe’ strèda, per chèso éron fermèti!

 

Mettévon ‘na sachetta ta la canna,

‘n’antra legèta ghjétro tal sillino,

carco ‘l manubrio… Co’ la loro chjanna 1)

arcomparìono a l’Èja de Barnino… 2)

 

pù giù pé la discesa a rompicollo

col tesoro da vende a chj ‘l voléa.

Ma nissuno a quei tempi era satollo!

Anco quel bén de Ddio póco rendéa!

 

___________________________

1) Chjanna: flemma, stanchezza.

2) L’Eja de Barnino: vocabolo lungo la discesa della strada, presso i Gosparini.

 

 

                       TORNA ALL'INDICE
 


 

VANNO A MIETERE

 

Per guadagnè dó soldi, a cor contento,

partìono i giovanotti a miète ‘l grèno:

givono a Torrenieri e Bonconvento

e qualcheduno anco più lontèno.

 

Atacchèvon la falce ‘ntorno ai réni;

el martello p’arbatte, ‘l quadrillino

ficchèon ta ‘na sachétta con quei bèni

che bàston per campè ta ‘n contadino.

 

Giubba e calzoni rozzi de fustagna,

a piédi, tutti ‘nsiéme… érono tanti!

passèvon ch’éra bujo la montagna

e pù giuppér quei pièni sempre avanti!

 

I piedi gni bullìvon pe’ la via,

la falce gni sbattéa contro la coscia…

quando sonèa pei poggi l’emmarìa

stracchi giognéon laggiù… pù ta ‘na tròscia

 

se lavèvon per fè bella figura.

E la mattina doppo tal pracione

se bùttono co’ l’altri, finché dura

el lume, sotto l’occhj del padrone.

 

Per otto, ghjéci giorni brucia ‘l sole:

“Magna svelto, Minchino, senza lagni,

risisti senza bé fin che tu póle:

arcòrdete: più miéti, più guadagni!”

 

Quando arpassèono i monti quei puarini,

co’ l’òcchj che guardèvono lontèno,

podéon pensè a sposasse che i quadrini

pel vistito e le scarpe l’éono ‘n mèno.

 

 

                       TORNA ALL'INDICE
 


 

LA MIETITURA

I contadini, intenti a mietere il grano nelle afose giornate di luglio, intonavano, nelle brevi pause del lavoro, all’ombra dei filari, quel canto triste e dolcissimo:

… e lile, lile, lalo, lile, lòcco,

Faceva accordo, a quel canto struggente, il frinire delle cicale.

 

Quando arivò san Piétro e tutto ‘l grèno

éra dorèto sentenziò Mencóne:

“Pigliè’ lle falce e gite tutti al pièno

a miéte ‘l nostro e quello del padrone!”

 

E via tra ‘l lusco e ‘l brusco ‘nn alligrìa

vèttono tutti ‘nsiéme a la campagna

p’atacchè cuminciando da la via:

chj féa la prèce e chj la capitagna.

 

E cantèon, póra gente sotto ‘l sole

che li brucèa, cantèon co’ le cichèle,

secchi, struniti, senza sintì mèle

 

pel caldo e pe’ la sete, s’Iddio vóle!

… e lile, lile, lalo, lile, lòcco,

è morto ‘n contadin senza ‘n bajòcco…

 

 

                       TORNA ALL'INDICE
 

 

 

 

 


 

LA TREBBIATURA (la battitura)

 

La “battitura” era, nel mondo contadino, l’avvenimento più importante dell’anno, atteso da tutti con serena allegria. Chi non più giovane legge i versi seguenti, potrà rivivere quell’atmosfera di festa… e di fatica, che qua e là si instaurava nelle aie all’arrivo della trebbiatrice.

 


 

Ta lèa la trébbia sotto ‘l solleóne

rùgghja, suspira ‘ntrocche gni dà i balzi

ritto, brucèto Beppe de Lillone.

Suppe la miéta i contadini scalzi

 

ùrlono, stracanèti ‘n quel vucìo…

e ‘ntanto chèla la mucchja e s’arizza

bello ‘l paglièo tal mezzo al pulvirìo

de quela pula che ‘l vento scatizza.

 

Tal loppèjo Gigione ‘nsiéme a Nòcca

arvùltaca, bastigna, fà la bèva,

a la mècana Gósto, vénco ‘n bócca

mette la balla e ogni tanto la chèva.

 

Sotto ‘na cèrqua, tutto spolerèto

a la miriggia dorme ‘l machinista,

pronto a scattè si qualcun l’ha chjamèto,

o si qualcósa se presenta ‘n vista.

 

Pàsson tra l’ómi do’ ragazze mòre

col buttiglione e la mizzina ‘n mèno:

ta qualcheduno batte forte ‘l còre!

Chjéde da béve Giagne de Fojèno.

 

E ‘n mezzo a chj se gratta e a chj s’adanna

passa ‘l frète a cattè, pe’ le su vìe,

fa ‘na risèta sotto la capanna

con chj gni dice do’ coglionarìe.

 

Ta la loggia de chèsa la padróna

piglia ‘l sole da sotto l’umbrillino

e guarda ‘n giù la gente… è tanto bóna

ch’ha portèto, sinanta, pel cittino

 

malèto de la Beppa, i savojardi!

Pe’ la Checca, puarina, ‘ntruppichita

da qualche mese ‘n qua, che Dio ci guardi!

‘na medaglina, o do’, de Santa Rita.

 

‘N tutto stu bulighèo, stu polvarone

apoggèto a la porta del granaio

co’ la gravatta nóva ‘l sor padrone

bèrcia ta Gosto: “’N fa spaglià lo stajo!”

 

Ma la cosa più bella de la festa

è l’udurin che vién da la cucina:

“De la miéta ormèi póco ci resta,

donne, buttète giù la grandinina!”

 

Dal forno ‘l ciùcio aròsto bell’e còtto

fa ‘rviselè chj è morto e satorèto;

chj ‘n ne pòl più ha vinto ‘n terno al lòtto

quando: pù… pù… ‘l trattore s’è zittèto.

 

A lavasse, sfiatèti, córron tutti:

se pàssono tra loro ‘l ciuttamèno…

“Mo’ sémbron belli anco si són brutti!”

butta là, divirtìto, Cacciamèno.

 

Doppo avé messo ‘n pignattino ‘n cima

al mitùlo che scappa ‘n puchinino

salta giù dal paglièo, (per fè la rima)

tutto sudèto, Beppe de Casino.

 

L’arguàrda ‘n po’ gni fa le lontananze,

‘na pertichèta, do’… “Làssolo stè!”

E doppo avé cuncluso le distanze

se gira e anco lù se va a lavè.

 

Ta la tàvala lónga c’è gni cósa:

minestra, ciùcio… vino stagionèto,

maccaroni… a sirvì passa la Rosa

co’ lo zinèle bianco de buchèto.

 

Minchino, che vól fè lo stuppitino,

dice qualcosa, ma dovènta rosso…

anco la Rosa… alora via col vino!

Se sghignazza, se ride a più nun posso.

 

Al frésco, ta la loggia, coi padroni

màgnono zitti zitti i machinisti,

puarìni, ‘n san che dì, comme coglioni,

del Duce, de la guerra e dei fascisti.

 

Sotto stu caldo dorme Mercatèle:

pe’ le tre piazze manco ‘n chène passa,

tra i tigli del merchèto le cichèle

bàttono ‘ndiavolète la grancassa.

 

                       TORNA ALL'INDICE
 


 


 

LA VENDEMMIA

Mercatale primi anni ‘30

Prima che avvenisse la coltura estensiva del tabacco la vite prosperava in tutte le zone collinari della Valdipierle. Le vigne di Danciano, in particolare davano un buon vino rosso, abboccato, e dal “trebbiano”, coltivato ovunque, si ricavava un vinello verdognolo, poco alcolico, ma frizzantino e gradevole. Nei giorni della vendemmia il paese si animava e cambiava aspetto, con grande gioia dei ragazzi che si aggiravano, curiosi, davanti alle cantine padronali tra quell’insolito disordine.

 

Doppo la Fèsta 1) se vedéon le tine

i bigonzi, le botte e l’armaménti

per vendemmiè, davanti a le cantine,

pe’ stagnalli co’ l’acqua e coi fuménti.

 

Ta la piazza de mezzo ‘n vèr la Banca

nun se camina più tra quel’attrezzi;

de sotto, giù al morone, non s’aranca

e Gesoaldo è archjuso tra quei pezzi.

 

Sotto le logge Adamo ‘nn è convinto

e tira fori e armétte...vol fè prèsto!

e ‘1 sor Beppino dentro ‘l su ricinto

armeggia coi stréttoji e tutto ‘1 rèsto.

 

Se stufono le botte e pù, si è ‘1 chèso...

‘n colpo a la doga, ‘n colpo tai cerchjoni!

Da l’usciolo se chèva tutto ‘1 tèso

per dallo tal pellèo de Castiglioni.

 

Pu sotto ‘1 sole tra i filèri, via

a coglie col canèstro! Ta la vigna

se chjacchjara, se canta...la Maria

arconta... Ménco ta la schèla ghigna.

 

Se cappa l’uva bona pe’ ‘1 vinsanto,

se pigiono i bigonzi coi cazzòtti;

co’ la barèlla, pù, de tanto ‘n tanto,

li porton ta la via do ragazzòtti.

 

E quando ‘l sole è scomparito ghjètro

ai monti de Cortona e se fa ‘l fresco:

“Smettémo alò!” dice convinto Piétro,

siguìto da Pasquino e da Francesco.

 

Le donne arnòdon meglio i fazzoletti,

archjàppono i fioli pè la mèna,

‘nfilon tal braccio i pèndili a mazzétti...

Sona qua e là tra i poggi la campèna.

 

Pei campi e pe’ le vigne coi su bovi

ariva ‘l carro, balla ma è siguro!

“Carca i bigonzi, Bèrto, ‘n dù li trovi!”

Se giogne a la cantina ch’è già scuro.

 

C’è gran da fè: trurtru...tai scantinèti;

s’amucchja ta ‘n cantone la venaccia...

nùvele de mucini scatenèti

te sbàttono ta l’occhj e ta la faccia.

 

E doppo ‘n po’ de giorni, co’ la luna,

se chjùdon le cantine... ‘l sor Beppino

sèrra ‘1 cancèllo e la su robba arduna.

Mò c’è pe’ l’èria l’udurin del vino!

 

E’ giònta co’ le nèbbie e la campèna

che de bon’ ora sdrjnguala stonèta 2)

la siménta del grèno e la novèna

dei morti: la mattina che brìnèta!

 

Ormèi s’aspètta tutti San Martino...

métte la torta tal panèo 3) la Bita:

brige, salsicce...pù s’asaggia ‘1 vino.

Senza fermasse va, cusì, la vita!

 

___________________________

1) La Festa dell’Addolorata.

2) La campana che suonava per la novena dei morti.

3) Il testo di pietra che serve per cuocere la “torta”.

 

 

                       TORNA ALL'INDICE
 


 

LA RACCOLTA DELLE GHIANDE

 

La raccolta delle ghiande era praticata per lo più da persone anziane, che nel tardo autunno, sfidando i rigori della stagione, con le mani intorpidite dal freddo, curve per ore, svolgevano il loro lavoro, commentando a voce alta i fatti del giorno e le notizie del paese.

 

Le ghjande pe’ ‘l mugnèo a La Cuccagna

gìa qualche donna a ‘rcòglie: la Giuditta

partìa co’ la Nunzièta... e ta ‘na stagna

o ta ‘n canèstro le mettéon; la “Ditta”

 

‘na lira l’ora garantìa ta tutti

per fè rugghjè i majèli da l’ingrasso

déntro quei guernatój coi brégni asciutti

e col cancèllo chjùso da ‘n bel sasso.

 

‘N mezzo a quei spini, gòbbe, a le ventète

de tramuntèna, frùgono velóce:

per passè ‘l tempo, tutte ‘nguluppète

pàrlon del più e del méno ad alta voce.

 

Ernèsto sta a sintì... pù: “Vó Nunzièta

parlète troppo e nun restète a galla...”

Gni risponde: “Io nun sarò educhèta,

ma la lengua ci l’ho e vòlgo adopràlla!

 

Per vostra “enórme réguala” vel dico,

discurgo sì, ma ‘rcòlgo e resto a galla!

Si ‘n ve sta béne vèdo a Valdivico

‘n ducche me dan de più, senza legalla!”

 

 

                       TORNA ALL'INDICE
 


 

IL GRANTURCO

 

Ricordo, tra le immagini vive della mia adolescenza, i floridi campi di granturco in Valdipierle (non era ancora scoppiato il boom del tabacco che avrebbe rivoluzionato le colture ataviche, portando, tuttavia, benessere nella zona). I fusti ben allineati, come soldati in parata, ostentavano al sole di luglio le nappe dei fiori staminiferi livellati e le belle pannocchie ascellari avvolte in brattee con lunghi e folti stimmi filiformi.

Dai chicchi del granturco si ricavava la farina gialla, la quale impastata con acqua molto calda e con l’aggiunta di un po’ di sale, serviva a preparare la “torta” che veniva cotta sul testo (panèo) di pietra arenaria scaldato al fuoco vivo del focolare: la torta era il cibo quasi quotidiano dei poveri.

Con la farina gialla si faceva, inoltre, la polenta, la farinata, e, mischiata con un po’ di farina di frumento, il “panetto”.

In estate con i chicchi ancora freschi e lattiginosi del granturco e con l’aggiunta di fagioli e poco condimento, si preparava il “cicigliano”.

Le pannocchie fresche venivano bollite o arrostite alla fiamma ed i chicchi teneri e saporiti si mangiavano strappandoli con i denti fino a lasciare il “torsolo” nudo.

Gli scarti del granturco erano un ottimo ingrediente per la “bobba” del maiale da ingrasso.

I cartocci servivano a riempire il saccone del letto; i fusti secchi ravvivavano il fuoco del camino.

La pianta del granturco era  un vero tesoro.

 


 

E’ ‘l granturco ‘n tesoro benedetto

che t’ajuta a svernè senza paura

quando la tramontèna spazza ‘l tetto

e la terra pel ghjaccio se fa dura.

 

Comme fanti del “sesto reggimento”

le piante del granturco tutte ‘n fila

scóton le nappe 1) de la testa al vento...

Quante sono?... Cinquanta, centomila?

 

Porta ogni gamba 2) le giberne 3) al fianco

col ciuffo dei capelli 4) lungo, grève:

sfamaràn la famiglia quando bianco

el mondo sparirà sotto la neve.

 

Doppo scartocciatura che alligria!

I mazzi de le spighe, 5) tutte d’oro,

salùtono chj passa pe’ la via,

mostrando contro ‘l muro ‘l su’ tesoro.

 

E i cartocci, che fan tanto rumore,

dentro ‘l saccone sistemèti béne,

tal letto duro segnaràno l’ore

del sònno... dei pinsiéri e de le péne.

 

I strocchi 6) sirviràn pe’ la turèta 7)

de l’orto, o pel falò ricordativo 8)

faràn bullì ‘l caldèo 9) de la buchèta,

terrano ‘l ceppo grosso sempre vivo

 

quando verso novembre, a póco a póco,

i giorni se faràn sempre più corti,

scaldaràn la famiglia ‘ntorno al fóco

mentre dice ‘l rosèrio pe’ i su’ morti.


 

 

 

___________________________

1) Le nappe: i fiori staminiferi, maschili.

2) Ogni gamba: ogni pianta.

3) Le giberne: le pannochie chiuse dalle brattee (cartocci), con i chicchi preziosi.

4) I capelli: il folto ciuffo degli stimmi filiformi che trabocca dalle turgide pannocchie.

5) I mazzi de le spighe: i mazzi delle pannocchie dorate esposti al sole ad asciugare lungo il muro della capanna.

6) Strocchi: fusti, gambi secchi.

7) Turèta: recinto, siepe.

8) Falò ricordativo: il falò che veniva acceso la sera antecedente le festività solenni.

9) Caldèo: il grosso paiolo di rame che serviva a far bollire l’acqua, la quale, gettata sulla cenere nella conca del bucato, si trasformava in “ranno”, il profumato detersivo del tempo.

 

 

                       TORNA ALL'INDICE
 


 

LA SCARTOCCIATURA

Verso la fine disettembre la scartocciatura del granturco radunava nelle affumicate cucine dei contadini, gente di tutte le età. Al fioco lume delle lampade a petrolio, o ad acetilene, il lavoro procedeva, gioioso, fino a tarda notte, tra canti, lazzi e schermaglie. Non mancavano, naturalmente, i commenti sui fatti del giorno e sulla cronaca paesana.

 

“Che magnarà la sposa la prima sera?..”

cantèa Francesco ‘n cima a la mucchjèta

più alta, ‘ntròcche scartoccèa, la Tèra

se déa da fà col lume, e la vivèta

 

de le ragazze rispondéa de grosso!

Tonfèon le spighe... “Oh fréghi fète pièno

che ‘l grinturco ‘n sòn brécquele de fosso,

e l’inverno ‘nn è più tanto lontèno!

 

Quando bufa, la torta ‘ntorno al fóco

ve pièce sgranocchjè cn do’ baloce

ch’aélle tal pignatto nun è póco!”

 

 

E ‘l canto gìva avanti ad alta voce

ta la cucina nera, a nun finì...

“do’ turtiline e ‘l mezzo picciuncì...

 

 

                       TORNA ALL'INDICE
 

 

 

 

 
LE QUATTRO STAGIONI

 

*    mattino

**  mezzogiorno

*** sera

 

EQUINOZIO DI PRIMAVERA - 21 marzo.

 

* Sopra la “scòla” 1) limpido, pulito,

    a le sei spunta ‘l sole e ride bello;

    de fiori rosa ‘l pèsco s’è vistito

    ta l’orto ghjétro ‘l muro del Castello. 2)

 

** E’ tutto ‘n canto ‘l pièno e la collina,

     se dan da fè l’ucelli per fè ‘l nido,

     sotto la gronda è gionta stamattina:

     la rondine te sveglia col su grido.

 

*** Ta la buca de Pierle 3) se ringuatta

        el sole: sòn le sei méno qualcósa,

        tai fossi e ta le tròsce adesso scatta:

        grè-grè-grè-grè 4) la muzzaca nojósa.

 

 

___________________________

1) La “scòla”: la scuola di San Martino, sul crinale della collina ad est di Mercatale.

2) Castello: i ruderi del castello, presso l’aia di Gnigniri, a 100 metri da casa mia.

3) La buca di Pierle: avvallamento tra il Poggio della Croce e il monte Maestrino, ad ovest di Mercatale, in corrispondenza della curva della Madonnina di Pierle sulla via per Cortona.

4) Il grè-grè delle rane

 

                       TORNA ALL'INDICE
 


 

SOLSTIZIO D’ESTATE - 21 giugno.

 

* El sole scappa fóri da Sorbèllo,

   i tigli del merchèto sòno ‘n fióre;

   manca póco a le cinque, dal Castello 1)

   giogne del fiéno nóvo ‘l bón udore.

 

** A mezzogiorno l’ombra 2) giuppe ‘l muro

      da la gronda s’alunga e se disperde,

      tai poggi qua e là ‘l grèno maturo

      disegna macchje gialle ‘n mezzo al verde.

 

*** El sole tocca ormèi l’ultima riva, 3)

        sopra Ginezzo scende, tutto ‘ntorno

        la gente pe’ le piazze s’arfà viva. 4)

       A le otto de sera è sempre giorno!

 

___________________________

1) Castello: vedi nota pagina precedente.

2) L’ombra: il sole presso lo zenit fa allungare le ombre delle gronde sulle facciate delle case.

3) L’ultima riva: l’ultimo punto verso nord-ovest nel giorno più lungo dell’anno.

4) S’arfà viva: dopo il tramonto, allo scendere della fresca brezza serale, la gente, lasciato il lavoro, anima le piazze.

 

                       TORNA ALL'INDICE
 


 

EQUINOZIO D’AUTUNNO - 23 settembre.

 

* Tra i ciuffi d’erba al bordo de la strèda

    la guazza è fitta, mòlla, sembra brina:

    sopra la “scòla” 1) tra la nebbia rèda

    a le sei scappa ‘l sole stamattina.

 

** A mezzogiorno tai filèri lónghi

      occhjeggia l’uva mézza, gialla e bruna;

      la gente pèrde ‘l tempo a cerchè i fónghi,

      fruga le macchje adatte a una, a una.

 

*** E doppo ch’è arivèto a la su spónda 2)

        el sole, comme fusse primavera, 3)

        ta la buca de Pierle se sprofonda:

        són le sei, póco méno, de la sera.

 

___________________________

1) “Scòla”: Vedi nota in “Equinozio di primavera”.

2) La su sponda: al termine del suo corso giornaliero sulla linea dell’orizzonte.

3) Primavera: nel giorno degli equinozi la posizione del sole, al sorgere e al tramonto, è la stessa.

 

 

                       TORNA ALL'INDICE
 


 

SOLSTIZIO D’INVERNO  - 22 dicembre.

 

* A la buca del Prótine 1) s’afaccia

    brumóso ‘l sole, luccica la brina

    tai prèti, sopra ‘n mucchjo de venaccia

    frùgono tre verdoni 2) stamattina.

 

** ‘Ntorno ai pagljèi se dà da fè Angilino; 3)

      l’èria s’embrùsca, ‘l cielo se fa scuro,

      a la povènta 4) i freghi co’ ‘n suldino

      giócono a “testa o cróce” longo ‘l muro.

 

*** El sole va giù ghjétro la Badia, 5)

        sòn le tre e mezzo e scende già la sera:

        tulà, al pagìno, 6) ai bordi de la via

        la brina de più giorni è sempre ‘ntera.

 

 

___________________________

1) Protine: valico tra la Valdipierle e il Pian di Marte: vi passa la via che da Lisciano Niccone porta a Magione e Perugia.

2) Verdoni: graziosi uccellini dal piumaggio verde intenso, comuni ai miei tempi, in Valdipierle, in inverno.

3) Angilino: Angiolino Pitturiti, detto “Gnigniri”, tante volte ricordato nei miei versi.

4) Povènta: al riparo dal vento (termine molto usato nel nostro dialetto).

5) La Badia: il monte Castiglione, a sud-ovest di Mercatale. Vi si trovava l’Abbazia benedettina di Rifalce. Oggi ne rimangono pochi ruderi.

6) Tulà, al pagìno: verso la Madonnina del Palazzo. Luogo a ridosso di un’altura, volto a nord dove, in pieno inverno, non arrivava mai il sole.

 

 

                       TORNA ALL'INDICE
 

 


 

CANTO DI PRIMAVERA

 

Ogni festa, ogni stagione mi riporta l’eco di melodie udite negli anni dell’infanzia in Valdipierle. Melodie che venivano cantate dal calzolaio, dal sarto, dal falegname, dal contadino sotto il sole e nelle stalle… nonché dalle ragazze e dalle giovani spose del paese.

Non so come quelle delice arie cantabili, quelle belle romanze arrivassero, allora, nella sperduta Valdipierle.

Ricordo struggenti canzoni di guerra (1915-18) che mio padre, ex fante sul Carso, cantava con voce intonatissima nella sua bottega di calzolaio. Ricordo i canti appassionati che accompagnavano i lavori stagionali dei contadini nei campi.

 

Quando l’aprile ‘l tempo bóno arpòrta

el cielo co’ la terra se conciglia;

se sveglia la natura  ch’éra mòrta,

canta col sole la su maraviglia.

 

Giannino co’ la vanga e col ronchetto

lavora la su vigna da bon’ora

e canta con passione ‘l motivetto:

“O Fedora, mia dolce Fedora

 

diciòtt’anni nel fior della vita…” 1)

D’un tratto tra l’ulivi s’alza il grido:

cu cu, cu cu! La macchja è rinvirdita,

s’altróvono l’ucèlli per fè ‘l nido!

 

___________________________

1) Dalla “Fedora” di U. Giordano.

 

 

                       TORNA ALL'INDICE
 


 

ESTATE

 

El sole brucia nun s’artira ‘l fièto;

l’ómi sòn giti al pièno a ‘rfè le fórme,

le donne al fresco tàgliono ‘l seghèto,

a l’ombra de ‘na cèrqua ‘l chène dorme.

 

Tra i rèmi del ceraso stride ‘l vèrso

de le cichèle, lappe ‘l ciel turchino

compère minaccioso ‘n falco spèrso

che fa la róta per rubbè ‘n pulcino.

 

Al bujo de la stanza, ta ‘n cantuccio

(mentre fóri pèr d’èsse dentro ‘n fórno)

dorme ‘l cittino sotto ‘l balestruccio;

le mosche a scièmi rónzono d’intorno.

 

Sotto la cappa gréve de l’arsura

però la Valdipierle nun è morta!

La vita per chj è bella, per chj è dura

continua anco sotto l’ombra corta. 1)

 

___________________________

1) Nelle ore calde del giorno, quando il sole è allo zenit.

 

 

                       TORNA ALL'INDICE
 


 

LA PARTENZA DELLE RONDINI

Ottobre 1996

 

S’è rotto ‘l tempo ormèi, rimbomba cupo

el tóno tra le cime... le castagne

s’arcòlgono a Liscèno e a Bacialupo

spesso la valle tra la nebbia piagne.

 

Tai fili del telefono l’ho viste

ieri le rondinelle... ‘n compagnia

se dicéon tante cose, ma ‘n po’ triste:

piglièon l’acordi pe’ la lónga via.

 

Pù tutte via pel cielo, tra ‘l baglióre

dei lampi tra le nùvele d’argento!

E stamattina, presto, al primo albóre

la gronda ‘nn ha più voce, solo ‘l vento

 

gióca con qualche filo e qualche piuma...

Ormèi la bella istète se n’è gita:

verranno i giorni freddi co’ la bruma,

la neve bianca co’ la su fiurita.

 

 

                       TORNA ALL'INDICE
 

 


 

OTTOBRE

 

Chjùdon la valle ‘n fondo, a l’orizzonte,

le cime bianche verso Pietralunga,

arpassa l’acqua chjèra sotto ‘l ponte,

l’ombra dei poggi sempre più s’allunga.

 

Tra le felcie, a Le Vàcchje, i ciclamini

spuntono a mille, rossi, a la povènta;

prepèron la maggése i contadini

ch’è giónto ‘l tempo ormèi de la seménta.

 

Ancora ‘nn è finita la vendégna

a l’alto, ‘n ducche l’uva è trita, dura;

el fume dei camini ‘l vento ségna

la sera quando l’èria se fa scura.

 

Scàppon le pastorese dal su’ guscio,

chèdono i ricci vóti a bocca apèrta,

mugghja la tramontèna e sbatte l’uscio

che dà ta la piazzetta ormèi deserta.

 

                       TORNA ALL'INDICE
 

 

 


 

 MATTINA RIGIDA D’INVERNO

 

Quando gelèa la pompa e quel candélo

bianco scendeva giù da la canèlla,

la mattina serena lappe ‘l cielo

freddo, de vetro, se spegnéa ‘gni stella.

 

Ècchete, alora, Beppe, co’ l’orécchj

fascèti da ‘na sciarpa… porta ‘n mèno

‘na mancièta de scópe… con do’ sécchj,

Menco s’avìa a la pompa pièno pièno.

 

El fulminante fa scattè la fièra…

chède co’ ‘n tonfo secco quel ghjacciòlo

l’acqua vién giù da la canella nera,

ci mette sotto, Menco, ‘l su bugliolo.

 

A la pompa sghjaccèta co’ lo scialle

vengon le donne, sempre ‘ndaffarète,

co’ le bròcquele… ‘ntanto ta le stalle

bévon le vacche, al caldo, spolverète.

 

Qualche pàssara scende dai camini,

mentre ‘l sole s’afaccia e se rispècchja

tai vetri che se sdólcono… i cittini

guàrdon de sotto… la campèna vecchja

 

da sopra i tetti spande la su’ vóce

che chjèma pe’ la Messa de bon’ora.

Davanti al fóco tal panèo se cóce

la tórta bianca, bella, che ristora.

 

 

                       TORNA ALL'INDICE